Print Friendly, PDF & Email

Entrando nel terzo anno della pandemia, gli operatori sanitari di tutto il mondo continuano ad affrontare carichi di lavoro incessanti e una grave carenza di personale. Nel tempo, il continuo aumento delle malattie croniche, l’aumento dei costi sanitari, l’aumento delle disuguaglianze e il cambiamento climatico non faranno che aumentare la tensione se non ripensiamo urgentemente a come e dove viene fornita l’assistenza. Nel frattempo, le aspettative di pazienti e consumatori nei confronti dell’assistenza sanitaria stanno cambiando. I futuri sistemi sanitari dovranno fornire cure più accessibili, scalabili ed eque, contribuendo nel contempo a preservare la salute del pianeta. Queste dieci tendenze della tecnologia sanitaria mostrano come l’innovazione digitale e sostenibile può aiutarci ad arrivarci.

Una delle fonti più urgenti di stress e burnout nell’assistenza sanitaria è che professionisti altamente capaci trascorrono una quantità eccessiva di tempo in attività di routine che distolgono la loro attenzione dal paziente. Ad esempio, nei reparti di radiologia, il personale di imaging afferma che quasi il 25% del proprio lavoro è inefficiente e potrebbe essere automatizzato. Con l’aumento dell’IA nel settore sanitario, ora disponiamo degli strumenti per automatizzare tali attività per alleviare il carico sui tecnici dell’imaging e liberare la concentrazione per la cura del paziente. Soprattutto in modalità di imaging complesse come TC e RM, la tecnologia abilitata all’intelligenza artificiale può facilitare ai tecnici la pianificazione e l’esecuzione di esami di routine, aiutandoli a ottenere immagini al primo colpo con maggiore sicurezza e precisione. Allo stesso modo, vedremo un maggiore uso dell’automazione basata sull’intelligenza artificiale nella terapia guidata dalle immagini, in cui i medici eseguono procedure minimamente invasive su pazienti con malattie cardiache o altre condizioni. Oggi, i medici interventisti possono dedicare fino a due ore a riferire sui casi dopo un’intera giornata di trattamento dei pazienti. L’intelligenza artificiale potrebbe aiutare ad alleviare questo carico di lavoro registrando automaticamente diversi passaggi della procedura, consentendo ai medici di prestare la massima attenzione all’assistenza ai pazienti.

Migliorare l’accesso alle cure attraverso la collaborazione virtuale tra i fornitori L’uso dell’assistenza virtuale è salito alle stelle nell’ultimo anno, con ben il 64% dei leader sanitari globali che affermano che attualmente stanno investendo molto in esso. Ma mentre questa tendenza tecnologica sanitaria è generalmente vista come un impatto sulla relazione paziente-fornitore, l’aumento della collaborazione virtuale tra i fornitori stessi offre opportunità altrettanto promettenti. L’adozione accelerata delle tele-ICU in terapia intensiva ne è un ottimo esempio. Guidata da un team intensivista in una struttura di monitoraggio centrale che agisce in modo simile a un centro di controllo del traffico aereo, una terapia intensiva può estendere le risorse di terapia intensiva al letto del paziente, indipendentemente da dove si trovi l’ospedale. Con l’acquisizione di dati critici dal punto di vista del tempo, questi intensivisti possono essere responsabili di 50-1.500 letti di terapia intensiva remoti alla volta e intervenire rapidamente se le tendenze dei dati rivelano i primi segni di deterioramento del paziente. Come ulteriore esempio, le innovazioni nell’imaging medico, come il Radiology Operations Command Center, stanno offrendo a tecnologi esperti di imaging il potere di addestrare, guidare e assistere a distanza i colleghi meno esperti o specializzati in località satellitari. Ciò può consentire un supporto a spalla in tempo reale, rendendo le competenze specialistiche più ampiamente disponibili tra i siti per garantire una qualità dell’immagine coerente tra i siti migliorando al contempo l’accesso alle cure. Allo stesso modo, negli ultrasuoni, utilizzando una piattaforma di collaborazione dal vivo, ecografisti esperti possono assistere in remoto le loro controparti locali con gli esami, mentre i colleghi possono utilizzare la stessa piattaforma per discutere con loro lo stato medico dei pazienti. I medici interventisti, che eseguono procedure minimamente invasive guidate da immagini, hanno anche iniziato a esplorare l’uso di piattaforme di collaborazione virtuale per fornire orientamento e formazione peer-to-peer a distanza. In definitiva, il potere della collaborazione virtuale è triplice: può rendere più accessibile l’assistenza specializzata, può renderla più accessibile e può migliorare la coerenza nella qualità dell’assistenza e ridurre i rischi per la sicurezza in tempi di COVID-19. Tre grandi ragioni per cui si prevede che questa tendenza della tecnologia sanitaria crescerà in modo significativo nei prossimi anni.

