Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Royal Philips ha annunciato di aver ricevuto 510 (k) autorizzazioni dalla Food and Drug Administration statunitense per commercializzare una vasta gamma delle sue soluzioni ad ultrasuoni per la gestione delle complicanze polmonari e cardiache correlate a COVID-19. Le soluzioni ad ultrasuoni portatili e portatili sono diventate strumenti preziosi per i medici che trattano pazienti COVID-19 grazie alle loro capacità di imaging, portabilità e facilità di disinfezione. Come risultato di questo nulla osta regolamentare, che è il primo del settore, Philips può fornire indicazioni pratiche e dettagliate per supportare i medici che utilizzano i suoi sistemi e software per i pazienti affetti da COVID-19. Il nulla osta si applica ai sistemi a ultrasuoni Philips tra cui la serie EPIQ, la serie Affiniti, Lumify, CX50 e i sistemi di ultrasuoni diagnostici Sparq e alle soluzioni off-cart come QLAB Advanced Quantification Software.

L’ecografia ha mostrato valore nell’imaging del tessuto polmonare periferico affetto da polmonite, che è strettamente legato alle complicanze polmonari COVID-19. Poiché lo sforzo respiratorio può anche portare a disfunzione cardiaca, i pazienti COVID-19 sono ad aumentato rischio di complicanze cardiache. Un esame ecografico cardiaco può aiutare a valutare gli effetti che la progressione della malattia può avere sulla funzione cardiaca. Immaginando i pazienti COVID-19 nel punto di cura, come nel dipartimento di emergenza o in terapia intensiva (ICU), i medici possono diagnosticare e monitorare i pazienti senza la necessità di spostarli in ospedale, contribuendo a ridurre il rischio della trasmissione del virus ad altri pazienti o agli operatori sanitari.

“Molti operatori sanitari ci hanno detto che le nostre soluzioni per ultrasuoni portatili e portatili svolgono un ruolo prezioso nei loro sforzi per combattere la COVID-19″, ha affermato Bich Le, Vicepresidente senior e Direttore generale Ultrasound di Philips. “Con questa autorizzazione normativa possiamo offrire una guida chiara per garantire un uso sicuro ed efficace degli ultrasuoni per gestire le complicanze cardiache e polmonari correlate a COVID-19. Allo stesso tempo, stiamo investendo in modo significativo per aumentare la produzione a livello globale, anche nei nostri impianti di produzione di ultrasuoni negli Stati Uniti.”

Con il suo ampio portafoglio, la leadership in settori quali l’ecografia cardiaca e le capacità uniche della soluzione di tele-ultrasuono portatile Lumify with Reacts, Philips è ben posizionata per supportare gli operatori sanitari con soluzioni ad ultrasuoni mentre combattono la pandemia. La soluzione per ultrasuoni point-of-care di Lumify with Reacts, che funziona in combinazione con uno smartphone o un tablet compatibile, è il primo dispositivo ad ultrasuoni ultra-portatile al mondo con funzionalità avanzate di telehealth. La piattaforma di comunicazione Reacts consente chiamate audio-visive bidirezionali con streaming di ultrasuoni in diretta, in modo che entrambe le parti possano visualizzare simultaneamente l’immagine degli ultrasuoni in diretta e il posizionamento della sonda, mentre discutono e interagiscono allo stesso tempo. Nel contesto di COVID-19, questa soluzione può aiutare a ridurre al minimo il rischio di trasmissione del virus per il team medico.

La nuova guida evidenzia i preset specifici, i trasduttori, gli strumenti di quantificazione e altre funzionalità disponibili sui sistemi a ultrasuoni di Philips che sono rilevanti nella valutazione e gestione delle complicanze cardiache e polmonari correlate a COVID-19. Ad esempio, il sistema ad ultrasuoni per cardiologia premium EPIQ CVx include applicazioni automatizzate per la valutazione 2D del cuore, nonché solide misurazioni del volume del ventricolo 3D e della frazione di eiezione.

Share Button