Print Friendly, PDF & Email

Sono state inaugurate venerdì 25 febbraio alla presenza del Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana e della Vice Presidente e Assessore al Welfare, Letizia Moratti, le prime due Case di Comunità dell’ASST Bergamo Est a Gazzaniga e Calcinate.  

Le Case Di Comunità sono uno dei primi tasselli del potenziamento territoriale della Sanità Regionale e costituiscono il punto di riferimento continuativo per la popolazione: qui è possibile trovare un Punto unico di accesso, accoglienza, informazione e orientamento del cittadino. In queste strutture è prevista la presenza di: area prelievi e vaccinazioni, cure primarie e continuità assistenziale, area ambulatori specialistici, area dei programmi di prevenzione e di promozione della salute, attività consultoriali, area servizi sociali del Comune.  

“È la prima tappa di un percorso che prevede, nel territorio di riferimento della Asst Bergamo Est costituito da 103 comuni, l’implementazione progressiva di 11 case di comunità e di due ospedali di comunità, in piena aderenza a quanto previsto dal Pnrr – spiega il Direttore generale della Asst Bergamo Est Francesco Locati -. La loro attivazione progressiva consentirà di avvicinare sempre di più la sanità ai cittadini e di rispondere ai loro bisogni sanitari, socio-sanitari e sociali emergenti, soprattutto in riferimento alla presa in carico delle fragilità e delle cronicità. La vera novità delle case di comunità che abbiamo avviato è la presenza, in un luogo riconoscibile, facilmente accessibile e accogliente, di diverse figure professionali che lavoreranno in équipe per garantire assistenza ai pazienti, anche grazie allo strumento della telemedicina. Il mio ringraziamento va al Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e alla Vicepresidente e Assessore al Welfare Letizia Moratti, presenti ieri nel giorno dell’inaugurazione, per il grande sostegno nell’attuare questa modalità organizzativa nuova sempre più vicina al cittadino e in grado di rispondere alle sue esigenze di salute, prevista nella legge regionale n.22/2021”.

Share Button