Pazienti e consumatori continueranno a svolgere ruoli sempre più attivi nei loro percorsi sanitari. Da dispositivi indossabili e app di monitoraggio della salute al coaching sanitario pre-operatorio e ai risultati riportati dai pazienti, le innovazioni tecnologiche sanitarie consentono alle persone di interagire meglio con i fornitori, accedere a più cure in generale e ottenere le risorse di cui hanno bisogno per rimanere informati mentre prendono più assistenza sanitaria preventiva le misure. Allo stesso tempo, gli operatori sanitari si stanno rivolgendo sempre più al monitoraggio remoto dei pazienti e alle visite virtuali al fine di massimizzare l’accesso alle cure, rafforzare i collegamenti con le popolazioni a rischio, ridurre al minimo il rischio di trasmissione di COVID-19, fornire esperienze più convenienti e ridurre lo sforzo sulle scarse risorse ospedaliere. Ciò ha dato un nuovo e urgente impulso all’implementazione di soluzioni di salute digitale su larga scala, con il mercato della telemedicina che dovrebbe crescere di oltre due terzi negli Stati Uniti solo quest’anno. Ma mentre questa tendenza tecnologica sanitaria è senza dubbio un passo positivo verso il sogno di un’assistenza “in qualsiasi momento, ovunque”, c’è ancora molta strada da fare. Secondo la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità, metà del mondo non ha ancora accesso a cure di qualità e, senza un’azione drastica, l’OMS stima che 5 miliardi di persone non potranno accedere all’assistenza sanitaria entro il 2030. Ecco perché è fondamentale che le organizzazioni sanitarie leader a livello mondiale continuano a sperimentare tecnologie sanitarie digitali che avvicinano l’assistenza ai pazienti e collaborano con i fornitori locali per continuare a migliorare l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità per tutti, indipendentemente da dove vivono.

Oltre a collegare l’assistenza ai pazienti nelle loro case, un’altra tendenza tecnologica sanitaria che consente un accesso più equo alle cure è il passaggio dall’assistenza incentrata sull’ospedale a quella erogata localmente. Sempre più spesso, i pazienti che tradizionalmente hanno dovuto percorrere lunghe distanze per un’assistenza sanitaria all’avanguardia o specializzata possono accedere a queste tecnologie tramite strutture sanitarie più piccole. Strutture extra ospedaliere come centri diagnostici locali, stazioni di assistenza virtuale e persino strutture containerizzate dotate di tecnologia possono offrire assistenza sanitaria più vicina a casa, particolarmente vitale per le persone che vivono nelle comunità rurali e svantaggiate. Le strutture di assistenza primaria e le cliniche locali, attraverso una combinazione di supporto specialistico virtuale e tecnologie come l’ecografia e l’imaging a raggi X, possono ora funzionare come ospedali remoti, fornendo servizi come esami ecografici alle donne in gravidanza. Oppure, se un paziente arriva con un polso rotto, un medico locale può fare una radiografia e condividerla immediatamente con un traumatologo, radiologo o medico di emergenza a distanza per una consultazione a distanza, piuttosto che richiedere al paziente di fare un lungo viaggio in un ospedale della grande città. Alcuni tipi di trattamento specialistico sono diventati anche più di routine, dando origine alla crescente tendenza di laboratori ambulatoriali e centri di chirurgia ambulatoriale che offrono ai pazienti l’accesso a procedure minimamente invasive potenzialmente salvavita più vicine alle loro comunità. Fornire più servizi sanitari abilitati alla tecnologia presso le strutture locali è una tendenza tecnologica sanitaria con il potenziale per trasformare radicalmente l’erogazione delle cure e aumentare ulteriormente l’accesso dei pazienti, per non parlare della riduzione delle emissioni legate ai viaggi. Ad esempio, nel prossimo futuro, si può immaginare che gli infermieri eseguano regolarmente esami ecografici nei centri commerciali o comunitari, utilizzando un dispositivo portatile portatile con il supporto di un ecografista esperto a distanza e algoritmi di intelligenza artificiale in grado di estrarre le informazioni di base dalla scansione.

