Print Friendly, PDF & Email

Un paziente del Moorfields Eye Hospital NHS Foundation Trust di Londra è stata la prima persona al mondo a ricevere esclusivamente un occhio protesico stampato in 3D completamente digitale. Ha provato per la prima volta il suo occhio l’11 novembre insieme a una tradizionale protesi acrilica.

Un occhio stampato in 3D è una vera biomimica e una protesi più realistica, con una definizione più chiara e una profondità reale della pupilla. A differenza dei metodi tradizionali, utilizza scansioni dell’occhio invece di uno stampo invasivo della cavità oculare, così difficile per i bambini che possono aver bisogno di un’anestesia generale. Fondamentalmente, il processo di produzione è molto più veloce. Gli occhi protesici acrilici tradizionali sono dipinti a mano e richiedono circa sei settimane per essere completati. Con la stampa 3D, una volta eseguita una scansione, la protesi può essere stampata entro due ore e mezza. Viene quindi inviato a un oculista per rifinire, lucidare e adattare. L’intero processo richiede solo due o tre settimane.

Steve Verze (nella foto), il primo paziente, è un ingegnere sulla quarantina d’anni di Hackney. “Ho bisogno di una protesi oculare da quando avevo 20 anni e mi sono sempre sentito a disagio”, ha detto Steve. “Quando esco di casa, spesso mi guardo una seconda volta allo specchio e quello che ho visto non mi è piaciuto. Questo nuovo occhio ha un aspetto fantastico e, essendo basato sulla tecnologia di stampa digitale 3D, sarà sempre migliore”.

“Siamo entusiasti del potenziale di questo occhio protesico completamente digitale”, ha affermato il professor Mandeep Sagoo, consulente oculista presso il Moorfields Eye Hospital e professore di oftalmologia presso il NIHR Biomedical Research Center presso il Moorfields Eye Hospital e l’UCL Institute of Ophthalmology. “Speriamo che la prossima sperimentazione clinica ci fornisca prove solide sul valore di questa nuova tecnologia, mostrando la differenza che fa per i pazienti. Ha chiaramente il potenziale per ridurre le liste di attesa”.

Nessun articolo correlato
Share Button