Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Royal Philips ha annunciato la pubblicazione del suo rapporto Future Health Index 2021: “Un futuro resiliente: i leader sanitari guardano oltre la crisi”. Giunto alla sua sesta edizione, il rapporto Future Health Index 2021 si basa su ricerche proprietarie in 14 Paesi, rappresentando il più grande sondaggio globale nel suo genere per analizzare le priorità attuali e future dei leader sanitari in tutto il mondo. Vai al report Il feedback dei leader sanitari – inclusi funzionari esecutivi, funzionari finanziari, responsabili della tecnologia e dell’informazione, funzionari operativi e altro – esplora le sfide che hanno dovuto affrontare dall’inizio della pandemia e dove si trovano le loro priorità attuali e future, rivelando una nuova visione per il futuro dell’assistenza sanitaria. Con un focus sull’assistenza sanitaria centrata sul paziente abilitata dalla tecnologia intelligente, la loro visione è modellata da una nuova enfasi su partnership, sostenibilità e nuovi modelli di erogazione delle cure, sia all’interno che all’esterno dell’ospedale.

“Il rapporto Future Health Index 2021 riflette sacche di positività durante la crisi del COVID-19. I leader sanitari hanno visto in prima persona come la tecnologia sanitaria digitale possa garantire la fornitura continua di cure in circostanze incredibilmente difficili”, ha affermato Jan Kimpen, Chief Medical Officer, Philips. “Molti stanno ora rivalutando le loro capacità tecnologiche mentre valutano il futuro. Sebbene non possiamo essere sicuri di cosa riserveranno i prossimi anni, ciò che emerge da questo rapporto è che i leader sanitari sono impegnati a costruire sistemi sanitari che siano sostenibili, adattabili e, soprattutto, resilienti “. La telemedicina ha avuto la priorità durante COVID-19; Gli investimenti nell’IA aumenteranno dopo la pandemia Pur essendo ancora alle prese con la pandemia, il 64% dei leader sanitari in tutto il mondo continua a dare la priorità alla telemedicina quando si tratta di investimenti in tecnologia sanitaria digitale. Questo numero è particolarmente alto negli Stati Uniti. Tuttavia, nei prossimi tre anni, solo il 40% prevede di investire pesantemente in telemedicina e l’IA emerge come un’area chiave per gli investimenti. I leader sanitari nelle economie emergenti come Arabia Saudita, India e Russia prevedono di dare la priorità agli investimenti nell’IA maggiormente nel 2024, anche più di quelli negli Stati Uniti. Circa un terzo dei leader sanitari europei e un quarto di quelli dell’APAC concordano sul fatto che, per essere preparati per il futuro, il loro ospedale o struttura sanitaria deve investire nell’implementazione di tecnologie predittive come l’AI e l’apprendimento automatico . In particolare, nella Singapore tecnologicamente avanzata, i numeri sono più alti, con quasi due terzi dei leader sanitari che danno la priorità a un investimento nell’IA post-pandemia. E sebbene inferiori, Europa e APAC sono ancora al di sopra delle medie per le Americhe e il Medio Oriente e l’Africa quando si tratta di dare la priorità all’IA nel 2024. L’assistenza sanitaria sostenibile dal punto di vista ambientale passa dalla priorità inferiore alla priorità assoluta L’implementazione di pratiche di sostenibilità ambientale sale dalla parte inferiore della lista delle priorità dei leader alla cima in tre anni, con quelle in Francia e Paesi Bassi in testa. La tendenza è più pronunciata tra i leader che lavorano in ospedali o studi tecnologicamente avanzati e quelli nei mercati sviluppati.

Dopo un anno di crisi, i leader sanitari rimangono ottimisti sul futuro. La stragrande maggioranza pensa che il proprio ospedale abbia mostrato resilienza durante la pandemia e si sente fiduciosa nel futuro. Mentre i leader considerano la preparazione a rispondere alle crisi come la loro massima priorità oggi la cifra scende a solo il 3% in tre anni, indicando che i leader sanitari si aspettano di spostare la loro attenzione dalla preparazione alle crisi. I piani attuali per l’assistenza basata sul valore sono stati colpiti dal COVID-19 in molti Paesi, con il 33% dei leader sanitari in Brasile e il 25% negli Stati Uniti che afferma di aver deprezzato quest’area a causa della pandemia. Tuttavia, nel complesso il quadro rimane positivo: il 50% di tutti i leader sta attualmente praticando cure basate sul valore o prevede di farlo in futuro.

Share Button