Print Friendly, PDF & Email

Nella prima metà del 2023, l’attività di base del Gruppo Roche ha registrato una forte crescita delle vendite dell’8%. Ciò ha parzialmente compensato il previsto calo delle vendite di COVID-19. Nel complesso, Roche ha registrato un calo del 2% delle vendite del gruppo.

L’apprezzamento del franco svizzero rispetto alla maggior parte delle valute ha avuto un impatto negativo significativo sui risultati presentati in franchi svizzeri rispetto a tassi di cambio costanti. L’utile operativo core è diminuito del 6%, riflettendo il calo delle vendite dei prodotti COVID-19 e il reddito derivante dalla transazione sui brevetti in Giappone nella prima metà del 2022.

L’utile per azione core è diminuito del 5%, guidato anche dalla minore domanda di prodotti COVID-19 e dall’effetto base della suddetta transazione sui brevetti; L’utile netto IFRS è diminuito del 9% a causa del minore utile operativo principale e dei maggiori interessi passivi. Il fatturato della Divisione Farmaceutica è aumentato dell’8% a 22,7 miliardi di franchi.

Le vendite della Divisione Farmaceutica crescono fortemente dell’8% a causa della continua forte domanda di nuovi farmaci; la nuova medicina per gli occhi Vabysmo è il motore di crescita più forte.

I farmaci più recenti per il trattamento di malattie gravi hanno continuato la loro forte crescita. La medicina per gli occhi Vabysmo, lanciata solo all’inizio del 2022, è stata ancora una volta il principale motore della crescita, con un fatturato di 1 miliardo di franchi, principalmente negli Stati Uniti. I cinque principali fattori di crescita hanno generato un fatturato totale di 7,5 miliardi di franchi, con un aumento di 2,2 miliardi di franchi rispetto al primo metà del 2022.

Negli Stati Uniti le vendite sono cresciute del 7%. Vabysmo ha generato un fatturato di 0,8 miliardi di franchi. L’impatto positivo della crescita di Vabysmo, Ocrevus, Hemlibra, Tecentriq e Activase/TNKase è stato in parte compensato dalle minori vendite di medicinali per i quali è scaduta la protezione brevettuale.

In Europa, le vendite sono aumentate del 5%, trainate dal lancio di Vabysmo e dalla continua diffusione di Evrysdi, Phesgo, Hemlibra e Ocrevus. Ciò è stato parzialmente compensato dall’impatto dei biosimilari e dalle minori vendite di Ronapreve.

Le vendite in Giappone sono aumentate del 14%, principalmente grazie alle forniture di Ronapreve al governo e sostenute dalla crescita delle vendite di Polivy, Vabysmo e Hemlibra. Questi hanno più che compensato l’impatto dei biosimilari e delle riduzioni dei prezzi del governo. Le vendite nell’area internazionale sono cresciute del 9%. Questa tendenza positiva è stata osservata in tutti i principali mercati. Perjeta, Evrysdi, Ocrevus, Hemlibra e Kadcyla sono stati i principali driver.

Le vendite in Cina sono aumentate del 3%, guidate da Tamiflu, Perjeta, Xofluza, Actemra/RoActemra e Polivy. Ciò ha più che compensato l’impatto dei biosimilari.

L’attività di base della Divisione Diagnostica, in crescita del 6%, ha ottenuto ottimi risultati nei primi sei mesi in tutte le regioni. I principali contributi alla crescita sono stati l’immunodiagnostica, in particolare i test cardiaci, e le soluzioni diagnostiche per la chimica clinica. Complessivamente, la Divisione Diagnostica ha registrato un fatturato di 7,1 miliardi di franchi, con un calo del 23% che riflette la riduzione prevista della domanda di test COVID-19. L’impatto del COVID-19 è stato evidente nella maggior parte delle regioni: le regioni Nord America, Asia-Pacifico ed Europa, Medio Oriente e Africa hanno registrato un calo delle vendite rispettivamente del 30%, 23% e 22%. Le vendite in America Latina sono rimaste stabili.

Il CEO di Roche Thomas Schinecker ha commentato: “Nella prima metà del 2023, le vendite nel business di base di entrambe le nostre divisioni sono cresciute fortemente, compensando in gran parte l’impatto del calo della domanda di prodotti COVID-19. Vabysmo continua il suo forte slancio, fornendo ora cure a pazienti con gravi patologie oculari in oltre 70 paesi. Abbiamo raggiunto diverse importanti pietre miliari della pipeline, tra cui l’approvazione da parte degli Stati Uniti e dell’UE del nostro medicinale per il cancro del sangue Columvi. Sono anche entusiasta della nostra partnership con Alnylam per sviluppare un farmaco potenzialmente trasformativo per i pazienti affetti da ipertensione, che colpisce 1,2 miliardi di adulti in tutto il mondo ed è la principale causa di morte per malattie cardiovascolari. Confermiamo le nostre previsioni per il 2023”.

A causa del forte calo delle vendite di prodotti COVID-19 di circa 5 miliardi di franchi, Roche prevede un calo delle vendite del Gruppo nella fascia bassa a una cifra. Escludendo questo calo delle vendite dovuto al COVID-19, Roche prevede una solida crescita delle vendite nell’attività di base di entrambe le divisioni. L’utile per azione core è destinato a svilupparsi ampiamente in linea con il calo delle vendite. Roche prevede di aumentare ulteriormente il suo dividendo in franchi svizzeri.