Print Friendly, PDF & Email

Sulla rivista “Scientific Reports di Nature” è stato appena pubblicato uno studio coordinato dall’Istituto di Radiologia di Chieti sulle alterazioni che i pazienti con polmonite da Covid sviluppano più precocemente. «L’identificazione precoce di queste alterazioni – spiega Andrea Delli Pizzi (a sinistra nella foto), ricercatore dell’Università d’Annunzio di Chieti e medico radiologo nell’Istituto di Radiologia del “SS. Annunziata”, il quale ha scritto e coordinato il lavoro – potrebbe aiutare a velocizzare il triage e dunque il trattamento mirato dei pazienti, favorendo tra l’altro una migliore selezione dei pazienti per i reparti intensivi».

Lo studio è stato condotto nel laboratorio di Intelligenza artificiale applicata all’imaging medico situato nel reparto di Radiologia diretto dal Prof. Massimo Caulo, in collaborazione con i reparti di Malattie infettive, di Pneumologia e altri ricercatori provenienti da diversi dipartimenti dell’Università e dal Netherland Cancer Institute. 

«Qualche mese fa – prosegue Delli Pizzi – avevamo dimostrato che l’analisi avanzata delle immagini radiologiche, grazie a tecniche di Radiomica e Intelligenza artificiale, consente di predire con delle tempistiche molto precoci la risposta al trattamento radiochemioterapico nei tumori del retto. Continuando a lavorare su quegli algoritmi e implementando le nostre tecniche per quanto riguarda l’ambito polmonare ci siamo concentrati sulle alterazioni che i pazienti con polmonite da Covid sviluppano più precocemente. Si tratta di alterazioni molto subdole che talvolta sono percepibili al solo esame TC e purtroppo non sono differenziabili con certezza da altri tipi di polmonite se non attendendo l’arrivo del risultato del tampone. Si tratta di un’ulteriore esempio di ricerca traslazionale in cui si è riusciti a far lavorare insieme ricercatori provenienti da ambiti anche molto diversi tra loro tra cui medici, fisici e bioingegneri. Di questo devo ringraziare in primis il nostro primario, il Prof. Massimo Caulo (a destra nella foto) che da sempre incoraggia queste “contaminazioni” e la disponibilità di tutti i ricercatori che ci hanno supportato anche dall’estero. Un grazie particolare va ai medici del reparto di Radiologia e a tutti gli specializzandi che hanno preso parte al lavoro. Senza di loro questo risultato non avrebbe lo stesso sapore».

Share Button