Print Friendly, PDF & Email

È disponibile “Roche Diabetes Care Platform”, la soluzione di salute digitale che permette il monitoraggio delle persone con diabete a distanza e una relazione continuativa tra il medico e il paziente o il caregiver per garantire continuità assistenziale, indipendentemente dalla visita in presenza, attualmente non sempre possibile a causa della pandemia di Covid-19 in corso nel nostro Paese.

A partire dai dati ricevuti dai dispositivi medici per la misurazione della glicemia o dai microinfusori per insulina o ancora da applicazioni utilizzate dai pazienti per la gestione della malattia, come “mySugr”, la piattaforma elabora analisi avanzate e modelli all’interno del percorso terapeutico, fornendo così al medico un importante strumento per un approccio più efficiente e personalizzato alla cura della persona con diabete.

La piattaforma è una soluzione open, in grado di accogliere i dati da oltre 140 dispositivi e integra la funzione Remote Patient Monitoring, attraverso cui gli operatori sanitari possono registrare i propri pazienti all’interno di un programma di monitoraggio remoto dei pazienti, personalizzare la soluzione in base alle esigenze dei pazienti e ricevere allarmi o segnalazioni su eventuali anomalie dei dati ricevuti. In questo modo, il medico è sempre aggiornato sulla salute dei propri pazienti e può registrare delle osservazioni o comunicare direttamente aggiustamenti di terapia, tramite un servizio di messaggistica privato e sicuro.

In un contesto di riduzione, se non vera e propria sospensione, delle visite specialistiche e delle attività assistenziali ambulatoriali di routine per le persone con diabete, lo sviluppo della telemedicina assume un ruolo fondamentale, tanto che è una delle priorità individuata sia dal Ministero della Salute sia dalla Conferenza delle Regioni per garantire da un lato la continuità assistenziale e il follow-up dei pazienti durante l’emergenza e dall’altro come elemento strategico nella riorganizzazione dell’assistenza sanitaria, orientata a un rafforzamento della medicina territoriale e di prossimità. Questa indicazione è già esplicitamente presente sia nella progettualità per la salute che il Governo sta mettendo a punto per l’accesso al “Recovery Fund” sia nel “Decreto Rilancio” approvato nel luglio scorso.

“Roche Diabetes Care è costantemente impegnata nel sostenere le persone con diabete e gli operatori sanitari ponendosi l’obiettivo di concretizzare una gestione integrata e personalizzata del diabete. Per questo, ma anche per continuare a garantire alle persone con diabete il supporto professionale di cui hanno bisogno in questo momento particolarmente delicato, riteniamo molto importante mettere a disposizione il servizio “Roche Diabetes Care Platform”. L’obiettivo è aiutare medici e pazienti a una gestione più efficiente della malattia ed evitare che alcuni pazienti smettano di seguire le indicazioni terapeutiche in assenza di visite specialistiche periodiche, con scarso controllo glicemico come risultato” spiega Rodrigo Diaz de Vivar, Amministratore Delegato di Roche Diabetes Care Italy. “Il controllo glicemico è essenziale per prevenire complicanze croniche, come malattie cardiovascolari, nefropatia, retinopatia. Recenti studi hanno evidenziato un tasso di mortalità maggiore per Covid-19 tra le persone con diabete scarsamente controllato, dato che rende ancora più importante in questo periodo trovare soluzioni per assicurare l’assistenza, visto che circa il 30 per cento dei decessi per Covid-19 ha riguardato persone con diabete”.

Share Button