Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Abbott ha annunciato i nuovi dati più recenti di due studi nel programma XIENCE Short DAPT dell’azienda. I risultati non dimostrano alcuna differenza tra cicli di trattamento più brevi con doppia terapia antipiastrinica rispetto ai 12 mesi di DAPT dopo l’impianto dello stent a rilascio di farmaco XIENCE in pazienti ad alto rischio di sanguinamento.

Il DAPT viene regolarmente prescritto dopo l’impianto di stent coronarico per aiutare a prevenire la coagulazione, che può bloccare un vaso sanguigno e potenzialmente provocare infarto o morte. Tuttavia, la DAPT può anche aumentare il rischio di complicanze emorragiche in alcuni pazienti1. Infatti, di tutti i pazienti sottoposti a procedure di stenting, circa uno su cinque è considerato ad alto rischio di sanguinamento. I nuovi dati Short DAPT in ritardo, presentati durante il 32° simposio scientifico annuale Transcatheter Cardiovascular Therapeutics, non hanno mostrato eventi ischemici con durate più brevi di DAPT per i pazienti che richiedono uno stent, ma che possono rispondere negativamente ai farmaci che fluidificano il sangue.

“Nuovi approcci per la gestione dei pazienti ad alto rischio di sanguinamento dopo l’impianto di stent è un’importante area di studio, e questi dati su durate più brevi della terapia antipiastrinica offrono una visione forte delle alternative per questi pazienti”, ha detto Roxana Mehran, professoressa di Medicina e direttore di Interventional Cardiovascular Research e Clinical Trials presso lo Zena e Michael A. Wiener Cardiovascular Institute presso Icahn School of Medicine sul Monte Sinai e ricercatore principale globale per il programma Short DAPT di Abbott.

“Siamo incoraggiati da questi risultati in quanto potrebbero ridurre l’esposizione del paziente a farmaci come fluidificanti del sangue e fornire alla comunità cardiovascolare informazioni critiche su come si avvicina all’uso di DAPT per i pazienti a rischio che ricevono stent coronarico”, ha detto il dottor Mehran.

I risultati più recenti del programma Short DAPT di studi clinici hanno valutato i risultati degli studi XIENCE 28 e XIENCE 90.

Nello studio XIENCE 28, i medici hanno valutato un endpoint primario di non inferiorità confrontando i tassi di morte per tutte le cause o infarto miocardico dopo l’impianto XIENCE in pazienti ad alto rischio di sanguinamento che hanno ricevuto 28 giorni o 6 mesi di DAPT. I risultati includono:

Il trattamento con DAPT per 28 giorni è risultato essere lo stesso del trattamento con 6 mesi di DAPT dopo l’impianto con uno stent XIENCE.

Lo studio ha raggiunto l’endpoint di non inferiorità della morte per tutte le cause o IM da 1 a 6 mesi, con un tasso complessivo di morte o IM del 3,5% nei pazienti che hanno ricevuto 28 giorni di DAPT rispetto al 4,3% nei pazienti che hanno ricevuto 6 mesi di DAPT.

Il sanguinamento grave è risultato significativamente inferiore nei pazienti che hanno ricevuto 28 giorni di DAPT rispetto a 6 mesi di DAPT.

Lo studio XIENCE 90 ha esaminato la non inferiorità della morte per tutte le cause o di tutti gli IM da 3 a 12 mesi dopo l’impianto XIENCE nella stessa popolazione di pazienti dello studio XIENCE 28, ma ha confrontato i risultati con 12 mesi di DAPT. I risultati includono: da 3 a 12 mesi, il rischio di un coagulo di sangue nell’area dello stent era basso quanto i pazienti che hanno ricevuto 12 mesi di DAPT; il sanguinamento grave era significativamente inferiore per i pazienti ad alto rischio di sanguinamento.

“Dal lancio iniziale più di dieci anni fa, la famiglia di stent XIENCE è diventata il gold standard per gli stent coronarici a rilascio di farmaco”, ha affermato Nick West, vicepresidente di divisione, affari medici e ufficiale medico capo del reparto vascolare di Abbott attività commerciale. “Con il programma Short DAPT, il nostro obiettivo è in definitiva quello di trovare la durata ottimale dell’uso dei farmaci per fluidificare il sangue per i singoli pazienti fornendo opzioni di trattamento su misura per ridurre al minimo il rischio di eventi di sanguinamento potenzialmente fatali e per aiutarli a tornare alla loro vita quotidiana il più rapidamente possibile possibile.”

Share Button