Tag Archives: nascite

Un test del sangue potrà identificare il rischio di nascite premature

Una nuova ricerca finanziata da March of Dimes ha individuato biomarcatori nel sangue materno che identificavano accuratamente le donne in gravidanza che avrebbero continuato a portare prematuramente bambini fino a due mesi prima. I risultati sono stati pubblicati oggi sulla rivista Science.
Questo risultato è importante in quanto i medici attualmente non hanno modo di valutare con precisione quali gravidanze si concluderanno con un parto prematuro, note di March of Dimes. Inoltre, utilizzando gli stessi campioni di sangue, il team ha trovato biomarcatori nel sangue materno che potevano stimare l’età gestazionale o la data di consegna con accuratezza comparabile agli ultrasuoni, ma probabilmente a costi inferiori.
“Questa ricerca all’avanguardia dimostra perché March of Dimes sta investendo in nuovi modi per migliorare la salute di mamme e bambini, soprattutto per affrontare la crisi della nascita prematura in questo paese e in tutto il mondo”, afferma Stacey D. Stewart, presidente di marzo di Dimes. “Ad oggi, nessun test sul mercato può prevedere in modo affidabile quali mamme gravide finiranno con il parto pretermine March of Dimes si impegna a trovare nuove soluzioni e a dare a tutti i bambini il miglior inizio possibile nella vita”.
La nascita prematura colpisce ogni anno 15 milioni di bambini e sta crescendo negli Stati Uniti. Dati provvisori rilasciati di recente per il 2017 dal National Center for Health Statistics mostrano che il tasso di natalità pretermine negli Stati Uniti ha raggiunto il 9,93%, da 9,86 nel 2016, il terzo aumento consecutivo annuale dopo costante calo negli ultimi sette anni.
Gli studi sono stati condotti da Stephen Quake, Ph.D., ricercatore presso il March of Dimes Prematurity Research Center della Stanford University. I partner hanno incluso scienziati in Danimarca e Alabama e al March of Dimes Prematurity Research Center presso l’Università della Pennsylvania.
David K. Stevenson, MD, il principale ricercatore del March of Dimes Prematurity Research Center della Stanford University, ha descritto l’approccio non invasivo del test del sangue come un modo di “intercettare una conversazione” tra la madre, il feto e la placenta, senza disturbare la gravidanza. Ha aggiunto che i risultati di oggi affermano l’esistenza di un “orologio transcriptomico di gravidanza” che potrebbe servire come un nuovo modo per valutare l’età gestazionale di un feto. “Misurando l’RNA libero dalle cellule nella circolazione della madre, possiamo osservare i mutevoli schemi di attività genica che si verificano normalmente durante la gravidanza e identificare interruzioni nei modelli che potrebbero segnalare ai medici che circostanze malsane come il parto pretermine e la nascita sono suscettibili di si verificano “, ha detto il dottor Stevenson. “Con ulteriori studi, potremmo essere in grado di identificare specifici geni e percorsi genetici che potrebbero rivelare alcune delle cause alla base del parto prematuro e suggerire potenziali obiettivi per interventi per prevenirlo.”
In due distinte coorti di donne, tutte a rischio elevato di fornire pretermine, il team di March of Dimes Prematurity Research Center ha identificato una serie di trascritti di RNA cell-free che classificano accuratamente le donne che hanno consegnato preterm fino a due mesi prima del travaglio . In un’altra coorte di donne in buona salute, il team ha scoperto che la misurazione di nove trascritti di cfRNA nel sangue materno prevedeva un’età gestazionale con accuratezza comparabile agli ultrasuoni. I ricercatori hanno notato che entrambi i test richiederanno la convalida in studi clinici più ampi e in cieco.