Print Friendly, PDF & Email

Appena qualche anno fa sarebbe stato un sogno. Oggi è un portale web. Si chiama Easy Go Out ed è un semplicissimo strumento digitale che permette a tutti, proprio a tutti, di trovare il locale davvero accessibile e inclusivo all’interno della propria città. È stato sviluppato da un gruppo di volontari di AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, con il sostegno di AGN ENERGIA.

Serve a trovare locali in cui la regola sia l’accoglienza e l’inclusività della persona, dove entri senza pensieri ed esci con sorriso, potendo fare ciò che desideri, perché lì nessuno considera “strana” la tua disabilità, ma assolutamente naturale. Se nella tua città, l’ambiente giusto e inclusivo per un aperitivo con i tuoi amici esiste, su Easy Go Out è stato mappato, sperimentato e valutato.

Il suo battesimo sulla rete è il 3 dicembre, data in cui in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità. Propone già 100 locali distribuiti sull’intero territorio nazionale, con la caratteristica di essere davvero inclusivi: con un occhio d’attenzione al green, i locali che trovate su Easy Go Out, sono capaci di accogliere senza sorprese e fraintendimenti chiunque di noi abbia anche solo momentaneamente esigenze speciali. Di ogni locale – il loro numero sta crescendo ogni giorno – offrono fotogallery e contatti utili, ma soprattutto dicono come si sente, come si muove e con quale modalità viene accolta una persona con disabilità al suo interno. 

Il progetto di AISM e AGN ENERGIA è stato concepito quasi due anni fa da un gruppo di giovani volontari AISM. Dalla loro amicizia e con il supporto di AGN ENERGIA, hanno dato vita a un progetto  che potesse contribuire alla costruzione di una società più inclusiva e accessibile in cui anche le persone con esigenze specifiche avessero l’opportunità di  autodeterminarsi, esprimere le proprie potenzialità, vivere in libertà: “di fronte all’impossibilità di muoversi ovunque, di frequentare qualsiasi posto, di visitare liberamente una città….abbiamo pensato ad un’altra strategia: conoscere il più possibile i luoghi e gli ambienti inclusivi e sostenibili e valorizzarli a beneficio di tutti coloro che hanno bisogni speciali! – dichiara il Gruppo Young Roma –. Il progetto ha preso vita: subito eravamo in tre a credere in questo progetto, tutti e tre volontari della sezione AISM di Roma. Poi siamo diventati 30, poi 145 con 115 ragazzi che sono parte del servizio civile. Prima la sezione era una, ora ci hanno affiancati in 45. Abbiamo già l’adesione di oltre 300 locali sull’intero territorio nazionale. Continuiamo a mappare, valutare, conoscere, in un crescendo continuo, di numeri e di attenzione al tema dell’inclusione”. 

“Il nostro obiettivo, dice Francesco Vacca, presidente nazionale di AISM, è contribuire alla costruzione di una società più accessibile in cui anche le persone con esigenze speciali abbiano l’opportunità di autodeterminarsi ed esprimere tutte le proprie potenzialità. Lo vogliamo fortemente, è un impegno della nostra Agenda. Questo bel progetto, che è il risultato della volontà di potenziare l’inclusione sociale, l’empowerment, la centralità della persona indipendentemente dalla sua SM, dalle sue difficoltà o disabilità. Questo progetto è la dimostrazione che un mondo inclusivo e libero dalla SM c’è e si può costruire insieme, con l’aiuto fondamentale di chi ci crede e dei nostri giovani volontari, parte del movimento AISM”.

 “AGN ENERGIA promuove iniziative sviluppate in linea con la sua mission, – dice Marco Roggerone, Amministratore Delegato di AGN ENERGIA – anche attraverso il costante rafforzamento di collaborazioni che diano vita a progetti concreti di utilità sociale, in particolare quelli rivolti ai giovani e alla promozione di stili di vita responsabili. Muoversi è un diritto di tutti e come azienda siamo felici di aver contribuito fin dall’inizio ad un progetto che coniuga il turismo accessibile alla sostenibilità ambientale, e di farci portavoce di una cultura che abbatta le barriere mentali, prima di quelle fisiche, con una visione più ampia di comunità, dove qualunque luogo deve essere adatto a tutti.

Share Button