Print Friendly, PDF & Email

Da lunedì 4 ottobre è in funzione il nuovo reparto di Patologia Neonatale dell’ASST di Lodi, costituito da sei camere di degenza con otto posti letto eventualmente incrementabili. Totalmente rinnovato e ristrutturato, il reparto va a completare la riorganizzazione dell’intero Dipartimento Materno Infantile situato al 5° Piano del dell’Ospedale Maggiore di Lodi, già oggetto di interventi di riqualificazione e ammodernamento delle sale parto e degli spazi ambulatoriali. Il reparto offre cura e assistenza a neonati con patologie di media e bassa complessità, garantendo trattamenti come la fototerapia per i bambini affetti da ittero e terapie specifiche mirate a risolvere le principali infezioni neonatali.

«La nuova Patologia Neonatale è stata realizzata pensando a una zona che possa ospitare la mamma e il bambino in uno spazio luminoso, caldo e accogliente dipinto con colori che rievocano tranquillità e serenità. Grazie alla presenza di camere separate, il reparto ricrea l’intimità necessaria per favorire il rapporto della diade mamma bambino e l’allattamento al seno materno, senza dimenticare la presenza dei papà che possono accedere alle camere singole e, in maniera alternata, anche alle camere doppie. Per offrire ai genitori la possibilità di assistere in maniera continuativa il proprio bambino, abbiamo anche allestito un soggiorno e delle zone relax dove possono leggere, bere un tè o una tisana in un ambiente confortevole», sottolinea Roberta Giacchero, Direttore del Dipartimento Materno Infantile. «Il desk di lavoro infermieristico posto al centro del reparto permette, inoltre, al personale di tenere costantemente sotto controllo la situazione dei piccoli pazienti mediante la presenza di monitor e strumenti innovativi. La vicinanza della Patologia Neonatale con la sala parto e la pediatria ci consente di gestire in maniera veloce ed efficace tutta l’attività di cura di mamma e bambino, concentrandola in un unico piano». 

In caso di necessità di approfondimenti diagnostici o di interventi chirurgici, il neonato viene trasferito in trasporto protetto STEN verso l’hub di riferimento del Policlinico San Matteo di Pavia. Dopo le dimissioni, i piccoli pazienti vengono seguiti attraverso follow up specifici e personalizzati a seconda delle necessità del neonato: le visite possono essere programmate presso l’ospedale oppure direttamente a domicilio, grazie al servizio di home visiting di un’équipe formata da un’ostetrica e un’infermiera pediatrica. 

L’UOS di Patologia Neonatale, di cui è responsabile il dottor Giuseppe Limoli, si avvale di un’équipe infermieristica dedicata e specializzata coordinata da Giuliana Bertolotti

Share Button