Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

E’ l’ultimo modello sul mercato di loop recorder, il dispositivo per la registrazione del ritmo cardiaco prolungata nel tempo al fine di “scovare” le anomalie. Presso la Cardiologia di Negrar ne sono già stati impiantati due esemplari. Vediamo le novità. 

In tutto misura poco più di quattro centimetri, ma grazie al potenziamento della batteria riesce a registrare ben 4 anni e mezzo della vita di un cuore. La durata dell’accumulatore non è però la sola novità della nuova versione dell’IRL, il piccolo “registratore” impiantabile sotto cute, utilizzato dai cardiologici per ‘scovare’ le aritmie, soprattutto quelle asintomatiche, come la fibrillazione atriale.

Il giorno in cui Medtronic ha messo sul mercato il nuovo dispositivo, lo scorso 9 novembre, la Cardiologia dell’IRCCS “Sacro Cuore Don Calabria”, diretta dal dottor Giulio Molon, ha effettuato due impianti, confermandosi sempre attenta all’evolversi della tecnologia applicata alla diagnosi e alla cura delle patologie cardiache.

L’utilizzo del loop recorder rimane sempre lo stesso: fissato sotto cute in prossimità del muscolo cardiaco tramite un iniettore, registra per un lungo periodo il ritmo del cuore ed eventuali anomalie, che non emergono durante una visita o anche durante altri esami diagnostici, come l’elettrocardiogramma. “E’ indicato quando c’è un sospetto di aritmia – spiega il dottor Molon -. Per esempio lo impiantiamo spesso nei pazienti neurologici che hanno subito un ictus criptogenetico, cioè senza una causa definita. Secondo studi scientifici nel 30-40% di questi pazienti è presente una fibrillazione atriale mai diagnosticata o asintomatica, per la quale serve un monitoraggio molto prolungato nel tempo”.

La nuova versione oltre a garantire 12 mesi in più di durata della batteria, si differenza dalle precedenti per l’algoritmo “cioè per il sistema automatico presente nel dispositivo, in grado ora di effettuare un’analisi più accurata delle aritmie. Grazie a questo aggiornamento, il loop recorder registra meno falsi positivi. Pertanto dal punto di vista clinico è più affidabile”. Inoltre, prosegue il dottor Molon, “per la prima volta un dispositivo di questo genere è programmabile a distanza, senza la presenza fisica del paziente in ospedale. Cosa che non potrebbe essere possibile, per esempio, per i pacemaker in quanto comporta rischi di sicurezza. Infine – conclude il primario – questo nuovo ‘registratore cardiaco’ può essere controllato tramite un’APP per smartphone, tablet o computer. Il paziente, sempre a domicilio, scarica i dati inviandoli, tramite l’applicazione, al server dal quale il medico cardiologo controlla giornalmente l’andamento della registrazione, contattando il paziente in caso di anomalie del ritmo

Share Button