Print Friendly, PDF & Email

L’associazione Progetto Pulcino Onlus ha donato alla Neonatologia del Santa Maria Nuova Epiq Élite, un ecografo all’avanguardia in grado di offrire prestazioni eccezionali dal punto di vista clinico e dalle funzioni estremamente avanzate. La Terapia Intensiva Neonatale dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia è una delle pochissime strutture ospedaliere in Italia dotate di questa apparecchiatura.

L’ecografo del valore di 67mila euro garantisce straordinarie prestazioni offrendo un approccio nuovo per la formazione delle immagini ecografiche. Grazie alle sue funzionalità avanzate gli esami sono più semplici da eseguire e offrono livelli di informazioni cliniche elevatissimi. La sua interfaccia a sfioramento (come su un tablet) consente di accedere rapidamente alle funzioni del sistema e di completare un esame in tempi molto ridotti e con una eccellente efficacia.

La consegna dell’attrezzatura nelle mani del Direttore di reparto Giancarlo Gargano da parte della presidente di Progetto Pulcino Alessandra Davoli, della vice presidente dottoressa Cristiana Magnani e del dottor Matteo Pugnaghi, è avvenuta mercoledì 13 ottobre. Era presente il Direttore generale dell’Ausl Cristina Marchesi che ha ringraziato di cuore la onlus, prezioso partner della Neonatologia di Reggio Emilia. “Un’associazione – ha detto – da sempre al nostro fianco, pronta a sostenere i bisogni tecnologici, strutturali e formativi del reparto, ma anche costantemente presente e vicina a genitori e famiglie dei piccoli ricoverati”.

“Si tratta di un’acquisizione preziosa per la Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia – spiega Gargano, Direttore del reparto e del Dipartimento Materno Infantile – che avrà un impatto importante sulle nostre prassi assistenziali. L’ecografo Epiq Élite della ditta Philips costituisce il top di gamma dell’azienda olandese che rappresenta anche in ambito neonatale il meglio attualmente sul mercato. L’ecografo di ultimissima generazione amplierà significativamente le potenzialità diagnostiche già in essere nella nostra TIN con la possibilità di acquisire immagini estremamente precise e fedeli. In particolare le caratteristiche dell’ecografo consentiranno una valutazione emodinamica e funzionale di tutti i neonati “critici”, di vitale importanza anche nella gestione terapeutica e farmacologica di questa tipologia di pazienti. Saranno ulteriormente implementate le attività di ecocardiografia, di ecografia polmonare, addominale e cerebrale con la possibilità anche di una valutazione doppler indispensabile per una scelta appropriata sul supporto circolatorio necessario. Consentirà inoltre un utilizzo nuovo dell’ultrasonografia in epoca neonatale e pediatrica quali l’isolamento di cateteri venosi centrali sotto guida ecografica e il controllo della posizione della punta del catetere, per escludere dislocamenti ed eventuali complicanze. La modernissima apparecchiatura arricchirà ulteriormente la dotazione tecnologica del reparto di Neonatologia, dotazione alla quale il Progetto Pulcino Onlus contribuisce in maniera sostanziale già da oltre un decennio con donazioni costanti e importanti. Un grazie di cuore quindi al Progetto Pulcino Onlus per questa importante donazione”.

Share Button