Print Friendly, PDF & Email

Dal 12 al 14 ottobre si svolge Digital Health Summit, il convegno di riferimento dell’e-Health in Italia organizzato per il settimo anno consecutivo da NetConsulting cube, GGallery Group e AISIS.
Dopo due edizioni completamente in digitale, il Digital Health Summit nel 2022 diventa ibrido, combinando la modalità in presenza, nuovamente a Milano, per le giornate del 12 e del 13 ottobre e quella virtuale per il 14 ottobre. Quest’anno il summit avrà una forte focalizzazione sulle tappe di avvicinamento verso la ‘One Digital Health’, portando la riflessione sulle riforme strutturali, i fondi del PNRR, i processi di trasformazione delle strutture sanitarie e del Territorio.
“L’esperienza del Covid, l’innovazione tecnologica, il PNRR e la progettazione europea – esordisce Paolo Macrì, presidente di GGallery – rappresentano alcune delle opportunità principali da cogliere per trasformare il sistema sanitario nazionale. Il dibattito della tre giorni del Digital Health Summit partirà proprio da qui, dall’esame di tutti i fenomeni che stanno favorendo l’evoluzione della nostra organizzazione sanitaria per arrivare a sottolineare che non esiste una trasformazione possibile senza puntare in modo consistente sulla formazione degli operatori coinvolti.’
“Nell’edizione del Digital Health Summit di quest’anno – continua Alberto Ronchi, presidente di AISIS – ci concentreremo in particolar modo sul tema del nuovo modello di sanità territoriale che si propone di portare i servizi di cura e prevenzione più vicino a cittadini e pazienti. Si tratta di un modello che, anche attraverso l’uso della tecnologia, ha la capacità di influenzare profondamente l’intera organizzazione della sanità, ponendosi come riferimento per l’intera filiera di erogazione della prevenzione e della cura.”
“Il tema cardine dell’evento – entra nel vivo Annamaria Di Ruscio, Amministratrice Delegata di NetConsulting cube – sarà proprio quello di interrogarsi sul processo di avvicinamento al modello di One Digital Health, soffermandosi sullo stato di avanzamento attuale e sulle possibili prospettive. L’attenzione ricadrà sull’importanza che gioca, per il futuro della Sanità del nostro Paese, il raccordo fra organizzazione, competenze, riforme del PNRR, iniezione di fondi, da un lato, e il supporto delle tecnologie digitali, dall’altro. Il tutto in un contesto istituzionale in rapido cambiamento che merita di essere osservato, compreso e valutato.”
Digital Health Summit 2022 si configura come un viaggio attraverso diversi momenti di approfondimento al centro del  Pianeta One Digital Health in cui un ruolo fondamentale sarà giocato dalla presenza dell’Advisory Board, il comitato d’eccellenza costituito dalle più importanti Associazioni di categoria italiane del settore: AIIC – Associazione Italiana Ingegneri Clinici, AIOP – Associazione Italiana Ospedalità Privata, Anitec-Assinform, Assobiotec, Confindustria Dispositivi Medici, Egualia, Farmindustria, FIASO – Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, IIT – Istituto Italiano di Tecnologia che daranno il loro contributo nelle riflessioni sulla necessaria evoluzione dell’ecosistema sanitario.
In questa edizione l’agenda si svilupperà intorno a tre filoni tematici: il primo riguarda la Riforma della Sanità Territoriale, con una fotografia dello stato di attuazione della riforma territoriale ed evidenze sugli impatti-organizzativo funzionali in termini di persone, processi e funzioni, il secondo filone Interoperabilità, dati e filiera del Life Science affronterà temi chiave per la sanità del futuro come la medicina di popolazione, lo stato di avanzamento del Fascicolo Sanitario Elettronico, la Data Governance e il ruolo dell’intelligenza artificiale in sanità, la ricerca e l’innovazione per la medicina personalizzata, il terzo pillar Prevenzione, cura, assistenza e relazione si focalizzerà, infine, sul tema delle terapie digitali, dei servizi di telemedicina e teleconsulto, delle relazioni con i pazienti attraverso il Patient Relationship Management. Ad aprire l’evento, come ogni anno, la opening session che fornirà un quadro generale sullo stato di avanzamento delle riforme e del PNRR, oltre che delle sfide ancora aperte per la One Health. Infine, ci sarà un momento di confronto con un focus specifico sul tema delle Competenze Digitali, fattori indispensabili per la trasformazione digitale in sanità.
Durante la tre giorni si alterneranno le testimonianze, i casi concreti, le proposte provenienti dalle Associazioni dell’Advisory Board, dagli operatori sanitari, dai player di soluzioni e tecnologie avanzate che andranno ad animare, con i loro interventi, le sessioni di discussione e i numerosi talk del Summit.
“Se il Digital Health Summit di quest’anno – conclude Annamaria Di Ruscio, Amministratrice Delegata di NetConsulting cube- è nato con l’intento di fare il punto su quello che è stato fatto fino ad ora in materia di One Digital Health, oggi, l’evento è chiamato a fare un passo in più, diventando un momento importante per riflettere su come procederà l’attuazione della riforma organizzativa. C’è da interrogarsi se l’attività legata al Pnrr proseguirà con gli stessi contenuti, la stessa velocità e lo stesso rispetto delle scadenze avuti fino ad ora, e se, in ultima analisi, ci saranno delle modifiche negli indirizzi istituzionali dei Dipartimenti e delle Agenzie che si occupano di Telemedicina e di Fascicolo Sanitario a livello nazionale. In definitiva cercheremo di capire quale sarà il Sistema Salute (Digitale anche) prossimo venturo a livello nazionale, regionale e locale.”
  

Share Button