Print Friendly, PDF & Email

Nei primi mesi del 2024 si è registrata una complessiva diminuzione delle minacce informatiche rispetto altrimestre precedente,mentre i dispositivi connessi in rete sono aumentati e sono risultati poco protetti,in particolare quelli utilizzati in ambito medico.

È il quadro che emerge dal nuovo “Threat Intelligence Report” elaborato dall’Osservatorio Cybersecurity di Exprivia, che ha preso in considerazione 159 fonti aperte tra siti di aziende colpite, siti pubblici di interesse nazionale, agenzie di stampa online, blog e social media.

In particolare, secondo il rapporto stilato dal gruppo ICT pugliese, tra gennaio e marzo i fenomeni di cybercrime sono diminuiti dell’11%, con 559 casi rispetto ai 626 dell’ultimo trimestre del 2023. Il mese di febbraio ha registrato quasi la metà dei casi totali. Tuttavia, rispetto allo stesso periodo del 2023, gli attacchi informatici sono aumentati del 128%, mentre gli incidenti sono calati del 7% e le violazioni della privacy sono aumentate del 117%. Nello specifico, nei primi tre mesi del 2024, si sono verificati 437 attacchi, 96 incidenti e 26 violazioni della privacy.

Il rapporto evidenzia inoltre che il numero di dispositivi IoT connessi in rete in Italia è aumentato del 3% rispetto all’ultimo trimestre del 2023, raggiungendo quasi otto milioni di device. Tuttavia, la sicurezza dei dispositivi medicali intelligenti, come apparecchiature per radiografie e risonanze, microscopi e dispositivi cardiologiciper la telemedicina indossabili e connessi, è peggiorata. Al contrario, il livello di sicurezza dei servizi esposti in rete è migliorato nel trimestre analizzato, un dato positivo che rende più difficile per gli attaccanti comprometterne la reperibilità o la disponibilità, evitando così inefficienze nei sistemi.

Nel periodo analizzato, il settore finanziario è stato il più colpito dagli attacchi informatici, con 236 casi, sebbene in calo del 16% rispetto all’ultimo trimestre del 2023. Il settore Software/Hardware ha registrato un incremento del 53%, passando da 66 a 101 attacchi, posizionandosi al secondo posto tra i settori più bersagliati.La Pubblica Amministrazione ha visto un calo del 29%, con 69 casi rispetto ai 97 del periodo ottobre-dicembre dello scorso anno.Il settore Retail ha registrato 57 attacchi, in diminuzione rispetto agli 81 del trimestre precedente. Le Infrastrutture Critiche, invece, hanno visto un aumento degli attacchi, passando da 13 a 20 casi.

Il furto di dati sensibili si riconferma al primo posto tra le principali tipologie di danni causati dagli hacker, rappresentando circa il 56% dei casi totali, sebbene in calo del 14% rispetto alla rilevazione precedente. Al secondo posto si trova il pagamento di un riscatto, che rappresenta circa il 27% dei casi totali, con una tendenza positiva evidenziata da una flessione del 30% rispetto al trimestre precedente. La terza categoria di danno più comune è stata l’interruzione di servizio, ovvero l’arresto del normale funzionamento della rete, di un’applicazione o di un servizio software, che rappresenta oltre il 7% dei casi.

Primeggia il phishing/social engineering, ovvero l’adescamento in rete o via mail di utenti distratti o poco consapevoli, che ha subito una riduzione di quasi il 9% rispetto al trimestre precedente. Calano anche gli attacchi tramite malware, al secondo posto con 214casi rispetto ai 252 di quelli registrati tra ottobre e dicembre 2023. Il cybercrime si conferma la principale minaccia per la sicurezza in rete in Italia, con oltre l’80% dei casi rispetto al totale dei fenomeni. A notevole distanza l’hacktivism con circa il 7%, e il privacy breacher che segna il 5% degli eventi rilevati.

“Il numero di attacchi e incidenti è sostanzialmente costante dagli ultimi mesi del 2023 e sembra non risentire della contingenza sociale ed economica, così la motivazione principale degli attaccanti resta sempre focalizzata sul furto dei dati e di denaro – commenta Domenico Raguseo (nella foto), direttore Cybersecurity di Exprivia – È importante osservare il quadro complessivo dell’andamento tra il vecchio e il nuovo anno e non solo, con la preoccupante crescita dei fenomeni complessivi, se paragoniamo l’ultimo trimestre dello scorso anno e i primi tre mesi del 2024 con lo stesso periodo tra fine 2022 e inizio 2023”.