Print Friendly, PDF & Email

Samsung Medison e Intel stanno collaborando a NerveTrack, una funzione a ultrasuoni di tracciamento dei nervi in ​​tempo reale che aiuta gli anestesisti a identificare i nervi nel braccio di un paziente per aiutare a somministrare l’anestesia in modo rapido e preciso. Sfruttando la distribuzione Intel del toolkit OpenVINO per la visione artificiale e l’annotazione, NerveTrack di Samsung Medison può potenzialmente ridurre il tempo di scansione fino al 30%. “NerveTrack è in grado di rilevare il nervo mediano e ulnare con ragionevole precisione su quasi l’intera gamma dell’avambraccio. Può ridurre il tempo di ispezione, trovando i nervi in ​​tempo reale, anche se il medico non esegue il tracciamento dal polso alla direzione prossimale. In particolare, può rilevare il nervo ulnare anche a un livello in cui i punti di riferimento come l’arteria ulnare non sono adiacenti. Questo tipo di caratteristiche potrebbe aiutare la procedura sicura dell’ago consentendo ai nervi di essere separati dai tessuti e dai vasi circostanti”, ha precisato il Professor Jee Youn Moon, Seoul National University Hospital.

L’anestesia regionale guidata da ultrasuoni sta diventando una pratica standard per gli interventi con ago, compreso l’accesso vascolare e il blocco dei nervi periferici. Tuttavia, anche con UGRA, può essere difficile per gli anestesisti identificare correttamente i nervi, che possono avere un diametro fino a 2 millimetri, o vedere correttamente la punta dell’ago. NerveTrack può identificare automaticamente i nervi in ​​tempo reale per gli anestesisti, riducendo la possibilità di complicazioni e migliorando i flussi di lavoro. “Per stare al passo con il mondo in evoluzione dell’assistenza sanitaria, sono necessari partner fidati e tecnologie flessibili. Ecco perché abbiamo collaborato con Intel per creare la nostra soluzione NerveTrack. Con la nostra esperienza combinata nel settore e soluzioni all’avanguardia, utilizziamo tecnologie innovative per aiutare i professionisti a identificare i nervi più velocemente e con maggiore precisione. Il risultato è potenzialmente meno rischi, migliori risultati per i pazienti e flussi di lavoro più efficienti”, ha affermato il dott. Won-Chul Bang, vicepresidente responsabile della strategia di prodotto di Samsung Medison. NerveTrack può anche essere utile negli ospedali di insegnamento per studenti di medicina e residenti. “Come ospedale universitario, insegniamo gli ultrasuoni a ecografisti, studenti di medicina e residenti presso l’Università del Nevada, a Las Vegas. Troviamo che il Biometry Assist di Samsung sia molto utile per insegnare agli studenti come posizionare correttamente i loro calibri e fornisce coerenza tra gli utenti. Risparmiandoci colpi chiave, Biometry Assist non solo aiuta con la nostra gestione del tempo, ma aiuta anche a ridurre al minimo gli infortuni sul lavoro. Lavoro ben fatto, Samsung”, ha affermato la dott.ssa Nora Doyle, assistente decano di Ultrasound Education e professore di medicina fetale materna, e Heather Sedlacek, RDMS, ecografista perinatale, entrambi dell’Università del Nevada, Las Vegas.

NerveTrack è stato sviluppato sulla base del toolkit OpenVINO di Intel. Utilizza l’inferenza per rilevare e identificare la posizione di un’area nervosa in tempo reale durante un’ecografia, migliorando il flusso di lavoro del trattamento per gli anestesisti. Per addestrare l’algoritmo in tempo reale proprietario di Samsung che rileva automaticamente i nervi nelle immagini ecografiche, era necessaria una quantità significativa di dati clinici sugli ultrasuoni. E con OpenVINO CVAT di Intel, il volume totale dei dati di addestramento è aumentato fino a 7 volte, portando a una maggiore precisione di oltre il 20%. “NerveTrack può aiutare i medici ad automatizzare attività banali e dispendiose in termini di tempo e liberarli di dedicare più tempo ai loro pazienti”, ha affermato Alex Flores, direttore dell’imaging medico, Health and Life Sciences di Intel. “Stiamo lavorando a stretto contatto con Samsung Medison per aiutare a migliorare le esperienze dei pazienti e ridurre il carico di lavoro dei medici”.

Share Button