Print Friendly, PDF & Email

Janssen Pharmaceutical Companies di Johnson & Johnson ha annunciato che la Commissione europea ha concesso l’autorizzazione alla commercializzazione per l’uso esteso della formulazione sottocutanea di DARZALEX in due nuove indicazioni. La prima autorizzazione di queste nuove indicazioni riguarda l’uso di daratumumab SC in combinazione con bortezomib, ciclofosfamide e desametasone per il trattamento di adulti con amiloidosi sistemica a catena leggera di nuova diagnosi. Questa approvazione rende questo regime basato su daratumumab la prima terapia approvata per l’amiloidosi AL in Europa.

La seconda autorizzazione è per l’uso di daratumumab SC in combinazione con pomalidomide e desametasone per il trattamento di adulti con mieloma multiplo che hanno ricevuto una terapia precedente contenente un inibitore del proteasoma e lenalidomide ed erano refrattari alla lenalidomide, o che hanno ricevuto almeno due terapie precedenti che includevano lenalidomide e un inibitore del proteasoma, e hanno dimostrato una progressione della malattia durante o dopo l’ultima terapia.

Sia l’amiloidosi AL che il MM sono disturbi del sangue complessi e incurabili. L’amiloidosi AL è una malattia rara e potenzialmente pericolosa per la vita causata da un accumulo di amiloide, una proteina insolubile, nei tessuti e negli organi. Questo porta eventualmente al deterioramento degli organi, più comunemente nel cuore, nei reni e nel fegato.

Il mieloma multiplo rimane un cancro incurabile delle plasmacellule nel midollo osseo. Mentre ci sono stati diversi sviluppi nei trattamenti nel corso degli anni, la natura complessa della malattia significa che i pazienti possono spesso diventare resistenti alla terapia. I risultati peggiorano ad ogni ricaduta e la necessità di opzioni di trattamento efficaci diventa cruciale.

“Le approvazioni di oggi segnano un progresso significativo per i pazienti che convivono con queste malattie del sangue, in particolare per l’amiloidosi AL, dove i pazienti hanno da tempo un bisogno urgente di opzioni di trattamento approvate”, ha detto Edmond Chan, Senior Director, EMEA Therapeutic Area Lead Hematology, Janssen-Cilag Limited. “Le prospettive per i pazienti non trattati sono state scarse, con una sopravvivenza media di 12-18 mesi e solo sei mesi per quelli con una funzione cardiaca gravemente compromessa. Il nostro obiettivo è quello di cambiare queste statistiche e offrire una nuova speranza ai pazienti che affrontano una diagnosi di amiloidosi AL”.

L’approvazione della CE per l’indicazione dell’amiloidosi AL si basa sui risultati positivi dello studio di fase 3 ANDROMEDA, recentemente presentato al meeting annuale 2021 della American Society of Clinical Oncology e al 26o congresso della European Haematology Association. Lo studio ha valutato D-VCd rispetto a VCd da solo, un regime di trattamento comune utilizzato nei pazienti adulti con amiloidosi AL di diagnosi recente. I pazienti che hanno ricevuto il trattamento con daratumumab hanno avuto un tasso di risposta ematologica completa significativamente più alto rispetto ai pazienti che hanno ricevuto il solo VCd. Inoltre, dopo 20,3 mesi di follow-up mediano, un maggior numero di pazienti ha ottenuto una risposta parziale molto buona o migliore (≥VGPR) con D-VCd rispetto a VCd. Nel complesso, D-VCd ha avuto un profilo di sicurezza coerente con quello precedentemente osservato per ciascuno degli agenti da solo.

“L’amiloidosi AL è una rara malattia ematologica che può essere incredibilmente difficile da diagnosticare, poiché i sintomi sono spesso impercettibili e possono simulare altre condizioni. Questa sfida è ulteriormente aggravata dalle limitate opzioni di trattamento”, ha detto Efstathios Kastritis, Professore di Terapeutica Clinica presso la National and Kapodistrian University of Athens School of Medicine, Atene, Grecia, e ricercatore dello studio ANDROMEDA. “L’approvazione di daratumumab è quindi una buona notizia per i pazienti e la comunità medica, poiché l’aggiunta di daratumumab alla VCd, che finora è stato il regime standard di cura per il trattamento dell’amiloidosi AL, ha dimostrato di produrre risposte significative nei pazienti, non solo inducendo la remissione a un tasso significativamente maggiore rispetto alla sola VCd, ma anche migliorando significativamente le risposte cardiache e renali e ritardando il deterioramento degli organi principali.”

“In Janssen, il nostro obiettivo è quello di fornire innovazioni trasformative ai pazienti con disturbi ematici complessi,” ha detto Jessica Vermeulen, Vice Presidente R&S clinico, Sviluppo in fase avanzata, Ematologia, Janssen Biologics B.V. “Siamo concentrati sulla continua ricerca e sviluppo di daratumumab per i pazienti che hanno bisogno di ulteriori opzioni di trattamento, e non vediamo l’ora di scoprire l’impatto che daratumumab avrà per queste nuove indicazioni”.

L’approvazione della CE per daratumumab SC in combinazione con Pd nel trattamento del MM pretrattato si basa sui risultati positivi dello studio di fase 3 APOLLO, recentemente pubblicato su “The Lancet Oncology”. Un’analisi aggiornata dello studio, con dati sulla qualità della vita relativi alla salute, è stata anche presentata al meeting annuale della American Society of Clinical Oncology e al 26o congresso della European Haematology Association.

Lo studio APOLLO ha raggiunto il suo endpoint primario di miglioramento della sopravvivenza libera da progressione, dimostrando che D-Pd ha ridotto significativamente il rischio di progressione o morte del 37%, rispetto al solo Pd. La PFS mediana per il braccio D-Pd rispetto al braccio Pd è stata di 12,4 contro 6,9 mesi, rispettivamente. I risultati dello studio hanno inoltre mostrato che il tasso di risposta globale è significativamente più alto in D-Pd rispetto alla sola Pd, così come i tassi di risposta completa o migliore e di risposta parziale molto buona o migliore. Inoltre, un maggior numero di pazienti trattati con D-Pd ha mostrato uno stato negativo per la malattia residua minima rispetto ai pazienti che hanno ricevuto solo Pd. Inoltre, D-Pd ha dimostrato un profilo di sicurezza coerente con i profili noti di daratumumab SC o Pd da solo.

Share Button