Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Takeda Pharmaceutical ha annunciato i risultati finanziari del primo semestre dell’esercizio fiscale 2020, chiuso al 30 settembre 2020.

Christophe Weber, Presidente e CEO di TAKEDA, ha commentato: “Il rendimento di Takeda nella prima metà dell’esercizio 2020 dimostra la resilienza del nostro modello economico, la profondità del nostro portafoglio e la dedizione dei nostri dipendenti, che continuano a servire pazienti e comunità a livello globale, superando le sfide poste dalla pandemia di COVID-19. I nostri risultati ancora una volta hanno fruito della tendenza alla crescita dei nostri 14 marchi globali nelle cinque aree commerciali chiave, che ci hanno consentito di generare forti margini e cash flow”.

I ricavi riportati, pari a 1.590,8 miliardi di yen, sono stati influenzati principalmente dalle valute estere e dalle cessioni, tuttavia Takeda ha registrato una crescita dei ricavi sottostante dello 0,5% nella prima metà dell’esercizio 2020, in linea con la guida per l’intero anno di “low-single- crescita delle cifre”.

E’ stato conseguito un utile operativo dichiarato di 215,6 miliardi di yen, che è cresciuto del 97,7%, riflettendo la contabilità dei prezzi di acquisto e i costi di integrazione inferiori. L’utile operativo principale, che corregge i PPA e gli elementi non ricorrenti, è sceso su base annua a 507,6 miliardi di yen a causa dell’impatto dei cambi e delle dismissioni. Il margine di profitto operativo core è stato del 31,9%. Il margine di profitto operativo di base sottostante, che si aggiusta per l’impatto dei cambi e degli effetti di disinvestimento, è cresciuto al 31,6% anno su anno, guidato dalle sinergie e dalle efficienze OPEX.

L’utile netto riportato di Takeda è stato di 86,5 miliardi di yen, un aumento del 15,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ciò è attribuibile principalmente ai minori costi di contabilità e integrazione dei prezzi di acquisto.

Il flusso di cassa operativo è aumentato del 14,9% a 392 miliardi di yen. Il flusso di cassa libero, che riflette anche le spese in conto capitale e i proventi delle vendite di asset, è stato di 425,5 miliardi di yen, con il tasso di crescita su base annua influenzato dai 375,5 miliardi di yen in contanti ricevuti per Xiidra nel luglio 2019. L’ulteriore riduzione della leva finanziaria nel primo semestre ha portato a un rapporto debito netto / EBITDA adjusted di 3,7 volte alla fine del periodo.

L’impatto complessivo della diffusione globale di COVID-19 sui risultati finanziari consolidati di Takeda per il periodo di sei mesi terminato il 30 settembre 2020 non è stato significativo. Un effetto negativo sulle entrate è stato osservato in alcune delle nostre aree terapeutiche, come le neuroscienze, per motivi quali i pazienti che visitano i loro fornitori di cure mediche meno frequentemente per malattie non pericolose per la vita e croniche. Tuttavia, abbiamo assistito all’espansione di alcuni prodotti con un profilo di amministrazione più conveniente. La sospensione volontaria di alcune attività commerciali come viaggi d’affari ed eventi in risposta a COVID-19 ha portato a una riduzione della spesa, che ha avuto come risultato un impatto limitato sui profitti di Takeda.

Le cinque aree di business chiave di Takeda – Gastroenterologia, Malattie rare, Terapie derivate dal plasma, Oncologia e Neuroscienze – con 1.298,9 miliardi di yen di entrate dichiarate che rappresentano circa l’82% dei ricavi totali del primo semestre – hanno prodotto una crescita del fatturato sottostante del 4% anno su anno. I 14 marchi globali, con un fatturato dichiarato di 595,9 miliardi di yen in totale, hanno registrato un aumento del 15,4% della crescita del fatturato sottostante rispetto a un anno prima.

Il franchising Gastroenterology con un fatturato di 379,8 miliardi di yen ha rappresentato il 24% delle vendite, guidato da una crescita eccezionale grazie all’aumento della quota di pazienti di ENTYVIO selettivo intestinale negli Stati Uniti, nell’UE e in Giappone.

Il franchise delle Malattie Rare con un fatturato di 295,4 miliardi di yen ha rappresentato il 19% delle vendite, con il portafoglio di angioedema ereditario che ha registrato una crescita a doppia cifra guidata dalla continua forte performance e dal successo dei lanci di TAKHZYRO. Il panorama competitivo in Rare Hematology, incluso un calo del -19% nelle vendite di ADVATE parzialmente guidato da ADYNOVATE e dalla diffusione competitiva, è stato in linea con le nostre aspettative. Inoltre, Takeda sta lavorando a stretto contatto con la FDA su un piano proposto per rifornire NATPARA negli Stati Uniti e prevede che le modifiche richieste al dispositivo e i test del prodotto probabilmente ritarderanno la disponibilità oltre il 2020.

La PDT Immunology con un fatturato di 205,9 miliardi di yen ha rappresentato il 13% delle vendite, trainata dalla forte domanda di Gammagard-Liquid negli Stati Uniti e IG sottocutaneo in tutto il mondo. Le vendite di albumina sono diminuite rispetto al primo semestre dello scorso anno a causa del graduale e delle elevate vendite del primo semestre dell’anno fiscale 2019 a seguito delle dinamiche di offerta in Cina dopo un periodo di blackout. Tuttavia, ci aspettiamo che questa situazione si riprenda in H2, trainata dalla domanda e dall’espansione della capacità.

L’oncologia con 210 miliardi di yen di entrate dichiarate ha rappresentato il 13% delle vendite poiché il nostro portafoglio continua ad espandere le indicazioni nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico, nella leucemia mieloide cronica, nel mieloma e nel cancro ovarico.

Le neuroscienze con 207,8 miliardi di yen di entrate dichiarate hanno rappresentato il 13% delle vendite, con un rallentamento attribuibile alle restrizioni sul soggiorno a casa di COVID-19 che hanno ridotto le visite e le diagnosi dei pazienti e creato opportunità per l’interruzione dei farmaci. Verso la fine del secondo trimestre è stata notata una normalizzazione delle vendite.

Share Button