Print Friendly, PDF & Email

In un nuovo studio, i ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno scoperto un errore finora sconosciuto nel trasporto della glutammina tra astrociti e neuroni nel cervello di topi con la malattia di Huntington. Allo stesso tempo, i ricercatori credono che sia un’area rilevante su cui concentrare gli sforzi per sviluppare un trattamento futuro per la malattia.
Attualmente non esiste una cura per il disturbo ereditario del cervello di Huntington, che causa alterazioni della personalità e perdita del controllo motorio. Ma ora i ricercatori hanno fatto un passo in avanti per scoprire ciò che realmente accade nel cervello dei pazienti di Huntington. In un nuovo studio, i ricercatori del Centro per la ricerca sulle proteine ​​Novo Nordisk e del Dipartimento di design e farmacologia e farmacologia dell’Università di Copenaghen hanno scoperto un errore finora sconosciuto nel trasporto della glutammina nel cervello di topi affetti da malattia di Huntington.
Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Cell Reports”, descrive come un importante scambio tra astrociti e neuroni nel cervello viene disturbato durante la malattia di Huntington – più precisamente, il ciclo glutammato-GABA-glutammina. Secondo i ricercatori, questo evidenzia l’importante ruolo degli astrociti nel cervello.
“I ricercatori credevano che le malattie ereditarie – compresa la malattia di Huntington – fossero principalmente il risultato di problemi nei neuroni. Ma qui mostriamo e confermiamo che anche gli astrociti svolgono un ruolo principale. La glutammina viene prodotta negli astrociti e trasportata ai neuroni, dove viene utilizzata per produrre neurotrasmettitori. Sono centrali nella capacità di inviare segnali attraverso il cervello. Se il trasporto di glutammina dagli astrociti viene perso, i neuroni smettono di funzionare in modo ottimale”, ha affermato Postdoc e il primo autore dello studio Niels Henning Skotte.
I ricercatori hanno analizzato le alterazioni proteiche osservate nelle quattro regioni del cervello – striato, corteccia, ippocampo e diencefalo – nei topi con malattia di Huntington avanzata rispetto ai topi sani. Qui hanno scoperto che lo striato, come negli umani, era più colpito rispetto alle altre regioni del cervello. Hanno trovato un totale di circa 900 alterazioni proteiche. Ciò è stato supportato dagli studi sul metabolismo dei ricercatori, che hanno mostrato anche la maggior parte dei disturbi del corpo striato.
La scoperta più importante dello studio, secondo i ricercatori, è il ridotto scambio di glutammina tra astrociti e neuroni. Ed è un’area di ricerca con un potenziale quando si tratta di ricerche future sul fatto che un normale rilascio di glutammina dagli astrociti possa potenzialmente alleviare i sintomi della malattia di Huntington.
“Anche se la malattia di Huntington è una malattia genetica, il nostro studio mostra una disregolazione delle proteine ​​e delle vie di segnalazione di queste proteine. Non esiste attualmente una cura per la malattia di Huntington. Ma se fossimo in grado di trovare aree in cui gli effetti della malattia potrebbero potenzialmente essere migliorati o ridotti, sarebbe un grande passo nella giusta direzione. Questo studio potrebbe fornire suggerimenti su aree di interesse per la ricerca futura”, ha affermato il professor Michael Lund Nielsen.
Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire il ruolo svolto dal trasporto disordinato di glutammina nello sviluppo della malattia di Huntington. Tuttavia, i dati suggeriscono che il ciclo è disturbato precocemente nel corso della malattia. Se questo si rivela corretto, potrebbe forse giocare un ruolo ancora maggiore nello sviluppo della malattia, così come potrebbe potenzialmente aumentare le possibilità di alleviare i sintomi, dicono gli autori dello studio.

Share Button