Print Friendly, PDF & Email

Abbott ha annunciato che la sua famiglia di stent XIENCE ha ricevuto l’approvazione della Food and Drug Administration statunitense per l’etichettatura DAPT di un mese per i pazienti ad alto rischio di sanguinamento negli Stati Uniti Inoltre, gli stent XIENCE hanno recentemente ricevuto l’approvazione del marchio CE per DAPT in soli 28 giorni, dando agli stent XIENCE l’indicazione DAPT più breve al mondo. Oltre all’indicazione HBR, Abbott ha anche ricevuto l’approvazione della FDA e l’approvazione del marchio CE europeo per il suo stent XIENCE Skypoint di nuova generazione. XIENCE Skypoint è più facile da posizionare e consente ai medici di trattare vasi sanguigni più grandi attraverso una migliore espansione dello stent che può aprire i vasi ostruiti in modo più efficace. “La nuova approvazione della FDA per DAPT per la famiglia di stent XIENCE offre ai cardiologi interventisti la sicurezza di fornire la migliore assistenza ai pazienti ad alto rischio di sanguinamento. Una breve durata della DAPT riduce al minimo i rischi per i pazienti ad alto rischio di sanguinamento e consente loro di tornare prima alla vita quotidiana e con maggiore sicurezza”, afferma Roxana Mehran, professore di medicina e direttore della ricerca cardiovascolare interventistica e studi clinici presso lo Zena e Michael A. Wiener Cardiovascular Institute presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai e ricercatore principale globale per Abbott’s Short Programma DAPT. Gli stent sono un’opzione terapeutica fondamentale per aprire i vasi sanguigni che sono stati ostruiti da depositi di calcio o grasso. Dopo l’impianto di stent, la DAPT viene prescritta di routine per aiutare a prevenire la coagulazione, che può bloccare un vaso sanguigno e potenzialmente provocare infarto o morte. Tuttavia, la DAPT può anche aumentare il rischio di complicanze emorragiche in alcuni pazienti.2 Infatti, di tutti i pazienti sottoposti a procedure di stent, circa uno su cinque è considerato ad alto rischio di sanguinamento.3 I pazienti che ricevono stent sono in genere sottoposti a regimi DAPT da sei a 12 mesi per evitare che i coaguli di sangue blocchino il vaso stent. Tuttavia, i pazienti con HBR possono manifestare effetti collaterali come sanguinamento durante cicli prolungati di DAPT. Con l’etichettatura DAPT approvata più breve, gli stent XIENCE di Abbott possono aiutare i medici a trattare i loro pazienti con HBR in modo più efficace. Gli studi XIENCE 28 e XIENCE 904 di Abbott mostrano che la DAPT può essere interrotta in sicurezza già in 28 giorni senza aumento del rischio di eventi avversi dei pazienti, consolidando il profilo di sicurezza leader del settore della famiglia di stent XIENCE. XIENCE SKYPOINT: INNOVAZIONE PER UNA CURA OTTIMALE DEL PAZIENTE XIENCE Skypoint, l’ultimo di una linea di stent XIENCE affidabili, è ora approvato per l’uso in pazienti con HBR con etichettatura DAPT di un mese negli Stati Uniti e in Europa. Supportati da 10 anni di dati clinici, inclusi 120 studi clinici che hanno studiato 125.000 pazienti e l’impianto di 15 milioni di stent, gli stent a rilascio di farmaco XIENCE si sono dimostrati sicuri ed efficaci, fornendo costantemente risultati positivi per i pazienti. “Anche piccole differenze tra gli stent possono avere un impatto sugli esiti dei pazienti sia a breve che a lungo termine e questa ultima generazione di stent XIENCE offre molteplici miglioramenti che forniscono una maggiore capacità di consegna e di espansione”, ha affermato Nick West, chief medical officer e vice divisional presidente degli affari medici globali presso l’attività vascolare di Abbott. “Mentre continuiamo a innovare in Abbott, stiamo fornendo tecnologia medica che migliora la vita dei pazienti, costruendo al contempo un corpo di prove di ricerca che sottolinea la coerenza clinica e la sicurezza del paziente”. XIENCE è supportato dalla più ampia mole di prove sui pazienti DAPT, con oltre 24.000 pazienti analizzati.5 Abbott continua a concentrarsi sull’ulteriore miglioramento della piattaforma di stent XIENCE leader della categoria attraverso l’innovazione, supportata da dati clinici provenienti dalle popolazioni di pazienti più complesse, tra cui HBR, con l’obiettivo di guidare la cura ottimale per i pazienti affetti da malattia coronarica.

Share Button