Print Friendly, PDF & Email

Intervento chirurgico all’avanguardia per la Struttura Complessa Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale dell’ASL di Biella. L’operazione, condotta con successo dal Direttore dottor Walter Daghino e dalla sua Équipe, ha riguardato l’impianto di un astragalo stampato in 3D nel piede di un paziente di 31 anni, infortunatosi gravemente in un incidente occorso mesi fa, le cui complicanze avevano portato a un deficit funzionale di tutto l’arto, che comprometteva la deambulazione. L’intervento, realizzato nel maggio 2021, sta generando risultati confortanti in questa fase precoce, in cui il soggetto ha ricominciato a camminare senza dolore, ormai in una fase avanzata nel percorso di abbandono delle stampelle che inizialmente lo sorreggevano.

L’astragalo è un osso del piede che fa parte dell’articolazione della caviglia. “La dinamica dell’incidente subìto aveva causato l’espulsione dell’astragalo all’esterno della cute portando il paziente ad avere una massiva necrosi ossea, che ha generato una grave deformità con perdita di altezza della caviglia interessata, che si presentava quindi con una mobilità residua ridottissima e dolorosa, facendo inoltre diventare l’arto più corto di diversi centimetri”, spiega il dottor Walter Daghino.

L’ortopedico e traumatologo ripercorre le tappe del percorso preparatorio, durato parecchi mesi, che ha portato all’intervento: “Da una TAC effettuata sulla caviglia sana è stato possibile ricavare un’immagine speculare dell’astragalo rovinato, dai cui dati si è proceduto, tramite un software specifico connesso a stampanti 3D per biomateriali, a progettare una componente sostitutiva dell’osso degenerato, da inserire in una protesi di caviglia da costruire appositamente per le caratteristiche del paziente. Lavorando in team con gli ingegneri della Ditta che ha prodotto la protesi sono state perciò studiate e messe a punto passo passo la strategia costruttiva e la tecnica chirurgica più idonee per posizionare l’impianto, tenendo conto delle caratteristiche peculiari del caso clinico e dell’alterazione dell’anatomia che si doveva correggere. Il tutto è stato realizzato in un primo tempo impiegando modelli grafici e successivamente, man mano che le procedure si affinavano, utilizzando modelli in plastica in scala 1:1 che simulavano le componenti ossee interessate e quelle protesiche da introdurre; questo per arrivare a riprodurre con il massimo grado di precisione possibile quanto poi si sarebbe dovuto realizzare in sala operatoria con il modello da adattare all’anatomia del paziente”.

“L’intervento, durato circa 5 ore, è uno dei primissimi casi portato a termine in Italia secondo tale tipologia, che anche a livello mondiale è al momento ancora considerata avveniristica, realizzata in pochi Centri selezionati – racconta il dottor Daghino –. Dopo avere superato bene il primo periodo di riposo per la necessaria integrazione delle componenti protesiche con le ossa circostanti, ora il giovane paziente muove la caviglia e sta completando il percorso di riabilitazione, al momento camminando senza dolore. Si tratta di un intervento nemmeno immaginabile fino a pochi anni fa, reso possibile oggi dal progresso tecnologico e dal contemporaneo affinamento delle tecniche chirurgiche più moderne: una procedura che si pone l’obiettivo di mantenere per il più lungo tempo possibile la funzionalità di un segmento altrimenti destinato a un esito ben più invalidante, che siamo felici di avere potuto realizzare a Biella per aiutare questo soggetto a fronteggiare la difficoltà seguenti il trauma”.

Share Button