Assistenza a distanza

Presentato il nuovo master in telemedicina per operatori sanitari del Politecnico di Torino

Il rapido incremento dell’utilizzo delle tecnologie dell’information technology in tutti i campi delle nostre vite interessa in maniera crescente anche l’ambito della salute e della gestione sanitaria; ci si attende un rapido sviluppo dell’adozione di strumenti digitali sanitari, sia rivolti al singolo professionista che alle Aziende ospedaliere e socio-assistenziali, da qui la necessità di personale sanitario in grado di collaborare con l’ingegnere biomedico per un corretto inserimento della tecnologia nei processi socio-assistenziali.
Il nuovo Master in Telemedicina del Politecnico di Torino, realizzato in collaborazione con l’Associazione per gli Insediamenti Universitari e l’Alta Formazione nel Canavese e sostenuto da ASL TO4, Althea Group, Medical Line Consulting, 3B srl e Cooperativa Sociale EDEREC, presentato oggi a Ivrea, è rivolto a più figure professionali che lavorano a stretto contatto nell’ambito sanitario: l’ingegnere biomedico, che possiede le competenze sulla tecnologia e sugli ambiti di utilizzo, e il professionista sanitario, che conosce i bisogni di assistenza della popolazione e le caratteristiche dei pazienti che possono usufruire del servizio.
È difficile pianificare oggi l’evoluzione delle richieste di queste competenze, in quanto attualmente i servizi che impiegano queste tecnologie sono ancora relativamente pochi, ma certamente l’indirizzo dell’intera sfera sanitaria si sta orientando verso una medicina sempre più “a domicilio”, potenziando l’assistenza domiciliare che utilizza tecnologie proprie della telemedicina; queste tecnologie, quindi, potranno offrire un supporto che migliori la qualità del servizio fornito e diminuisca i costi indiretti, contribuendo a ridurre la richiesta di ospedalizzazione dei pazienti. In futuro, le competenze acquisite attraverso il master diventeranno dunque sempre più necessarie per il buon funzionamento e l’adeguata progettazione di servizi che saranno messi a disposizione dei pazienti in maniera sempre più diffusa, riducendo le distanze tra medico e paziente e ridisegnando il rapporto con le strutture sanitarie.
Il Master, che avrà sede presso il Polo Universitario Officina H di Ivrea, avrà una durata di 18 mesi, per un totale di 60 crediti formativi universitari. Il numero massimo di partecipanti è di 25 studenti. A breve saranno aperte le iscrizioni sul sito:

More from Assistenza a distanza

L’ASL di Vercelli adotta la videocomunicazione per il consulto medico oncologico a distanza

Italtel ha realizzato un sistema di videoconferenza per consulto oncologico per l’Azienda Sanitaria Locale di Vercelli. L’iniziativa si inserisce in un progetto più ampio promosso dalla Rete Oncologica del Piemonte-Valle d’Aosta e finanziato dalla Regione Piemonte. La videocomunicazione è sempre … Per saperne di più

All’Azienda Usl di Piacenza un nuovo strumento per la riabilitazione logopedica a domicilio

Aisla, l’associazione che raccoglie i familiari, amici e pazienti con Sclerosi laterale amiotrofica, dona all’Azienda Usl di Piacenza un prezioso strumento da utilizzare soprattutto a domicilio per il trattamento logopedico di problematiche relative al linguaggio e alla deglutizione. Il dispositivo … Per saperne di più

ASLTO3: al via il progetto per ridurre le giornate di degenza per alcune patologie

Prosegue la proficua collaborazione tra ASLTO3 e Politecnico di Torino finalizzata al miglioramento della qualità delle cure rivolte ai cittadini e agli ospedali del territorio. L’obiettivo del progetto che sta per essere avviato nell’ambito del Dipartimento di Chirurgia aziendale riguarda … Per saperne di più