Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Takeda Pharmaceutical Company e COUR Pharmaceutical Development Company hanno annunciato che Takeda ha acquisito una licenza globale esclusiva per lo sviluppo e la commercializzazione del farmaco sperimentale CNP-101/TAK-101, una nanoparticella contenente proteine della gliadina che modifica il sistema immunitario.

Basato sulla piattaforma di tolleranza immunitaria specifica dell’antigene di COUR, TAK-101 è un potenziale trattamento di prima classe mirato alla risposta immunitaria aberrante nella celiachia, una grave malattia autoimmune in cui l’ingestione di glutine porta a infiammazioni e danni nell’intestino tenue.
I risultati di uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, per valutare i marker di potenziale efficacia e sicurezza del farmaco in sperimentazione in 34 adulti con comprovata malattia celiaca, sono stati presentati oggi come abstract di rottura alla UEG Week 2019, Barcellona, Spagna. All’inclusione, i pazienti presentavano una biopsia ben controllata e comprovata malattia celiaca. Dopo l’inclusione, hanno subito una sfida orale al glutine. Sulla base dello studio, Takeda ha esercitato la sua opzione per acquisire la licenza globale esclusiva per TAK-101.

“Mentre molte persone che vivono con la celiachia possono gestire i loro sintomi seguendo una dieta priva di glutine, al momento non ci sono opzioni terapeutiche per coloro che continuano ad avere sintomi”, ha dichiarato Asit Parikh MD, Head, Gastroenterology Therapy Area Unit a Takeda. “La nostra collaborazione con COUR ha dimostrato, per la prima volta, che è possibile indurre una tolleranza immunitaria specifica a un antigene estraneo nelle malattie autoimmuni come la celiachia. Con la nostra esperienza nelle malattie infiammatorie, Takeda è ben posizionata per sviluppare ulteriormente TAK-101 nel tentativo di fornire la prima opzione terapeutica approvata per i pazienti con malattia celiaca. “

Nello studio, i trattamenti sono stati somministrati per via endovenosa il giorno 1 e il giorno 8. La sfida del glutine è iniziata sette giorni dopo la seconda somministrazione del trattamento e includeva 12 grammi di glutine al giorno per tre giorni seguiti da 6 grammi di glutine al giorno per 11 giorni. L’endpoint primario era la variazione rispetto al basale delle unità di formatura spot dell’interferone-gamma al giorno 6 dopo la prova del glutine usando un saggio di immunospot specifico per enzima legato alla gliadina. Questo test è una misura diretta dell’attivazione delle cellule T sistemiche specifiche per il glutine nella celiachia e il blocco di questa risposta suggerisce che gli individui con celiachia potrebbero essere protetti dagli effetti dell’esposizione al glutine. 34 pazienti sono stati randomizzati e trattati, 6 sono stati interrotti a causa di sintomi correlati al glutine e 28 hanno completato la sfida del glutine di 14 giorni per protocollo.

L’endpoint primario dello studio è stato raggiunto con una variazione media rispetto al basale in ELISpotSFU IFN-γ di 2,10 e 17,57 con TAK-101 e placebo, rispettivamente. È stata anche osservata una tendenza nella protezione da piccoli danni alla mucosa intestinale con deterioramento di 0,18 con TAK-101 rispetto a 0,63 con placebo. Gli eventi avversi più frequenti nei pazienti trattati con TAK-101 che hanno superato la frequenza osservata nei pazienti trattati con placebo sono stati nausea, mal di testa, dolore addominale e mal di schiena. Nessun paziente ha presentato cambiamenti clinicamente significativi nei segni vitali, nei laboratori clinici di routine, nelle citochine / chemochine sieriche, nella proliferazione delle cellule T specifiche della gliadina e nella secrezione di citochine.

Takeda intende avviare uno studio di dosaggio per esplorare ulteriormente il potenziale di TAK-101 nel trattamento di pazienti con malattia celiaca con una dieta priva di glutine per informare i futuri studi di registrazione. COUR ha diritto a ricevere fino a 420 milioni di dollari in pagamenti futuri e royalties sulle vendite di prodotti commercializzati risultanti dalla licenza.

“Siamo incoraggiati dai dati di questa prima dimostrazione umana del concetto di studio della nostra piattaforma proprietaria di nanoparticelle progettata per riprogrammare il sistema immunitario”, ha affermato John J. Puisis, CEO di COUR Pharmaceuticals. “Poiché Takeda si assume la responsabilità del programma per la celiachia, COUR si concentrerà sull’avanzamento della nostra pipeline di terapie per una varietà di altri disturbi immunitari che vanno dalla sclerosi multipla all’allergia alle arachidi.”

Le nanoparticelle di modifica immunitaria proprietarie di COUR legano le cellule infiammatorie per avviare la riprogrammazione immunitaria tollerogena. Il nucleo interno può essere caricato con l’antigene specifico della malattia – in questo caso, le proteine ​​della gliadina – per indurre la tolleranza in condizioni autoimmuni come la celiachia.

Share Button