Più che mai, i team di assistenza multidisciplinare stanno lottando per connettersi e tenere traccia di tutte le informazioni rilevanti relative ai loro pazienti, da una varietà di rapporti di sottospecialità alle informazioni sulle condizioni attuali dei pazienti, ai dati demografici e alla storia sanitaria. Decidere sulla terapia giusta è altrettanto complesso, specialmente in aree come l’oncologia in cui medici e pazienti possono trovarsi di fronte a un numero sconcertante di scelte. Entra nella diagnostica integrata: un campo in rapida evoluzione in cui le organizzazioni dispongono di sistemi intelligenti e connessi che forniscono informazioni complete e utilizzabili sulle loro popolazioni di pazienti unendo imaging, monitoraggio, laboratorio, genomica e dati longitudinali. Le schede tumorali multidisciplinari sono un ottimo esempio di questa tendenza tecnologica sanitaria. Con soluzioni diagnostiche integrate, i team di assistenza possono ora fornire cure oncologiche complete e incentrate sul paziente, unendo i dati dei pazienti provenienti da fonti disparate in dashboard, facilitando così la diagnostica collaborativa, il trattamento e le decisioni di follow-up. Ma questo non significa che il processo decisionale in oncologia sarà completamente automatizzato in futuro. In effetti, l’obiettivo di questa tendenza tecnologica sanitaria è molto meno di sostituire gli esseri umani con l’automazione e più di supportare i team di assistenza con una guida pertinente e basata sull’evidenza per informare il processo decisionale condiviso con il paziente, assicurando che facciano le scelte che consentono loro per godere della migliore qualità di vita possibile, vicino ai propri cari, il più a lungo possibile. Vediamo lo stesso approccio adottato in cardiologia, dove le soluzioni diagnostiche integrate, migliorate da algoritmi intelligenti e analisi predittive, stanno aiutando i team di assistenza cardiologica a prendere decisioni cliniche più rapide fornendo informazioni pertinenti e attuabili che aiutano a ottimizzare l’assistenza ai pazienti.

Per i dirigenti ospedalieri di fronte a aumenti inaspettati della domanda di pazienti, la capacità di anticipare e adattarsi a circostanze in rapido cambiamento è diventata più essenziale che mai. E se potessimo prevedere potenziali colli di bottiglia nel flusso dei pazienti in tempo reale e prevenirli prima che si verifichino? Gli operatori sanitari condividono sempre più dati in tempo reale per visualizzare la capacità non sfruttata, per facilitare in modo proattivo le transizioni dell’assistenza da un ambiente all’altro e per prevedere e prepararsi alla domanda futura. Utilizzando la potenza dell’IA e dell’analisi predittiva, ora possiamo estrarre informazioni rilevanti sul flusso dei pazienti e sulle esigenze di assistenza dei pazienti da grandi quantità di dati ospedalieri storici e in tempo reale, per prevedere le esigenze di capacità nelle prossime 24-48 ore. Dopo la convalida iniziale, gli algoritmi risultanti possono essere aggiornati regolarmente per tenere conto delle tendenze e delle circostanze recenti, offrendo ai team clinici e operativi le informazioni utili in tempo reale di cui hanno bisogno per prendere decisioni tempestive ed efficaci. Incorporando queste pratiche basate sui dati nella gestione quotidiana del flusso dei pazienti, i sistemi sanitari saranno in grado di ottenere il massimo da risorse preziose e gestire le transizioni delle cure in modo più efficace durante il percorso del paziente, dal ricovero in ospedale alla dimissione e al ritorno a casa – garantire che il paziente riceva le cure giuste nel posto giusto al momento giusto.

Con i sistemi sanitari più che mai sotto pressione per rispondere rapidamente alle mutevoli circostanze, adottare modalità di lavoro più flessibili, acquisire più dati nelle loro operazioni e mantenere un livello di servizio coerente, senza bruciare i propri budget, ora c’è un urgente bisogno di una maggiore efficienza modelli di erogazione delle cure. Questo è il motivo per cui le organizzazioni sanitarie stanno implementando sempre più modelli di business “as a service”. Ad esempio, molti si stanno rivolgendo a SaaS, in base al quale i sistemi basati su cloud offrono a medici, personale e persino pazienti l’opportunità di accedere ai dati da remoto, condividere informazioni critiche in tempo reale e collaborare in modo più efficace, per un migliore coordinamento delle cure. Un enorme vantaggio di questa tendenza tecnologica nel settore sanitario è che i modelli SaaS generalmente richiedono un investimento iniziale inferiore e offrono alle organizzazioni la flessibilità finanziaria per “pagare a consumo”, portando a costi più prevedibili. Un altro vantaggio chiave dei modelli SaaS è la loro efficienza energetica complessiva, un grande vantaggio in un momento in cui dobbiamo trovare modi più responsabili di utilizzare energia e materiali. Quando le aziende passano al cloud, l’utilizzo medio dei server può avvicinarsi al 65% rispetto a solo il 15% circa in locale. E mentre il PUE del data center medio è 1,7, la media del settore cloud è solo 1,2. In breve, ciò significa che sono necessari meno server e che tutti i server in uso consumano meno energia. Questo è solo un esempio di come i modelli circolari orientati ai servizi possono ridurre i rifiuti e le emissioni di carbonio.

