Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Gilead Sciences e Vir Biotechnology hanno annunciato che le società hanno avviato una collaborazione clinica per valutare nuove strategie di combinazione terapeutica volte a sviluppare una cura funzionale per il virus dell’epatite B cronica. Le aziende prevedono di avviare uno studio di fase 2 per valutare la terapia di combinazione per le persone con esperienza di trattamento e naïve al trattamento che convivono con l’HBV. Lo studio multi-braccio valuterà diverse combinazioni di selgantolimod, l’agonista TLR-8 sperimentale di Gilead; VIR-2218, acido ribonucleico interferente piccolo sperimentale di Vir; e un antagonista PD-1 di origine commerciale e commercializzato. Le persone nello studio con esperienza nel trattamento dell’HBV possono anche ricevere Vemlidy di Gilead. L’esito principale dello studio sarà la percentuale di pazienti che raggiungerà una cura funzionale, definita come perdita fuori terapia dell’antigene di superficie dell’epatite B e dell’HBV DNA dal siero. Entrambe le società mantengono i pieni diritti sui loro singoli prodotti candidati e discuteranno il potenziale percorso per eventuali futuri studi combinati basati sui risultati della sperimentazione di fase 2. “Gilead ha un impegno di due decenni nei confronti delle persone con epatite B e abbiamo lavorato instancabilmente per portare avanti nuovi trattamenti con l’obiettivo di contribuire a migliorare le loro vite”, ha affermato Anuj Gaggar, Vicepresidente, Ricerca clinica, Virologia presso Gilead Sciences. “Riteniamo che selgantolimod e VIR-2218 abbiano il potenziale per essere le terapie migliori della categoria e potrebbero fornire un nuovo approccio di combinazione avvincente per una cura funzionale per l’HBV”. “Siamo entusiasti di questa collaborazione”, ha affermato Phil Pang, Chief Medical Officer di Vir Biotechnology. “Riteniamo che una cura funzionale per la maggior parte dei pazienti richiederà una riduzione dei livelli di proteine ​​virali circolanti insieme a una spinta immunitaria per stimolare la produzione di nuovi linfociti T che possono tenere sotto controllo l’infezione. Riteniamo che questa collaborazione con Gilead aggiunga una nuova e significativa nuova combinazione ai nostri sforzi per trovare una cura per l’HBV”. L’HBV colpisce più di 290 milioni di persone in tutto il mondo. A livello globale, l’HBV è una delle principali cause di cancro al fegato e ogni anno si stima che più di 800.000 persone muoiano per malattie epatiche correlate all’HBV. Sebbene le attuali terapie antivirali determinino una prolungata soppressione virale dell’HBV, raramente eliminano completamente il virus e quindi le persone con HBV richiedono una terapia per tutta la vita. La sicurezza e l’efficacia di selgantolimod e VIR-2218 non sono state stabilite. Sono composti sperimentali, non approvati dalla Food and Drug Administration statunitense o da qualsiasi altra autorità di regolamentazione.

Share Button