Print Friendly, PDF & Email

Prosegue il programma aziendale di acquisizione tecnologica per i Presidi ospedalieri di Ivrea e Chivasso. In particolare, sono operativi due nuovi ecocardiografi di ultima generazione, uno a Ivrea e uno a Chivasso, che permettono la ricostruzione tridimensionale dell’anatomia cardiaca.

“L’acquisizione tecnologica tramite fondi PNRR – riferisce il dottor Walter Grosso Marra, Direttore della Cardiologia Ivrea – consente di consolidare l’attività del Laboratorio Ecocardiografico dell’Ospedale di Ivrea, riconosciuto come laboratorio di secondo livello dalla Società Scientifica Nazionale di Ecocardiografia (SIECVI), sia per quanto riguarda l’ecocardiografia cardiovascolare generale sia per quanto riguarda l’ecocardiografia transesofagea, incluso il trattamento della cardiopatia strutturale”.

La possibilità di ottenere immagini a elevata risoluzione con ricostruzione tridimensionale consente di inquadrare la patologia valvolare e di definirne la corretta indicazione chirurgica nell’ottica della riparazione e non della sostituzione delle valvole cardiache. L’ecocardiografia tridimensionale consente, inoltre, l’inquadramento della patologia strutturale e il monitoraggio delle procedure interventistiche mininvasive.
I nuovi ecocardiografi dispongono anche di un software che permette una diagnosi precoce in caso di sospetta cardiotossicità da chemioterapici e/o da radioterapia.

Conclude il dottor Claudio Moretti, Direttore della Cardiologia Chivasso: “Queste due nuove apparecchiature ci consentono di concretizzare il ruolo del PNRR ai fini di una cura sempre più moderna delle patologie cardiovascolari. Per quanto riguarda la Cardiologia Chivasso, la disponibilità di più apparecchi consente in molte circostanze di effettuare l’ecocardiogramma nell’ambito della visita cardiologica, permettendo di concludere il percorso diagnostico già in occasione del primo accesso”.

Nessun articolo correlato
Share Button