Print Friendly, PDF & Email

La dottoressa Fulvia Milano è il nuovo Direttore Sanitario dell’Asl di Vercelli. La presentazione ufficiale è avvenuta il 1 luglio in una conferenza stampa in cui il Direttore Generale Eva Colombo ha presentato anche le linee strategiche del suo mandato.

«Per prima cosa vorrei ringraziare il dottor Gualtiero Canova che in questo primo mese ha affiancato me e il Direttore Amministrativo Gabriele Giarola, accompagnandoci nella conoscenza dell’Azienda sanitaria – ha detto Colombo – La sua collaborazione è stata preziosa. Non potrà continuare con la Direzione Sanitaria per raggiunti limiti di età, ma tornerà a fare il primario all’ospedale di Borgosesia continuando la sua attività per l’Asl. Al suo posto ho chiesto di affiancarmi alla dottoressa Fulvia Milano, che lavora per l’Asl vercellese dal 1999».

La dottoressa Milano ha una specializzazione in Infettivologia e in Microbiologia; da dieci anni dirige la Struttura Complessa Laboratorio di Analisi Microbiologia e più di recente le è stata affidata anche la direzione dell’Area dei Servizi. Per quanto riguarda le linee strategiche di mandato, «La nostra attività – prosegue Colombo – si strutturerà con azioni di breve periodo ad incominciare dal piano di abbattimento delle liste d’attesa accumulate durante la pandemia che sarà reso noto la prossima settimana. Prosegue anche la campagna vaccinale contro il Covid – arrivata al traguardo delle 150mila dosi somministrate – con azioni di sensibilizzazione delle fasce scoperte e con ulteriori serate vaccinali dedicate ai ragazzi». Un’ulteriore novità significativa che sarà attivata già questa estate è la realizzazione di un punto dedicato al primo soccorso ortopedico ad Alagna, utile per rispondere alle esigenze dei turisti che frequentano le località montane valsesiane e vanno incontro a possibili traumi e infortuni legati all’attività sportiva.

«Entro gennaio 2022 saranno poi completati i lavori di ampliamento del Pronto soccorso di Vercelli e di riqualificazione del Pronto soccorso di Borgosesia, propedeutico anche all’attivazione del reparto di Terapia Intensiva che ospiterà otto posti letto intensivi e due posti letto di subintensiva in Valsesia. Tra i nostri obiettivi a breve termine – prosegue Colombo – c’è anche un significativo potenziamento della telemedicina, che ha dimostrato tutta la sua efficacia nelle esperienze avviate durante la pandemia, e della medicina territoriale». Ragionando su un periodo più lungo, le attività dell’Asl si concentreranno soprattutto sulla realizzazione di campagne di informazione e di prevenzione strutturate in ambiti quali le dipendenze, le malattie croniche e le patologie legate all’invecchiamento. «Riteniamo strategico lanciare campagne di prevenzione e intervenire sul potenziamento della rete territoriale e sulle Case della Salute – spiega Colombo – A Vercelli ne sarà realizzata una negli spazi di via Crosa grazie alle risorse del PNRR. Parallelamente è già incominciato un confronto con gli stakeholder del territorio per orientare anche la progettualità del nuovo monoblocco ospedaliero di Vercelli, finanziato da Regione Piemonte e INAIL»

Share Button