Print Friendly, PDF & Email

Ridurre al minimo il rischio di danni neurologici nei bambini che necessitano di trattamenti chirurgici complessi. È
possibile grazie all’uso di specifiche tecniche che si avvalgono di macchinari all’avanguardia. Grazie ad una prima
donazione di 135.000 euro raccolti tra il personale dell’Aeronautica Militare, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù,
tramite l’omonima Fondazione, ha potuto dotarsi di 3 innovative apparecchiature mediche. Due di queste servono per
il monitoraggio delle funzionalità neurologiche, la terza per asportare in sicurezza i tessuti malati sfruttando gli
ultrasuoni. La somma donata è parte del ricavato dell’iniziativa di raccolta fondi “Un dono dal cielo”, realizzata
dall’Aeronautica Militare in occasione del Giubileo Lauretano.
«Siamo davvero grati per il sostegno e la vicinanza dell’Aeronautica Militare che, con la sua donazione, rende possibile
l’aspirazione dell’Ospedale all’eccellenza tecnologica e all’innovazione delle tecniche chirurgiche» sottolinea la
presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc. «Le nuove apparecchiature, ora a disposizione delle nostre équipe, ci
consentiranno di aiutare i bambini in modo sempre più efficace».
Le funzionalità neurologiche dei bambini durante un’operazione chirurgica possono essere tenute sotto controllo con
quelle che vengono chiamate tecniche di monitoraggio neurofisiologico intraoperatorio. Negli interventi
particolarmente complessi questa metodica aiuta il chirurgo a non danneggiare il sistema nervoso intercettando
preventivamente situazioni di pericolo attraverso la lettura dei segnali che emette, come i sensori di volo assistono il
pilota di un aereo nel corso della navigazione.
In campo pediatrico il monitoraggio è particolarmente complesso perché i segnali del sistema nervoso sono più difficili
da leggere rispetto a quelli degli adulti. Al Bambino Gesù, grazie alle competenze dei neurofisiologi, il monitoraggio
viene utilizzato con successo fin dal 2013 in ambito neurochirurgico. Nel corso degli anni inoltre il suo impiego è stato
esteso ad altre specialità come la cardiochirurgia, la chirurgia generale e la chirurgia vascolare.
Le due apparecchiature acquistate mediante la donazione dell’Aeronautica, grazie alle tecnologie di ultima generazione che utilizzano, consentono di verificare e preservare la funzionalità di importanti strutture del cervello, del midollo spinale e dei nervi per minimizzare i danni che si potrebbero causare nel corso delle operazioni. Con questa tecnologia è possibile anche identificare e preservare la funzione delle strutture nervose che non si possono riconoscere anche con sistemi ad alta definizione come il microscopio operatorio e la neuronavigazione.
Le apparecchiature si avvalgono dell’utilizzo, anche simultaneo, in corso di intervento chirurgico, di varie tecniche
neurofisiologiche come i potenziali evocati, l’elettromiografia, l’elettroencefalografia. I potenziali evocati sono esami
che studiano le risposte del sistema nervoso centrale a uno stimolo sensitivo o motorio, analizzando le vie nervose che
dalla periferia portano le informazioni verso il cervello e dal cervello verso i muscoli. L’elettromiografia permette di studiare la funzionalità dei muscoli e dei nervi connessi presenti in una specifica area del corpo. L’elettroencefalografia,
invece, consente la registrazione e l’analisi dell’attività elettrica del cervello.
L’aspiratore a ultrasuoni è un macchinario che consente la frammentazione e l’aspirazione di qualsiasi tipo di tessuto
malato garantendo l’integrità delle strutture vascolari circostanti. Viene utilizzato in oncologia, nella chirurgia
dell’epilessia e in numerosi altri ambiti della chirurgia pediatrica. Permette lo svolgimento delle procedure chirurgiche
con estrema precisione ed è pertanto indispensabile nella realizzazione di interventi complessi.
«L’acquisizione dei nuovi apparecchi darà un’importante accelerazione allo sviluppo delle tecniche di monitoraggio
intraoperatorio in età pediatrica e al loro utilizzo in diversi ambiti chirurgici. Consentirà inoltre il contemporaneo
svolgimento di interventi che richiedono l’utilizzo di questa tecnica in differenti blocchi operatori – spiega il professor
Carlo Efisio Marras, responsabile di Neurochirurgia del Bambino Gesù – L’obiettivo è evidentemente ambizioso e
richiede lo sforzo di tutti coloro che come l’Aeronautica Militare credono nella collaborazione e nel sostegno reciproco
per il raggiungimento di un così importante risultato».
La somma donata dall’Aeronautica Militare è frutto della raccolta di fondi legata all’iniziativa benefica “Un dono dal
cielo”, realizzata in occasione del Giubileo Lauretano concesso da Papa Francesco per celebrare il centenario della
proclamazione della Madonna di Loreto, patrona degli aeronauti.
«Abbiamo ritenuto fosse importante sottolineare questo momento di devozione con un’attenzione a chi è meno
fortunato di noi”, le parole del Generale di squadra aerea Alberto Rosso, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica
Militare. “L’iniziativa ‘Un dono dal cielo’, oltre a rappresentare un segno concreto della generosità del personale
dell’Aeronautica, suggella la stretta sinergia già esistente tra la Forza Armata e gli ospedali pediatrici italiani: in
coordinamento con prefetture e presidi ospedalieri, infatti, i velivoli e gli equipaggi dell’Aeronautica Militare assicurano, su tutto il territorio nazionale, senza soluzione di continuità, i trasporti sanitari di urgenza a favore di pazienti in pericolo di vita. Si tratta spesso, purtroppo, di piccoli pazienti bisognosi di raggiungere da tutta Italia, nel minor tempo possibile, centri di cura specializzati come appunto il Bambino Gesù di Roma».
L’iniziativa “Un dono dal cielo”, organizzata dall’Aeronautica Militare in collaborazione con l’Associazione Arma
Aeronautica, ha permesso di raccogliere già una cifra complessiva vicina ai 600.000 euro, destinati in parti
uguali, agli Ospedali pediatrici Bambino Gesù di Roma, Gaslini di Genova e Santobono Pausilipon di Napoli. Questa prima tranche, con cui sono stati acquistati i tre nuovi macchinari per l’ospedale Bambino Gesù, così come le altre che
seguiranno, sono il frutto delle donazioni volontarie del personale della Forza Armata che ha devoluto all’iniziativa il
corrispettivo di una o più ore di lavoro straordinario e delle raccolte fondi organizzate in occasione di iniziative ed eventi che si protrarranno fino alla chiusura del Giubileo Lauretano, nel dicembre 2021.

Share Button