Print Friendly, PDF & Email

Sorgerà al posto dell’attuale Padiglione 7, all’interno dell’area di proprietà dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Bologna, e sarà in grado di garantire standard qualitativi nell’assistenza e nella ricerca ancora più elevati degli attuali. È il Nuovo Polo Ematologico “Lorenzo e Ariosto Seràgnoli” del Policlinico di Sant’Orsola, a Bologna, che sarà progettato e realizzato a cura e spese della Fondazione Hospice Maria Teresa Chiantore Seràgnoli.

La firma della Convenzione è arrivata nella sede della Regione: l’accordo è stato sottoscritto da tutte le parti coinvolte nel progetto, a partire ovviamente dalla Fondazione Hospice Maria Teresa Chiantore Seràgnoli onlus, insieme a Regione Emilia-Romagna, Università di Bologna, Irccs Azienda ospedaliero-universitaria di Bologna – Policlinico di Sant’Orsola. È di 30 milioni di euro l’impegno economico massimo assunto dalla Fondazione, per la progettazione e realizzazione del Nuovo Polo Ematologico “Lorenzo e Ariosto Seràgnoli”.

La Regione, dal canto proprio, ha già valutato il piano di fattibilità del progetto edilizio e, in particolare, del nuovo immobile, ritenendolo rispondente alle norme e alle necessità dell’Azienda ospedaliero-universitaria, anche rispetto ai tempi di progettazione, costruzione e completamento e agli schemi di appalto. Il Nuovo Polo Ematologico avrà una superficie lorda complessiva non inferiore a 12.500 metri quadrati, e sarà articolato su sei livelli.

A firmare la Convenzione, alla presenza del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, Isabella Seràgnoli, vice presidente della Fondazione Hospice Maria Teresa Chiantore Seràgnoli, il rettore dell’Università di Bologna, Francesco Ubertini, la direttrice generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria, Chiara Gibertoni, l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini. Entro otto settimane dalla stipula dell’intesa, i soggetti sottoscrittori istituiranno una Commissione di monitoraggio e verifica che avrà il compito di verificare l’esatto adempimento degli obblighi contenuti nella Convenzione, nonché la qualità dell’assistenza erogata dall’Azienda ospedaliero-universitaria nel corso di tutta la durata del “Progetto Ematologia” e, successivamente, nei dieci anni dalla sua conclusione.

Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini: “Il nostro grazie va, prima di tutto, alla Fondazione Seràgnoli. Siamo di fronte a una collaborazione pubblico-privato di estrema importanza, che si tradurrà in un enorme beneficio per la nostra collettività, con la creazione di una struttura strategica per l’innalzamento, qualitativo e quantitativo, dei livelli di assistenza e di ricerca. La realizzazione al Nuovo Polo Ematologico “Lorenzo e Ariosto Seràgnoli” presso il Policlinico di Bologna assume un rilievo fondamentale per il Servizio sanitario non solo regionale, ma nazionale; per l’Università di Bologna, considerando le finalità di ricerca scientifica del progetto; e per l’Azienda ospedaliero-universitaria, in ragione della sua ‘mission’ e al suo ruolo di IRCCS”.

Il Rettore dell’Università di Bologna, Francesco Ubertini: “Ringrazio la Fondazione Seràgnoli per il supporto che in questi anni ha sempre dato all’ematologia e che si conferma con questo importantissimo progetto. Il centro, che rappresenta già oggi una struttura strategica per la qualità dei professionisti che vi operano, potrà migliorare ulteriormente in termini di ricerca e assistenza sul piano non solo regionale, ma anche nazionale e internazionale. Un grazie particolare a Isabella Seràgnoli, che si è sempre distinta come un meritevole esempio di imprenditorialità a stretto contatto con il tessuto sociale e il territorio”.

La direttrice generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria, Chiara Gibertoni: “Tutta la comunità del Sant’Orsola è grata per quest’impegno della Fondazione Seràgnoli, che interviene a risolvere una situazione critica in termini di accoglienza del paziente e di infrastrutture dedicate alla ricerca in un ambito specialistico in cui il Policlinico è un riferimento a livello nazionale e internazionale. La storia dell’ematologia del Sant’Orsola, infatti, ha segnato lo sviluppo di questa specialità e oggi rappresenta il centro di riferimento per le terapie cellulari che sono il fronte più avanzato per il trattamento delle patologie neoplastiche ematologiche”.

Share Button