Site icon Tecnomedicina

Sibylla Biotech e MD Anderson annunciano una collaborazione strategica per scoprire e sviluppare degradatori di proteine a piccole molecole

Sibylla Biotech e The University of Texas MD Anderson Cancer Center hanno annunciato un accordo di collaborazione strategica per scoprire e sviluppare nuove terapie oncologiche a piccole molecole note come Folding Interfering Degraders, che interrompono il corretto ripiegamento delle proteine ​​bersaglio e ne causano la degradazione.

In base all’accordo, Sibylla e MD Anderson condurranno congiuntamente lavori di scoperta e sviluppo dall’identificazione del bersaglio alla nomina di farmaci candidati su proteine ​​selezionate, con il potenziale di continuare ulteriormente lo sviluppo preclinico e clinico. La collaborazione unisce la tecnologia Pharmacological Protein Inactivation by Folding Intermediates Targeting di Sibylla con l’esperienza e le capacità di sviluppo di farmaci della divisione Therapeutics Discovery di MD Anderson.

“Il team di Sibylla è impegnato ad ampliare le applicazioni della nostra tecnologia PPI-FIT e dei FID per fornire nuove opzioni di trattamento per indicazioni difficili da trattare. Questa collaborazione si basa sui progressi che abbiamo raggiunto finora e sull’applicabilità della nostra tecnologia e del nostro know-how”, ha affermato Lidia Pieri, co-fondatrice e amministratore delegato di Sibylla Biotech. “Apprezziamo l’opportunità di lavorare con il team di esperti di sviluppo di farmaci di MD Anderson per promuovere la nostra visione di curare pazienti con elevate esigenze mediche insoddisfatte”.

La tecnologia proprietaria PPI-FIT di Sibylla viene utilizzata per scoprire e sviluppare FID, piccole molecole che inducono la degradazione delle proteine ​​bersaglio interferendo con il percorso di ripiegamento. In particolare, PPI-FIT può essere applicato a proteine ​​bersaglio attualmente considerate “non trattabili” a causa dell’assenza di tasche idonee nel loro stato nativo.

“I degradatori interferenti di ripiegamento rappresentano una nuova entusiasmante modalità per colpire i principali fattori scatenanti del cancro e non vediamo l’ora di cogliere le opportunità di far avanzare candidati interessanti come nuove opzioni terapeutiche”, ha affermato Tim Heffernan, vicepresidente e responsabile della scoperta terapeutica presso MD Anderson. “Allineando l’innovativa tecnologia PPI-FIT di Sibylla con il nostro motore di sviluppo di farmaci, speriamo di creare nuovi farmaci di impatto che amplieranno le opzioni per i pazienti che necessitano di terapie più efficaci”.

Riunendo scienziati, medici ed esperti di sviluppo di farmaci all’interno di MD Anderson, la divisione Therapeutics Discovery dell’istituzione è progettata per eliminare i colli di bottiglia che rallentano la tradizionale scoperta di farmaci. L’integrazione senza soluzione di continuità con i medici di MD Anderson consente a Therapeutics Discovery di sviluppare terapie oncologiche di impatto ispirate direttamente alle esigenze dei pazienti e alle intuizioni cliniche.

Una volta che un candidato farmaco è stato nominato, Sibylla e MD Anderson possono prendere in considerazione ulteriori attività di sviluppo farmacologico, traslazionali e cliniche per promuovere il candidato ai pazienti che ne hanno bisogno.

Exit mobile version