Print Friendly, PDF & Email

Presso l’Aula Magna dell’Università Statale, in presenza e in diretta streaming sulla pagina Youtube @LaStatale, l’Università degli Studi di Milano ha presentato il primo evento sull’innovazione targato UniMi Innova, l’hub dell’innovazione dell’Ateneo milanese, che identifica, riunisce e racconta le esperienze di innovazione nate dalla pluralità di ambiti della conoscenza presenti in Statale.

Maria Pia Abbracchio, Prorettore vicario con delega alla Ricerca e all’Innovazione, ha aperto l’incontro evidenziando che “il ruolo importante di un ateneo multidisciplinare come il nostro, che ha una grande tradizione di ricerca, nell’innovazione a servizio del territorio e del Paese. Grazie a UniMi Innova ci collochiamo al centro di una rete di servizi e strutture a disposizione dei docenti, dei ricercatori, degli studenti e di tutta la comunità della Statale, per trasformare idee innovative in concrete possibilità di miglioramento dell’ambiente e della vita delle persone”.

Molte le tematiche affrontate nel corso della presentazione: prima tra tutte la Milano School of Management, fondata per promuovere la formazione manageriale in tutte le aree di mercato e dedicata ad aziende, istituzioni, executive, manager e giovani laureati.

“Milano School of Management è unica nel suo genere”, ha spiegato la direttrice Daniela Vandone. “L’offerta formativa in ambito corporate si caratterizza per una forte specializzazione economico-aziendale permeata da conoscenze e competenze che provengono da altre discipline, tutte presenti in un grande Ateneo multidisciplinare come è il nostro. Per questo siamo in grado di offrire una formazione manageriale fondata su conoscenze analitiche dentro un quadro multidisciplinare, la via maestra per comprendere la realtà nella sua globalità”.

Tra le attività di open innovation e quelle rivolte alla comunità di innovatori si segnala anche lo Student Innovation Lab, un programma che offre agli studenti la possibilità di avvicinarsi alla cultura d’impresa e il pensiero imprenditoriale.

A seguire, la presentazione del programma di scouting della Statale Seed4Innovation, uno strumento per individuare progetti di innovazione all’interno della comunità accademica, organizzato da Fondazione UNIMI in collaborazione con la Direzione Innovazione e Valorizzazione delle Conoscenze dell’Università degli Studi di Milano. 

“Il programma si propone di seguire tutto l’iter del progetto, dalle fasi di implementazione all’incontro con possibili partner industriali fino alla copertura di parte dei costi per sostenere le prime sperimentazioni.  La rete dei mentor di Fondazione Unimi permette di favorire lo scambio e l’acquisizione di competenze al fine di accompagnare i progetti alla maturazione fino e al mercato”, conclude Carlo Bonadonna, coordinatore dei Mentor di Fondazione UNIMI.

Per l’anno 2020 sono stati finanziati con un fondo complessivo di 200.000 euro cinque progetti: MoWi una piattaforma digitale per l’agricoltura di precisione che grazie all’uso di sensori intelligenti e intelligenza artificiale consente di prevedere il rischio di infezione da funghi in piante di vite; MultiBioCoat, un progetto per sostituire i materiali multistrato degli imballaggi con monomateriali riciclabili al 100%; Oligosaccaridi per il trattamento della malattia di Parkinson: la realizzazione di una molecola che imita alcune componenti delle membrane dei neuroni in grado di superare la barriera ematoencefalica; Nanoparticelle modificate per il trasporto di farmaci attraverso la barriera ematoencefalica: l’utilizzo di nanoparticelle modificate in grado di attraversare la barriera ematoencefalica, solitamente un ostacolo al passaggio di farmaci, e trasportare farmaci dalla periferia al cervello. In particolare, il team ha ottimizzato queste nanoparticelle per veicolare nel cervello il colesterolo, una molecola terapeutica per la malattia di Huntington; Vescicole extracellulari per veicolare farmaci terapeutici o diagnostici: la possibilità di rendere fluorescente il tumore nei pazienti oncologici operabili, permettendo così al chirurgo di rimuoverlo.

Seed4Innovation ha premiato anche altri sei progetti che, pur senza grant, usufruiranno comunque dei servizi di incubatore, mentre altri due accederanno a un finanziamento messo a disposizione dal Ministero per lo Sviluppo Economico.

L’edizione 2020 di Seed4Innovation annovera quattro aziende come principali sostenitori Novartis Farma S.p.AMenarini Srl, Lamberti S.p.A., STMicroelectronics, e, per la sua organizzazione, Fondazione UniMi è stata affiancata da Deloitte e Bugnion S.p.A.

Share Button