Print Friendly, PDF & Email

Massimiliano Mazzilli è il nuovo direttore di Chirurgia generale della Valtidone. La nomina è stata formalizzata nei giorni scorsi dal direttore generale Paola Bardasi dopo un concorso per l’assegnazione del ruolo.

“Sono onorato di questo incarico che rappresenta un punto di arrivo della mia esperienza in Azienda, ma anche un segnale di continuità per il presidio della Valtidone. Dopo l’emergenza Covid l’spedale di Castel San Giovanni ha iniziato un percorso di sviluppo e specializzazione verso la chirurgia di medio bassa intensità al fine di garantire su tutta la linea un costate livello assistenziale: il più alto qualitativamente e nell’ambito dell’assistenza. L’obiettivo che la direzione ci ha assegnato è stato l’eccellenza, e verso questo obiettivo abbiamo lavorato e continueremo a lavorare, potenziando l’attività chirurgica attraverso un’attenta e scrupolosa ottimizzazione dell’area organizzativa. Questo significa una migliore organizzazione per garantire un servizio il più efficace possibile. Prendiamo per esempio il trattamento chirurgico dell’ernia, patologia ad alta incidenza sulla popolazione. Attualmente siamo in grado di trattarla in tre modi: con un intervento tradizionale, con un intervento in laparoscopia, ma anche, in casi selezionati, ed è questo farà la differenza nel prossimo futuro, in regime ambulatoriale con anestesia locale. Quest’ultimo asset organizzativo è stato sviluppato e consolidato in stretta collaborazione con la direzione sanitaria e il direttore del dipartimento di Chirurgia Patrizio Capelli. Grazie all’acquisizione di alcune attrezzature tecnologiche, come laser e un sistema di trattamento endoscopico, presto saremo in grado di applicare la stessa procedura ambulatoriale anche ad alcuni i interventi proctologici. Un’innovazione importante per i nostri pazienti, poiché grazie a questo nuovo approccio di cura riusciremo ad abbattere le liste di attesa, ottimizzare le risorse professionali interne e garantire ai pazienti il rientro al proprio domicilio nel più breve tempo possibile, sempre nel massimo rispetto della qualità delle cure.