Print Friendly, PDF & Email

Royal Philips ha partecipato a un importante progetto di ricerca per sviluppare una tecnica di imaging a risonanza magnetica che potrebbe potenzialmente rivoluzionare l’uso dell’imaging RM in cardiologia. Riducendo il tempo della procedura per la valutazione completa dell’anatomia e della funzione cardiaca da circa un’ora a pochi minuti, questa nuova tecnica ha il potenziale per aumentare l’accesso del paziente a diagnosi di precisione, migliorare il comfort del paziente grazie a tempi di scansione più brevi e ridurre il costo di cura. La tecnica può essere utilizzata con gli scanner MRI phased-array esistenti senza modifiche. I risultati di uno studio clinico per valutare la tecnica sono stati pubblicati nell’aprile 2021 su “JACC: Cardiovascular Imaging”, una delle riviste a più alto impatto al mondo nel settore.

“In poco più di 20 secondi sono state acquisite tutte le informazioni necessarie per conoscere la forma e la funzione del cuore. E se è necessario valutare il grado di fibrosi dopo la morte del muscolo cardiaco, è sufficiente un’altra acquisizione di 20 secondi, completando lo studio cardiaco in meno di un minuto”, ha affermato lo scienziato Philips Dr. Javier Sánchez-González, leader tecnico del Team Philips che ha contribuito allo sviluppo e capofila della collaborazione con CNIC. Durante un esame cardiaco RM convenzionale, i pazienti devono rimanere fermi all’interno del foro dello scanner per circa un’ora per misurare con precisione la funzione del loro cuore e valutare l’estensione del muscolo cardiaco danneggiato. Richiede più complesse acquisizioni di immagini 2D e 3D che devono essere catturate e ricostruite. Di conseguenza, nonostante non sia invasivo e non comporti alcuna esposizione alle radiazioni, la RM non è ancora ampiamente utilizzata per l’imaging cardiaco. “La causa principale è il tempo necessario per fare uno studio completo. Uno studio completo richiede circa un’ora, un periodo che fa sì che molti pazienti non finiscano il test a causa del disagio che provoca loro”, ha affermato la dott.ssa Sandra Gómez-Talavera, ricercatrice presso il Centro nazionale spagnolo per la ricerca cardiovascolare, cardiologa presso l’Hospital Universitario Fundación Jiménez Díaz e coautore del documento JACC. La nuova tecnica sfrutta il fatto che durante un’apnea, tutto all’interno del torace del paziente rimane statico, tranne il cuore che batte. Dopo che un’immagine iniziale della parte statica è stata acquisita, questi dati MRI vengono temporaneamente rimossi. Il segnale MRI del cuore che batte può ora essere sottratto più facilmente dai successivi dati di scansione, consentendo un’acquisizione fino a quattro volte più veloce di un’immagine 3D del cuore. Ciò si traduce in un fattore di accelerazione netto fino a 32. Una volta ricostruite le informazioni dinamiche del cuore che batte, le immagini statiche del volume esterno vengono aggiunte nuovamente per generare un’immagine cardiaca 3D completa che mostra l’anatomia e la funzione del cuore e consente la revisione da diverse viste con una buona risoluzione dell’immagine. Se necessario, una seconda scansione 3D isotropica con contrasto del respiro singolo può rivelare l’entità del danno al muscolo cardiaco del paziente. I risultati di uno studio clinico in cui sono stati esaminati più di 100 pazienti con diverse patologie cardiache utilizzando sia il protocollo RM convenzionale che quello nuovo, con le immagini risultanti valutate da radiologi esperti, hanno dimostrato un eccellente accordo tra le misurazioni della funzione cardiaca effettuate con ciascuna tecnica, così come un eccellente accordo nelle immagini per caratterizzare il danno tissutale al muscolo cardiaco del paziente. “Abbiamo dimostrato in un ampio gruppo di pazienti che la risonanza magnetica cardiaca utilizzando questa nuova tecnologia ottiene gli stessi parametri della tecnica usuale, ma riduce il tempo che un paziente deve essere all’interno della macchina di oltre il 90%”, ha affermato il dott. Borja Ibáñez, Direttore del Dipartimento di Ricerca Clinica del CNIC, Cardiologo presso l’Ospedale Universitario Fundación Jiménez Díaz e capo clinico del lavoro. Il progetto di ricerca per sviluppare questo nuovo protocollo di risonanza magnetica cardiaca è stato finanziato dall’Istituto di Sanità Carlos III, attraverso un progetto di sviluppo tecnologico FIS, nonché una borsa di ricerca traslazionale della Società spagnola di cardiologia, il Consiglio europeo della ricerca e la Comunità di Madrid. Sebbene la collaborazione tra CNIC e Philips sia attualmente in fase di ricerca, l’obiettivo è portare questa tecnica di risonanza magnetica cardiaca ultraveloce e facile in contesti clinici nel prossimo futuro e supportare la visione comune di beneficiare più pazienti. Già oggi le soluzioni RM integrate di Philips offrono nuovi livelli di RM cardiaca ultrarapida e personalizzata. Gli esempi includono la tecnologia Compressed SENSE per l’accorciamento degli esami dell’azienda, la diagnosi precoce ultrarapida dello scompenso cardiaco con la risonanza magnetica con codifica Strain e MyoStrain, la soluzione per il flusso di lavoro end-to-end SmartWorkflow ed elio – scanner gratuiti.

Share Button