Print Friendly, PDF & Email

Royal Philips presenta all’EuroPCR innovazioni che possono consentire agli interventisti di eseguire un intervento coronarico percutaneo a bassissimo contrasto procedure con maggiore sicurezza e chiarezza. Le soluzioni ULC-PCI di Philips co-registrano misurazioni istantanee del flusso sanguigno e/o immagini ecografiche intravascolari su fluoroscopia in tempo reale per aiutare gli interventisti a diagnosticare, decidere, guidare, trattare e confermare il successo della PCI, con il potenziale di limitare il uso di mezzi di contrasto iodati. Integrandosi perfettamente nel sistema di terapia guidata dalle immagini Philips – Azurion – le esclusive soluzioni ULC-PCI dell’azienda forniscono ai medici gli strumenti per ridurre l’uso dei mezzi di contrasto durante le procedure PCI. La possibilità di eseguire procedure PCI utilizzando una quantità molto ridotta di mezzi di contrasto consente di offrire la PCI a più gruppi di pazienti, in particolare pazienti che presentano sia una malattia coronarica che una malattia renale cronica, che sono ad alto rischio di soffrire nefropatia indotta da mezzo di contrasto – una forma pericolosa per la vita di danno renale acuto causato dalla tossicità dei mezzi di contrasto. Uno studio del 2020 negli Stati Uniti ha concluso che l’AKI dopo una procedura PCI ha comportato un aumento medio della durata della degenza ospedaliera di 3,6 giorni e un costo sanitario aggiuntivo di 9.448 dollari per paziente.

“L’innovazione negli interventi basati su catetere per il trattamento delle arterie cardiache ristrette – i cosiddetti interventi coronarici percutanei – continuano a contribuire a migliorare la qualità della vita e la prognosi di milioni di pazienti in tutto il mondo”, ha affermato Javier Escaned, Head of la Sezione di Cardiologia Interventistica dell’Ospedale Clinico San Carlos, Madrid, Spagna. “Di conseguenza, i pazienti più complessi possono ora essere sottoposti a PCI, compresi quelli con età avanzata e fragilità, insufficienza renale cronica e patologie cardiache associate. In molti di questi pazienti, dove l’iniezione di contrasto radiologico utilizzato per guidare il PCI può avere effetti deleteri effetti, le tecnologie sviluppate da Philips che consentono ai medici di ridurre drasticamente la somministrazione di contrasto durante la procedura stanno contribuendo sia alla sicurezza che alla qualità del PCI”. Tabella di marcia coronarica dinamica Durante una procedura PCI convenzionale, il mezzo di contrasto viene iniettato nelle arterie coronarie del paziente per acquisire un angiogramma, con fluoroscopia aggiuntiva utilizzata durante la procedura per aiutare gli interventisti a navigare i fili guida e i cateteri. Per mantenere la visibilità delle arterie, questa guida richiede in genere ripetute iniezioni di mezzi di contrasto, aumentando il carico tossico sui reni del paziente. Il software Philips Dynamic Coronary Roadmap elimina la necessità di ulteriori iniezioni di mezzi di contrasto sovrapponendo l’angiogramma preoperatorio all’imaging fluoroscopico 2D con compensazione del movimento in tempo reale per fornire agli interventisti un feedback visivo continuo sul posizionamento di fili guida e cateteri. In molti casi, non è richiesta alcuna iniezione aggiuntiva di mezzo di contrasto per la navigazione del filo. Mentre il software Dynamic Coronary Roadmap di Philips aiuta gli interventisti a navigare i fili guida e i cateteri verso il sito di una lesione, il sistema di guida di precisione IntraSight Series 7 dell’azienda semplifica la valutazione della lesione, semplifica il dimensionamento dei vasi e consente l’erogazione precisa della terapia.

In alternativa o in aggiunta alla co-registrazione IVUS, le misurazioni di pullback del rapporto istantaneo senza onde libere spazialmente accurate possono essere co-registrate sull’angiogramma, aggiungendo preziosi dati fisiologici all’imaging anatomico. A differenza delle misurazioni della riserva di flusso frazionario, le misurazioni iFR non richiedono l’uso di iniezioni di farmaci iperemici e possono essere utilizzate per valutare sia il grado e la lunghezza della stenosi del vaso che l’efficacia della terapia utilizzando una semplice tecnica di pullback del filo di pressione. Co-registrazione IVUS La funzione di co-registrazione IVUS di IntraSight Series 7 unisce immagini ecografiche e angiografiche endovenose in tempo reale, con informazioni sulla posizione precisa delle immagini ecografiche derivate durante il ritiro manuale del catetere ecografico in fluoroscopia continua. Di conseguenza, gli interventisti possono visualizzare simultaneamente le immagini ecografiche della sezione trasversale ricostruite del lume del vaso, inclusa la loro posizione precisa sull’angiogramma. Questo livello di precisione riduce significativamente il rischio di “mancanza geografica”, che si stima si verifichi in oltre il 60% dei PIC. Il software di analisi coronarica quantitativa Angio+ di IntraSight Series 7 calcola automaticamente le dimensioni del lume e la stenosi in tempo reale, aiutando a valutare con precisione la dimensione dello stent richiesta. Tri-registrazione La funzione Tri-registrazione di IntraSight Series 7 aiuta la selezione dello stent co-registrando le informazioni IVUS e iFR con l’angiogramma per aiutare a scegliere uno stent che supporti in modo ottimale il raggiungimento degli obiettivi di una procedura. Insieme alle capacità avanzate di visualizzazione dello stent in tempo reale di IntraSight Series 7, che aiutano a verificare immediatamente il corretto posizionamento e il posizionamento dello stent, la capacità di migliorare la scelta e le dimensioni dello stent significa procedure più corrette per la prima volta e migliori risultati per il paziente. PCI a contrasto ultra basso all’EuroPCR

Share Button