Print Friendly, PDF & Email

Johnson & Johnson ha annunciato di aver stipulato un accordo definitivo per l’acquisizione di Proteologix, una società biotecnologica privata focalizzata sugli anticorpi bispecifici per le malattie immuno-mediate, per 850 milioni di dollari in contanti, con un potenziale di un ulteriore pagamento cardine.

Il portafoglio di Proteologix comprende PX128, un anticorpo bispecifico mirato a IL-13 più TSLP, che è pronto per entrare nella fase 1 dello sviluppo per la dermatite atopica da moderata a grave e l’asma da moderato a grave, e PX130, un anticorpo bispecifico mirato a IL-13 più IL -22, che è in fase di sviluppo preclinico per l’AD da moderato a grave. Poiché l’AD e l’asma sono entrambe malattie eterogenee con diversi percorsi che portano alla malattia in distinte sottopopolazioni di pazienti, prendere di mira più percorsi offre il potenziale per fornire efficacia e remissione di alto livello.

PX128 inibisce l’infiammazione cutanea Th2 mediata da IL-13, un importante percorso che porta alla malattia nell’AD e nell’asma, così come il TSLP, un mediatore dell’infiammazione dei tessuti nell’AD e nell’asma. Come PX128, PX130 inibisce l’infiammazione cutanea Th2 mediata da IL-13. PX130 inibisce anche l’IL-22 per ripristinare la barriera cutanea e prevenire l’infiammazione da fattori ambientali, come gli allergeni. Entrambe le risorse sono progettate per intervalli di dosaggio poco frequenti, il che offre la comodità preferita dai pazienti. Insieme, queste aggiunte alla pipeline dimostrano un approccio strategico per costruire un portafoglio di bispecifici differenziati e complementari.

“La dermatite atopica è la malattia infiammatoria della pelle più comune, che colpisce più di 100 milioni di adulti in tutto il mondo”, ha affermato David Lee, responsabile dell’area terapeutica dell’immunologia globale, Johnson & Johnson Innovative Medicine. “Circa il 70% dei pazienti che utilizzano le terapie standard esistenti non raggiungono la remissione1. Le attuali terapie avanzate per l’AD mirano a un singolo percorso e hanno un’efficacia limitata o sono più ampiamente immunosoppressive, con conseguenti notevoli problemi di sicurezza. Vediamo un’opportunità per ottenere la migliore efficacia sulla malattia sia per PX128 che per PX130 poiché ciascun anticorpo bispecifico prende di mira due diverse combinazioni di percorsi che guidano la malattia che mediano l’infiammazione cutanea in sottopopolazioni eterogenee di pazienti con AD”.

Oltre a PX128 e PX130, l’acquisizione fornirà a J&J altri programmi di anticorpi bispecifici con applicazioni in una varietà di altre malattie, il che aumenta ulteriormente le capacità dell’azienda di creare nuovi programmi bispecifici.

“L’integrazione degli anticorpi bispecifici Proteologix nella nostra pipeline è un primo passo importante per mantenere il nostro impegno nei confronti delle persone affette da AD”, ha affermato Candice Long, Vicepresidente mondiale, Immunologia, Johnson & Johnson. “Abbiamo in programma di continuare ad espandere la nostra portata e il nostro impatto per le persone che vivono con un’ampia varietà di malattie immunomediate, sfruttando opzioni più mirate affinché possano raggiungere una remissione duratura e priva di sintomi”.