Print Friendly, PDF & Email

Le infezioni respiratorie restano una concreta e grave minaccia per la salute dell’umanità, come ha insegnato la recentissima pandemia Covid-19. Quanto avvenuto negli ultimi 24 mesi non ci deve far dimenticare la diffusione ancora presente in aree del mondo e, grazie a flussi migratori, potenzialmente presente anche in Europa della tubercolosi, cui si devono imputare complessivamente oltre 10 milioni di nuovi casi e 1,5 milioni di decessi nel 2020. La pandemia ha avuto un effetto drammatico sul controllo della tubercolosi a livello globale e per la prima volta in 7 anni abbiamo assistito ad un aumento dei decessi per la malattia.

Di questa pericolosa infezione e malattia e dei più recenti sviluppi diagnostici e clinici si parlerà a Bologna dal 26 al 29 giugno prossimi in occasione del 42° Meeting Annuale della Società Europea di Micobatteriologia che si tiene presso la prestigiosa sede del convento dei Domenicani.

Circa 200 micobatteriologi provenienti da vari Paesi europei, dal Nord America e paesi africani si ritroveranno per presentare e discutere i progressi scientifici nell’ambito delle malattie da Micobatteri e in particolare della Tubercolosi.

L’Evento – che è patrocinato dall’AMCLI, tratterà, tra i vari argomenti, le innovazioni nel campo dei vaccini e delle piattaforme per trial clinici per i nuovi farmaci. Verrà discussa la necessità di individuare biomarcatori in grado di predire rapidamente quali tra i nuovi regimi terapeutici hanno maggiori garanzie di successo e i marcatori in grado di predire la risposta al trattamento in modo da consentire un accorciamento dei tempi di terapia. Verranno presentate nuove strategie diagnostiche basate sul sequenziamento del genoma e sull’uso per un approccio personalizzato al management del paziente con tubercolosi. Verranno anche presentate importanti novità nel campo della patogenesi della malattia tubercolare e della filogenesi.

Sull’onda delle innovazioni diagnostiche introdotte dalla pandemia, verranno discusse strategie fortemente innovative per la raccolta e l’analisi di campioni biologici da utilizzare per la sorveglianza non solo della tubercolosi ma anche di nuovi patogeni. Il congresso raccoglie ricercatori, bioinformatici, microbiologi clinici e specialisti in malattie infettive e pneumologia.

“Viviamo in un momento importante nel campo della tubercolosi: i recenti flussi migratori conseguenti all’invasione dell’Ucraina, paese ad alto tasso di tubercolosi resistente ai farmaci, testimoniano come la guardia non va abbassata, ma mai come ora abbiamo un buon numero di nuovi farmaci che permetteranno trattamenti corti e molto meno tossici per i soggetti affetti, paradossalmente, nonostante la rivoluzione genomica, abbiamo ancora da lavorare per sviluppare diagnostici da utilizzare per un uso corretto dei nuovi farmaci. Non dobbiamo assolutamente “bruciarceli” per un uso inappropriato!” spiega Daniela Maria Cirillo, Presidente dell’ESM, Capo dell’unità patogeni emergenti dell’Ospedale San Raffaele e coordinatore del gruppo di lavoro dei micobatteri AMCLI.

“Nella lotta alla tubercolosi, come per altre gravi malattie infettive, assistiamo a progressi che non riescono ad incidere completamente sull’eradicazione della malattia. Su questo dobbiamo tutti focalizzare il nostro impegno. Il primo passo concreto nel contrasto alla diffusione della TBC è quello di aumentare la capacità di diagnosi ed analisi del singolo caso -, commenta Pierangelo Clerici, Presidente AMCLI e Direttore U.O. Microbiologia A.S.S.T Ovest Milanese. – La Microbiologia clinica italiana accetta la sfida e si dichiara pronta a sviluppare reti di controllo sempre più strette ed integrate”. È questo l’impegno che Clericilancia in occasione di questo importante meeting della Società Europea di Micobatteriologia.

Nessun articolo correlato
Share Button