Print Friendly, PDF & Email

Pfizer ha annunciato i risultati di follow-up a lungo termine dello studio di Fase 3 CROWN che ha valutato l’utilizzo di lorlatinib rispetto a crizotinib, in pazienti adulti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato positivo per la chinasi del linfoma anaplastico, non trattati in precedenza.
Dopo cinque anni di follow-up, la sopravvivenza mediana libera da progressione basata sulla valutazione strumentale del ricercatore non è stata raggiunta con lorlatinib, con un rapporto di rischio osservato di 0,19, che rappresenta una riduzione del rischio di progressione di malattia o di morte pari all’81% rispetto a crizotinib. Inoltre, il 60% dei pazienti trattati con lorlatinib era vivo senza progressione della malattia dopo cinque anni rispetto all’8% nel braccio di trattamento con crizotinib. Questi dati saranno presentati al Congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology e pubblicati contemporaneamente sul “Journal of Clinical Oncology”.
“I dati dello studio CROWN sono senza precedenti, in quanto la maggior parte dei pazienti in terapia con lorlatinib vive, senza progressione della malattia, oltre cinque anni”, ha dichiarato Roger Dansey, Chief Development Officer, Oncology, Pfizer. “Questi risultati dimostrano il lungo impegno di Pfizer nella ricerca, sviluppo e innovazione in ambito oncologico e attestano lorlatinib come standard of care per il trattamento in prima linea di pazienti adulti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato ALK-positivo”.
Il tumore al polmone rappresenta la principale causa di morte per cancro nel mondo1 e si stima che 234.580 nuovi casi saranno diagnosticati nel 2024 negli Stati Uniti. Il NSCLC rappresenta circa l’80-85% dei tumori al polmone. Le forme tumorali ALK-positive sono presenti in circa il 3-5% dei casi di NSCLC. Circa il 25-40% delle persone con NSCLC avanzato ALK-positivo può sviluppare metastasi cerebrali entro due anni dalla diagnosi iniziale.
Lorlatinib è stato specificamente sviluppato da Pfizer per inibire le mutazioni tumorali che determinano la resistenza agli altri inibitori di ALK e per penetrare la barriera ematoencefalica.
“Il NSCLC avanzato ALK-positivo è tipicamente aggressivo e spesso colpisce persone giovani nel pieno della loro vita”, ha dichiarato Benjamin Solomon, Dipartimento di Oncologia Medica, Peter MacCallum Cancer Centre, e Principal Investigator dello studio CROWN. Questa analisi aggiornata dimostra che lorlatinib ha aiutato i pazienti a vivere più a lungo senza progressione della malattia, la maggior parte ha ottenuto benefici duraturi per oltre cinque anni e quasi tutti senza progressione della malattia a livello cerebrale. Questi miglioramenti negli outcome dei pazienti con NSCLC ALK-positivo rappresentano un progresso davvero notevole nel trattamento del cancro del polmone”.
Lorlatinib, inoltre, ha mostrato una riduzione del 94% del rischio di sviluppare una progressione intracranica. Il tempo mediano alla progressione IC non è stato raggiunto con lorlatinib ed è stato di 16,4 mesi con crizotinib. Nelle persone senza metastasi cerebrali al basale che hanno ricevuto lorlatinib, solo 4 su 114 hanno sviluppato metastasi cerebrali entro i primi 16 mesi di trattamento, rispetto a 39 su 109 pazienti che hanno ricevuto crizotinib. Al momento dell’analisi, il 50% dei pazienti dello studio CROWN stava ancora ricevendo lorlatinib, rispetto al 5% dei pazienti che avevano ricevuto crizotinib.
“Sebbene il NSCLC avanzato ALK-positivo rappresenti solo circa il cinque per cento circa di tutti i casi di NSCLC, ciò si traduce in 72.000 persone diagnosticate ogni anno in tutto il mondo”, ha dichiarato Kenneth Culver, Direttore della Ricerca e degli Affari Clinici dell’organizzazione no-profit ALK Positive. “Questi nuovi risultati dello studio CROWN rappresentano un progresso significativo nel trattamento di prima linea del carcinoma polmonare ALK-positivo, che ha portato ad importanti miglioramenti per la comunità dei pazienti”.
I profili di sicurezza di lorlatinib e crizotinib nel follow-up a cinque anni sono stati coerenti con i risultati precedenti, senza nuove evidenze sulla safety di lorlatinib. In questa analisi, gli eventi avversi più frequenti riportati nei pazienti trattati con lorlatinib sono stati coerenti con l’analisi 2020 dello studio CROWN, e comprendevano edema, aumento di peso, neuropatia periferica, effetti cognitivi, effetti sull’umore, diarrea, dispnea, artralgia, ipertensione, cefalea, tosse, piressia ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia. Gli AE di grado 3/4 si sono verificati nel 77% dei pazienti con lorlatinib e nel 57% con crizotinib. Gli effetti indesiderati correlati al trattamento hanno portato all’interruzione definitiva del trattamento nel 5% e nel 6% dei pazienti nei bracci lorlatinib e crizotinib.