Print Friendly, PDF & Email

I risultati aggiornati dello studio CASPIAN di fase III hanno mostrato che Imfinzi di AstraZeneca in combinazione con una scelta di chemioterapie, etoposide più carboplatino o cisplatino, hanno dimostrato un beneficio di sopravvivenza globale prolungato e clinicamente significativo a tre anni per gli adulti con carcinoma polmonare a piccole cellule trattato nell’impostazione di prima linea. Questi dati, che mostrano il più lungo aggiornamento sulla sopravvivenza mai riportato per un trattamento immunoterapico in questo contesto, sono stati presentati durante una mini sessione orale il 18 settembre 2021 al Congresso 2021 della European Society of Medical Oncology. Lo studio CASPIAN ha raggiunto l’endpoint primario di OS nel giugno 2019, riducendo il rischio di morte del 27%, che ha costituito la base delle approvazioni normative in molti Paesi del mondo. I risultati aggiornati sono stati precedentemente presentati durante il programma scientifico virtuale ASCO20 a maggio 2020 con un follow-up medio di oltre due anni. Gli ultimi risultati per Imfinzi più chemioterapia hanno mostrato un’efficacia sostenuta dopo un follow-up mediano di oltre tre anni per i pazienti censurati, con una riduzione del 29% del rischio di morte rispetto alla sola chemioterapia. L’OS mediana aggiornata era di 12,9 mesi rispetto a 10,5 per la chemioterapia. I risultati includevano un’analisi esplorativa pianificata, in cui si stimava che il 17,6% dei pazienti trattati con Imfinzi più chemioterapia fosse vivo a tre anni, rispetto al 5,8% dei pazienti trattati con la sola chemioterapia. I benefici in termini di sopravvivenza sono stati coerenti in tutti i sottogruppi, in linea con le analisi precedenti. Luis Paz-Ares, presidente, dipartimento di oncologia medica, Hospital Universitario 12 de Octubre, Madrid, Spagna e ricercatore principale nello studio CASPIAN di fase III, ha dichiarato: “I pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule in stadio esteso storicamente hanno avuto un trattamento limitato opzioni e devono ancora affrontare una prognosi disastrosa, il che rende particolarmente significativi questi dati che mostrano che tre volte più pazienti sopravvivono tre anni dopo il trattamento con Imfinzi. Questi risultati rafforzano Imfinzi più la chemioterapia al platino come importante standard di cura in questo contesto”. Susan Galbraith, Executive Vice President, Oncology R&D, ha dichiarato: “Questo notevole miglioramento della sopravvivenza è un risultato senza precedenti a tre anni per i pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule in stadio esteso. Siamo profondamente impegnati ad aiutare a migliorare i tassi di sopravvivenza in questa malattia con la ricerca di nuove opzioni di trattamento per trasformare i risultati in varie fasi, non solo con lo studio CASPIAN, ma anche con lo studio ADRIATIC nella malattia in stadio limitato”. Imfinzi più chemioterapia ha continuato a dimostrare un profilo di sicurezza ben tollerato coerente con i profili noti di questi medicinali. I risultati hanno mostrato che il 32,5% dei pazienti ha manifestato un evento avverso grave con Imfinzi più chemioterapia rispetto al 36,5% con la sola chemioterapia. Imfinzi in combinazione con etoposide e carboplatino o cisplatino è approvato nella prima linea di ES-SCLC in più di 55 Paesi, inclusi Stati Uniti, Giappone, Cina e in tutta l’UE. Imfinzi è anche in fase di test a seguito di terapia chemioterapica concomitante in pazienti con SCLC in stadio limitato nello studio ADRIATIC di fase III come parte di un ampio programma di sviluppo. Inoltre, Imfinzi è anche approvato per il trattamento del carcinoma polmonare non a piccole cellule nel contesto curativo di una malattia in stadio III non resecabile dopo CRT negli Stati Uniti, in Giappone, in Cina, in tutta l’UE e in molti altri paesi, con sede sui risultati dello studio PACIFIC di Fase III.

Share Button