Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

esterni_03L’Aula Magna delle nuove Cliniche ospiterà, il 5 dicembre a partire dalle ore 8.30, il convegno “Integrazione ospedale-territorio; le tecnologie innovative a supporto dei pazienti anziani fragili”, organizzato da Cup2000 Ferrara e della Direzione Medica di Presidio dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara.

La domanda sanitaria, specialmente negli ultimi anni, risulta condizionata dall’evoluzione della composizione demografica e dal consistente aumento della popolazione anziana, portatrice di patologie, e quindi di “bisogni”, in misura assai più ampia e complessa del resto della popolazione.

L’invecchiamento della società ferrarese è un elemento di valutazione importante, anche in relazione al fatto che le tendenze mostrano una crescita soprattutto della fascia dei ‘grandi vecchi’ (80 e più anni) e una forte femminilizzazione della popolazione anziana (più di due terzi dell’universo anziano sono donne).

Il crescente aumento della popolazione anziana spesso è accompagnato da un aumento del carico di problemi di salute e da malattie di tipo cronico degenerativo (conseguenza inevitabile dell’invecchiamento) che incrementano fortemente il numero di cittadini non completamente autosufficienti e causano un bisogno sempre maggiore di cura e di assistenza, oltre che una progressiva dipendenza dai servizi socio-sanitari.

A seguito della dimissione ospedaliera la maggioranza degli anziani cronici si appoggia al tessuto sociale che li circonda. Parte importante del sostegno è realizzata da soggetti esterni al sistema sociosanitario pubblico, è infatti sempre più manifesto l’impatto che la malattia ha sulle strutture familiari e le reti di parentela, che si rivelano sempre più in difficoltà ad offrire risposte adeguate, in particolare in termini di assistenza continuativa.

Da qui la necessità di creare nuove forme di continuità assistenziale e domiciliarità sociosanitaria. Modelli che consentano una maggiore personalizzazione ed una “presa in carico” dell’assistito, basati su una rete integrata di servizi che si avvalgono delle Tecnologie dell’Informazione che contribuiscono ad implementare una rete assistenziale, tecnologica e organizzativa a supporto dell’anziano dimesso dall’ospedale in fase post acuzie.

In tale ottica, nel territorio estense sono stati promossi alcuni progetti e servizi, in collaborazione con il Comune e la Provincia di Ferrara, le Aziende sanitarie (territoriale ed ospedaliera), in collaborazione con CUP 2000 S.p.A..

La rete e-Care fornisce una risposta al target di popolazione anziana che ha maggiori difficoltà nel ricevere assistenza socio-sanitaria in forma integrata. Una rete comunicativa, relazionale e di supporto per migliorare la qualità della vita, semplificare l’accesso ai servizi e ridurre i ricoveri ospedalieri impropri. Il sistema si avvale di un Contact Center specialistico che fornisce supporto agli anziani in collaborazione con i comuni, con le aziende sanitarie e ospedaliere, con i medici e i volontari. Il sistema prevede anche servizi di telecompagnia per migliorare la comunicazione tra gli utenti e le risorse sociosanitari e socioassistenziali del territorio.

A fianco di questo progetto, in un’ottica più marcatamente sanitaria, la Regione Emilia-Romagna ha promosso il progetto SOLE. Questo è un acronimo di Sanità On LinE, ovvero una rete informatica che collega i 3.800 medici e i pediatri di famiglia (MMG e PLS) con tutte le strutture sanitarie della Regione Emilia-Romagna, facilitando la comunicazione tra operatori sanitari e favorendo la presa in carico e la continuità assistenziale degli oltre 4 milioni di cittadini della Regione. SOLE è anche la piattaforma informatica su cui verrà creato il Fascicolo Sanitario Elettronico, un importante traguardo europeo che renderà disponibile e consultabile on line in qualsiasi momento la storia clinica del cittadino.

Tutte le prescrizioni per analisi di laboratorio, diagnostica per immagini e visite specialistiche, con i relativi referti, assieme a tantissimi altri servizi, girano nella rete e forniscono informazioni al medico curante in tempo reale, previo consenso da parte dell’utente al trattamento dei propri dati personali.

Nella realtà ferrarese SOLE gestisce già molti servizi, a fronte di prescrizioni create elettronicamente dai MMG/PLS, è possibile dai Cup e dalle Accettazioni di Laboratorio recuperarle e prenotarle, e, all’atto di erogazione della prestazione di Laboratorio, Radiologia e Specialistica ambulatoriale, inviare i referti elettronici ai medici curanti. Anche gli eventi che nascono in Azienda Sanitaria sono gestiti da SOLE, è quindi possibile inviare ai MMG/PLS delle comunicazioni sugli eventi di ricovero/dimissione, con le relative lettere di dimissione, oltre che i referti di Pronto Soccorso dei propri assistiti. I MMG/PLS ricevono anche informazioni di tipo amministrativo quali gli aggiornamenti dell’anagrafe assistiti, con le relative scelte e revoche, ed il modulo compensi . E’ attualmente in fase di sperimentazione lo scambio di referti tra Specialisti e MMG nell’ambito del Programma di assistenza integrata del Diabete.

Share Button