Print Friendly, PDF & Email

Royal Philips ha annunciato la pubblicazione del suo rapporto Future Health Index 2022: “Healthcare hits reset: Priorities shift as the Healthcare Leaders navigate a changed world“. Giunto al suo settimo anno, il rapporto Future Health Index 2022, basato su una ricerca proprietaria di quasi 3.000 intervistati condotta in 15 Paesi, esplora come i leader sanitari stanno sfruttando la potenza dei dati e della tecnologia digitale mentre cercano di affrontare le sfide chiave che emergono da la pandemia.

Il rapporto del 2022 dipinge il quadro di un settore che sta rivalutando radicalmente le priorità mentre si sforza di fornire una migliore assistenza ai pazienti. “Mentre usciamo dalla pandemia, i leader sanitari di tutto il mondo stanno intraprendendo un riavvio”, ha affermato Jan Kimpen, Chief Medical Officer di Philips. “Molti si stanno rifocalizzando sulle priorità nuove ed esistenti, dall’affrontare la carenza di personale e l’estensione dell’erogazione delle cure, allo sfruttamento dei big data e dell’analisi predittiva”.

A livello globale, circa un leader sanitario su tre afferma che la soddisfazione e la fidelizzazione del personale combinate sono una priorità assoluta. Tuttavia, ciò che guida questa priorità varia da paese a paese. Ad esempio, negli Stati Uniti e in Germania la soddisfazione e la fidelizzazione del personale sono guidate dalle “grandi dimissioni”. In India, la domanda sempre crescente di più professionisti sanitari è il motore predominante. In tutti i paesi, gli investimenti dei leader sanitari nelle tecnologie digitali aiuteranno a migliorare l’esperienza del personale.

I leader sanitari hanno fiducia nell’analisi predittiva con il 71% di fiducia nell’analisi predittiva in ambito clinico e il 72% in ambito operativo. Nel complesso, i leader sanitari vedono l’impatto positivo dell’analisi predittiva, in particolare sui risultati sanitari, sull’esperienza del paziente e sull’esperienza del personale, e più della metà ha già adottato, o sta adottando, l’analisi predittiva in qualche modo. Tuttavia, l’adozione rimane disomogenea, con una marcata differenza nell’adozione tra paesi sviluppati ed emergenti. La ricerca FHI 2022 indica inoltre che anche coloro che sono più avanti nell’adozione dell’analisi predittiva non stanno sfruttando tutto il potenziale della tecnologia.

Il superamento delle barriere all’uso efficace dei dati è fondamentale per ottenere un’adozione diffusa Pur fiduciosi nel valore dei dati, i leader sanitari restano frustrati dai continui ostacoli all’utilizzo efficace dei dati, inclusi i dati in silos e le limitazioni dell’infrastruttura. Con gli attacchi informatici sempre più diretti al settore sanitario, uno su cinque cita le preoccupazioni sulla privacy e sulla sicurezza dei dati come un ostacolo principale all’utilizzo dei dati al massimo delle loro potenzialità. Dicono inoltre che una maggiore sicurezza dei dati e sistemi e protocolli di privacy siano il modo migliore per rafforzare la loro fiducia nell’analisi predittiva sia in ambito clinico che operativo. Inoltre, solo il 19% dei leader sanitari dispone di tutte le competenze interne necessarie per utilizzare appieno i dati disponibili, mentre il 24% cita la disponibilità di specialisti dei dati come un fattore fondamentale per un migliore utilizzo dei dati. Nonostante il potenziale dei dati, come risultato di queste frustrazioni, quasi la metà dei leader sanitari considera i dati più un onere che una risorsa oggi.

Un quarto vede affrontare la disuguaglianza sanitaria come una priorità oggi, rispetto a solo il 12% nel 2021. La tecnologia può svolgere un ruolo: due leader sanitari su tre concordano sul fatto che l’analisi predittiva può avere un impatto positivo sull’aiuto per ridurre le disparità sanitarie fornendo informazioni rapide e accurate sui punteggi di rischio per aiutare a identificare i gruppi più vulnerabili per una pianificazione proattiva per aiutare a gestire meglio i problemi di salute della comunità come focolai di malattie, incidenza del cancro e altro ancora.

Il rapporto 2022 vede anche i leader sanitari accelerare i loro piani di sostenibilità. Nel 2021, solo il 4% dei leader sanitari nel mondo dava priorità alla sostenibilità ambientale. Questa cifra è balzata al 24% oggi; un aumento di oltre sei volte anno su anno.

Share Button