Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Takeda Pharmaceutical ha annunciato l’espansione delle sue capacità produttive delle terapie cellulari con l’apertura di una nuova struttura produttiva R&D in questo settore, dall’area di 2.230 mq, presso la sua sede di Boston, dedicata alla ricerca e sviluppo. L’impianto offre complete capacità R&D e permetterà di accelerare l’impegno di Takeda per lo sviluppo di terapie cellulari di prossima generazione, focalizzate inizialmente nell’ambito oncologico, con un potenziale per l’espansione in altre aree terapeutiche.

“Stiamo collaborando con alcuni dei migliori scienziati e innovatori in tutto il mondo per creare una pipeline di immuno-oncologia altamente differenziata che si spinge verso nuove modalità e meccanismi con potenziale curativo”, ha affermato Chris Arendt, Capo dell’unità di area terapeutica oncologica di Takeda. “Con tre programmi di terapia cellulare oncologica nella clinica e altri due mirati per entrare nella clinica nell’anno fiscale 2021, stiamo lavorando con urgenza e obiettivo per i pazienti. Questa nuova struttura ci aiuta a scalare rapidamente le nostre capacità di produzione in modo da poter avanzare simultaneamente più programmi di terapia cellulare altamente differenziati”.

La terapia cellulare oncologica è un tipo di immunoterapia che utilizza cellule immunitarie geneticamente modificate per trovare e uccidere le cellule tumorali. Poiché le terapie cellulari sono progettate da cellule viventi, devono essere prodotte in un ambiente altamente regolamentato per mantenere la pulizia, la consistenza e il controllo della contaminazione. Ogni piattaforma di terapia cellulare oncologica ha requisiti di processo unici per il modo in cui vengono formulati, fabbricati, trasportati e infine somministrati ai pazienti. La terapia cellulare di nuova generazione è una delle molteplici piattaforme sperimentali che Takeda sta ricercando in oncologia come parte del suo focus sull’immunità reindirizzata. La pipeline di Takeda di diversi programmi di immuno-oncologia sfrutta l’immunità innata, anche attraverso terapie cellulari innovative, piattaforme di coinvolgimento immunitario, immunomodulazione innata, nuove piattaforme di punti di controllo immunitario scaffold e virus oncolitici.
L’impianto di produzione di terapia cellulare di ricerca e sviluppo produrrà terapie cellulari per la valutazione clinica dalla scoperta fino agli studi cardine di Fase 2b. L’attuale struttura di Good Manufacturing Practices è progettata per soddisfare tutti gli Stati Uniti, UE. e requisiti normativi giapponesi per la produzione di terapia cellulare a supporto degli studi clinici Takeda in tutto il mondo. Sarà fondamentale per sviluppare le capacità di terapia cellulare di Takeda e la capacità di far progredire più piattaforme e programmi di terapia cellulare oncologica di nuova generazione con collaboratori di livello mondiale tra cui il premio Nobel Shinya Yamanaka, Università di Kyoto, Adrian Hayday, Gamma Delta Therapeutics, Koji Tamada, MD, Ph.D., Noile-Immune Biotech, Michel Sadelain, Memorial Sloan Kettering Cancer Center e Katy Rezvani, Anderson Cancer Center dell’Università del Texas.

Takeda e MD Anderson stanno sviluppando un potenziale prodotto per la terapia cellulare allogenica migliore della categoria, una terapia cellulare con cellule killer naturali dirette al recettore dell’antigene chimerico mirato alla fase 1/2 con potenziale off- utilizzo immediato in fase di studio in pazienti con linfoma non-Hodgkin recidivante o refrattario e leucemia linfocitica cronica. Recentemente sono stati inoltre avviati due ulteriori studi di Fase 1 sui programmi di terapia cellulare Takeda: 19 28z1xx CAR T cells, un dominio di segnalazione CAR-T di nuova generazione sviluppato in collaborazione con il Memorial Sloan Kettering Cancer Center per il trattamento dei tumori delle cellule B recidivanti / refrattari e un CAR-T corazzato da citochine e chemochine sviluppato in collaborazione con Noile-Immune Biotech per il trattamento di tumori solidi che esprimono GPC3 precedentemente trattati. Dr. Sadelain e MSK detengono diritti di proprietà intellettuale e interessi associati relativi al contenuto di questa versione in virtù degli accordi di licenza tra MSK e Takeda.

Una collaborazione proattiva e profonda tra ricerca e sviluppo e produzione commerciale è fondamentale per sviluppare e fornire terapie cellulari di nuova generazione. Il motore di traslazione della terapia cellulare di Takeda collega la scienza traslazionale clinica, la progettazione, lo sviluppo e la produzione del prodotto attraverso ogni fase di ricerca, sviluppo e commercializzazione. Fornisce bioingegneria, chimica, produzione e controllo, gestione dei dati, capacità analitiche e cliniche e traslazionali in un’unica impronta per superare molte delle sfide di produzione sperimentate nello sviluppo della terapia cellulare.

“La vicinanza e la struttura dei nostri team di terapia cellulare ci consentono di applicare rapidamente ciò che apprendiamo a un portafoglio diversificato di terapie cellulari di nuova generazione, tra cui CAR NK, CAR-Ts corazzati e cellule T gamma delta, tra gli altri”, ha affermato Stefan Wildt, Responsabile delle scienze farmaceutiche e del motore traslazionale, Terapie cellulari presso Takeda. “Le conoscenze acquisite nella produzione e nello sviluppo clinico possono essere rapidamente condivise tra i nostri team globali di ricerca, produzione e qualità, una capacità fondamentale nel nostro sforzo di fornire trattamenti potenzialmente trasformativi ai pazienti il ​​più velocemente possibile”.

Share Button