Print Friendly, PDF & Email

Il reparto Psichiatria dell’Età Evolutiva e Psicoterapia a Merano acquisisce con la nomina a responsabile del medico specialista Donatella Arcangeli un’esperta comprovata: Arcangeli ha realizzato la divisione sin al giorno dell’apertura nel 2013, per cui conosce al meglio il team e l’ambiente. Dopo alcuni anni di “tappa intermedia” nell’ospedale di Bolzano la dottoressa bolzanina è tornata dal 1 ottobre 2021 come Primaria nella Divisione meranese.

Per la nomina è stata decisiva, tra l’altro, l’esperienza professionale ampiamente diversificata in vari comprensori sanitari: il Direttore sanitario reggente Pierpaolo Bertoli conferma che costituisce un vantaggio importante l’aver lavorato in posizioni dirigenziali in svariate Divisioni e strutture, poiché questo costituisce un indice di una buona rete di relazioni. “proprio in un ambito così sensibile come quello della Psichiatria dell’Età Evolutiva e Psicoterapia, che si nutre della collaborazione di molti attori, è di grande importanza se colui che è al vertice conosce il territorio e la popolazione”. Allo stesso tempo Bertoli ha ringraziato Andreas Conca, Primario del Servizio Psichiatrico del Comprensorio di Bolzano, il quale fin dalla fondazione della Divisione è stato alla sua guida con notevole competenza ed ha coordinato i servizi a livello provinciale nell’ambito della Psichiatria e psicoterapia dell’età evolutiva.

Arcangeli è nata nel 1969 a Bolzano, ha studiato a Verona e nel 1994 ha conseguito il titolo di medico specialista nella Psichiatria e psicoterapia dell’età evolutiva. Sono poi seguite molte formazioni e aggiornamenti

professionali, tra cui nel 2012 un master in Management dei servizi sanitari. Le sue esperienze professionali l’hanno condotta inoltre a varie strutture altoatesine, sempre nell’ambito della Psichiatria e psicoterapia dell’età evolutiva. Nel 2013 ha assunto il proprio ruolo nella neocostituita Divisione dell’ospedale di Merano, nella quale i bambini e gli adolescenti sono ricoverati in ospedale anche in condizioni particolarmente gravi. 

La neoprimaria è richiesta sul piano nazionale e provinciale per presiedere conferenze sui temi della Psichiatria e psicoterapia dell’età evolutiva, soprattutto sul tema delle scuole e comunità alloggio. Ha rivolto particolare attenzione anche al tema dell’autismo nell’infanzia e nell’adolescenza, un tema che le sta a cuore, a cui si è dedicata intensamente a partire dalla sua specializzazione medica. Arcangeli è anche un’esperta per quanto concerne le cure farmacologiche di giovani, ad es. nel settore ADHD. Per la nuova Primaria è una gioia tornare a Merano: “Proprio questa divisione costituisce un punto di riferimento a livello provinciale, rende possibile lavorare in maniera multimodale. L’assistenza di bambini e adolescenti deve essere promossa in team, affinché le singole misure abbiano effetto”.

Share Button