Il settore sanitario è una delle principali fonti di emissioni di gas serra, rappresentando oltre il 4% delle emissioni globali di CO₂. I leader sanitari di tutto il mondo riconoscono le implicazioni per la salute dei cambiamenti climatici e la responsabilità del settore di agire. In effetti, ecco perché sempre più sistemi sanitari stanno applicando criteri di approvvigionamento verde quando si acquistano nuove apparecchiature mediche. Quindi, come possiamo decarbonizzare l’assistenza sanitaria, in linea con uno scenario di riscaldamento globale di 1,5 °C? Per fortuna, ci sono una miriade di opzioni sul tavolo. Ad esempio, il passaggio a modelli di business circolari “as a service” come Enterprise Monitoring as a Service. Ma il più grande margine di miglioramento risiede nella transizione verso le energie rinnovabili, nonché nel miglioramento dell’efficienza energetica a vita dei dispositivi e dei sistemi utilizzati nell’assistenza sanitaria. Il consumo di elettricità durante l’uso rappresenta la stragrande maggioranza dell’impatto ambientale totale di questi prodotti. A livello globale, è principalmente l’effetto combinato delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica che guiderà la decarbonizzazione. Ma possiamo realizzare questo potenziale di risparmio energetico – e quindi creare un’industria sanitaria sostenibile e più resiliente – solo attraverso un’azione concertata a livello nazionale, settoriale e tecnologico. È ora, quindi, di unire le forze, eliminare i blocchi stradali e scalare gli apprendimenti.

Aiutare i consumatori della salute a compiere scelte sostenibili attraverso l’etichettatura ecologica Non sono solo gli operatori sanitari che vogliono fare scelte sostenibili quando acquistano tecnologia sanitaria, ma anche il numero crescente di consumatori che si preoccupano della propria salute e della salute del nostro pianeta. Eppure, nel mondo in rapida espansione dell’e-commerce, non è insolito che i consumatori acquistino lo stesso prodotto in due o tre formati per provarli a casa. Secondo Pitney Bowes, il 51% degli acquirenti acquista consapevolmente in eccesso online, sapendo che restituiranno gli articoli che non desiderano. Ma quando si tratta di resi, troppo spesso, da qualche parte nella catena, “paga” distruggere il prodotto ed evitare i costi di trasporto, stoccaggio, rietichettatura, ecc., piuttosto che tornare alla fonte. Quindi cosa possiamo fare per conciliare questi due sviluppi, apparentemente contraddittori? Una risposta: evidenziare i vantaggi ambientali del “ripensare i rendimenti” attraverso ordini più informati. In Europa, vediamo sempre più marchi che aderiscono al Green Consumption Pledge dell’UE per aumentare la consapevolezza dell’impronta ambientale dei prodotti. Un modo in cui possono farlo è attraverso l’adozione dell’etichetta ecologica che comunica, ad esempio, come stanno riducendo l’uso di risorse, materiali e imballaggi. Con la crescente attenzione alla salute, sia personale che planetaria, le scelte sostenibili offrono ai marchi l’opportunità di interagire, più da vicino che mai, con i consumatori desiderosi di intraprendere azioni positive per lasciare un pianeta più sano per le generazioni future.

In definitiva, il successo di ciascuna di queste tendenze tecnologiche sanitarie e impegni di sostenibilità dipenderà dal fatto che si traducano o meno in risultati misurabili. Essere in grado di misurare e riportare i risultati in dettaglio granulare è fondamentale per dimostrare il valore dei servizi sanitari, aiuta i fornitori a confrontare le opzioni di trattamento e rivela opportunità per migliorare o addirittura ridefinire l’assistenza. Fondamentalmente, fornire dati granulari sugli esiti sta diventando sempre più un requisito per sbloccare i percorsi di rimborso, poiché il settore sanitario si allontana dai modelli a pagamento e verso un’assistenza basata sul valore. Con l’aumento della pressione affinché le aziende sanitarie intensifichino le loro azioni per salvaguardare la salute delle persone e del pianeta, aumenta la domanda di risultati comprovati. Questo è il motivo per cui le organizzazioni sanitarie stanno investendo più risorse nella misurazione non solo dei risultati clinici, ma anche dei risultati relativi all’impatto sociale e alla sostenibilità ambientale, come la prova della neutralità del carbonio o l’uso di fonti di energia rinnovabile. Alla fine, quelle soluzioni che offrono risultati misurabili per le persone e per il pianeta saranno quelle che vinceranno.

Share Button