Print Friendly, PDF & Email

Oltre 40.000 download nell’ultimo anno, 7.600 “utenti attivi” al mese. Sono i dati dell’app mySantagostino, fino ad oggi un’applicazione di servizio, con cui gli utenti del poliambulatorio potevano facilmente e velocemente prenotare visite ed esami in uno dei tanti centri Santagostino. Dal mese di dicembre, non sarà più solo così. 

La piattaforma si arricchisce di nuove funzionalità smart, in primis la sezione chiamata “Telemedicina”, che consente all’utente di tenere traccia di alcune informazioni importanti per la sua salute. Uno spazio virtuale in cui raccogliere dati e metterli in condivisione con il proprio specialista di riferimento, che potrà quindi averli sott’occhio in fase di visita.

La parte più innovativa di “Telemedicina” è il “Diario della Pelle” che si configura come uno spazio di archivio dei propri nevi o di altre lesioni della cute. Ma non è tutto. Acquistando dei crediti sulla app, è possibile usufruire di un pre-screening dei nevi. 

L’intelligenza artificiale analizza le immagini e ci restituisce la percentuale di rischio delle macchie cutanee. Sulla base del risultato, poi, il paziente deciderà se prenotare una visita oppure un controllo dei nevi con un dermatologo, che sono comunque sempre azioni consigliate, anche in casi in cui il rischio è basso.

“La nostra App diventerà la piattaforma di salute digitale degli Italiani – spiega Luca Foresti, CEO Santagostino – Nei prossimi mesi usciremo in modo continuo con strumenti sempre più veloci, precisi, raffinati per aiutare le persone a occuparsi della propria salute. Grazie al collegamento con medici, professionisti sanitari e sistemi di intelligenza artificiale vogliamo dare risposte immediate ai bisogni dei pazienti, migliorare l’esperienza utente e rendere mySantagostino sempre più interattiva. L’uso dell’intelligenza artificiale ci consente di sperimentare nuove strade, a supporto di tutti gli stakeholder”.

“È bene ricordare – puntualizza Chiara Bonatti, dermatologa Santagostino e parte del Team di Direzione Sanitaria – che l’analisi dell’IA non sostituisce in nessun modo il parere di un dermatologo, ma può dare all’utente e allo specialista – che vede i dati direttamente nella cartella clinica Santagostino – una prima indicazione di rischio, utile come informazione di partenza, sempre da verificare di persona in fase di visita”.

La sezione “Diario della Pelle” funziona a crediti. Il caricamento delle immagini è sempre libero, ma è con i crediti che può scattare l’analisi da parte dell’intelligenza artificiale che permette di conoscere la percentuale di rischio del nevo o lesione.

Un pacchetto di 5 crediti costa 6 euro e un pacchetto di 10 crediti, 10 euro. Per tutti i pazienti Smart Santagostino (cioè pazienti che hanno un metodo di pagamento già agganciato nel loro profilo sul sito) ci saranno 5 crediti in omaggio a disposizione fino al 31 gennaio 2023.

Sempre all’interno della sezione “Telemedicina”, l’app offre un “Diario del Cuore”. Questo tool permette di raccogliere in modo ordinato e strutturato la frequenza cardiaca e saturazione parziale di ossigeno nel sangue. Questi dati, presi singolarmente, non sono significativi: lo è, invece, la loro registrazione in un vero e proprio “diario” e la loro lettura nel tempo da parte di un cardiologo. 

Tanti dati importanti, tutti nello stesso luogo virtuale e tutti condivisi con il proprio specialista di riferimento: questa la piccola rivoluzione di mySantagostino.

Articoli correlati:

  1. Santagostino duplica a Roma