Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Royal Philips ha annunciato un nuovo studio randomizzato e controllato per valutare i risultati dei pazienti dopo aver ricevuto un intervento coronarico percutaneo guidato dall’esclusiva piattaforma di co-registrazione Philips, che combina i dati di una misurazione del rapporto istantaneo senza onde e l’angiogramma, confrontati con gli standard di trattamento di cura odierni guidati da un solo angiogramma. PCI è una delle principali opzioni di trattamento per aprire le arterie coronarie ristrette del cuore nei pazienti con malattia coronarica.

Le linee guida europee e statunitensi approvano già l’uso di misurazioni fisiologiche coronariche con iFR e Fractional Flow Reserve a fini diagnostici per determinare il significato di un’arteria coronarica ristretta. Lo studio DEFINE GPS sarà la prima volta che viene valutato l’uso dell’iFR in combinazione con il sistema di co-registrazione Philips Image-Guided per la guida PCI e l’ottimizzazione dei risultati del trattamento.

PCI è un trattamento guidato dall’immagine, minimamente invasivo per aprire un blocco dell’arteria coronarica (stenosi) che sta causando un flusso sanguigno ridotto al tessuto cardiaco. In base all’attuale standard di cura, i medici spostano un catetere a palloncino e uno stent coronarico nell’area di trattamento utilizzando la guida radiografica interventistica. Nello studio, una misura di pullback iFR, che utilizza fili di pressione per mappare il profilo di pressione della distribuzione della malattia lungo la lunghezza del vaso interessato, verrà sovrapposta all’immagine a raggi X per guidare il trattamento. L’iFR è una misurazione fisiologica di nuova generazione che utilizza gli stessi fili e apparecchiature della guida della pressione dell’FFR, ma evita la somministrazione di agenti iperemici ai pazienti.

“PCI ha avuto un notevole impatto positivo sulla vita di molti pazienti affetti da malattia coronarica”, ha dichiarato Allen Jeremias del St. Francis Hospital, Roslyn, New York e Cardiovascular Research Foundation, New York, New York, USA e principale investigatore del DEFINE Studio GPS. “Tuttavia, quando guardiamo indietro a tutti i principali studi sugli stent di alta qualità negli ultimi 20 anni, vediamo che circa il 20-30% dei pazienti continua a soffrire di dolori al petto ricorrenti per un anno dopo aver ricevuto il trattamento. Con lo studio DEFINE PCI abbiamo osservato che l’attuale approccio al PCI ha dei limiti per identificare le posizioni delle lesioni arteriose fisiologicamente significative. Con DEFINE GPS saremo in grado di determinare se un approccio PCI basato sulla fisiologia porta a risultati del paziente superiori rispetto all’angioplastica standard. “

“Poiché lo stenting coronarico viene applicato a pazienti sempre più complessi, è essenziale garantire che vengano trattati tutti i segmenti della malattia coronarica che necessitano di trattamento, un processo che riteniamo possa essere facilitato dalla valutazione iFR dell’intera arteria coronarica, co-registrata all’angiogramma. “ha dichiarato il dott. Gregg W. Stone, presidente della sperimentazione DEFINE GPS, direttore degli affari accademici per il sistema di salute del cuore del Monte Sinai, professore di medicina e professore di scienze e politiche della popolazione presso il Zena e Michael A. Wiener Cardiovascular Institute, Icahn School of Medicine a Mount Sinai, New York. “Siamo entusiasti di poter esaminare fino a che punto questa tecnica migliora i risultati dei pazienti nello studio DEFINE GPS su larga scala.”

Lo studio globale DEFINE GPS multicentrico, prospettico, controllato randomizzato esaminerà l’impatto della co-registrazione iFR sia sui risultati che sull’efficacia dei costi. L’endpoint primario è l’insufficienza della nave bersaglio o la riospedalizzazione per ischemia progressiva o instabile a due anni.

“L’iFR continua ad essere adottato nella pratica clinica, con prove crescenti che questa tecnologia innovativa contribuisce a migliorare i risultati, riducendo i costi e migliorando l’esperienza del paziente”, ha affermato Chris Landon, vicepresidente senior e direttore generale Image Guided Dispositivi terapeutici, Philips. “Questo importante studio fornirà una risposta definitiva alla domanda del miglioramento complessivo derivante dall’uso di una strategia di orientamento funzionale sugli esiti e sui costi dei pazienti”.

Il sistema di co-registrazione Philips Image-Guided fa parte dell’esclusivo portafoglio di sistemi, dispositivi intelligenti, software e servizi di Philips nella terapia guidata dalle immagini, che si combinano per fornire agli operatori sanitari soluzioni sofisticate e orientate alle procedure.

Share Button