Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Philips registra vendite nel secondo trimestre pari a 4,4 miliardi di euro, con un calo delle vendite comparabile del 6%; proventi da operazioni continue di 213 milioni di euro, margine EBITA rettificato del 9,5% e flusso di cassa operativo di 558 milioni di euro.

L’assunzione di ordini comparabili è aumentata del 27%. I ricavi delle attività continue sono stati di 213 milioni di euro, rispetto ai 260 milioni di euro del secondo trimestre 2019. Il margine EBITA rettificato è stato del 9,5% delle vendite, rispetto all’11,8% delle vendite nel secondo trimestre del 2019. I ricavi delle operazioni ammontano a 229 milioni di euro, rispetto ai 350 milioni di euro del secondo trimestre 2019.
Il flusso di cassa operativo è migliorato a 558 milioni di euro, rispetto ai 390 milioni di euro del secondo trimestre 2019. Il flusso di cassa libero è aumentato a 311 milioni di euro, rispetto ai 174 milioni di euro del secondo trimestre 2019.

Frans van Houten, CEO di Philips ha commentato: “Mentre l’impatto sociale ed economico globale dell’epidemia COVID-19 si è intensificato nel secondo trimestre del 2020, abbiamo continuato a concentrarci sul nostro triplice dovere di assistenza: soddisfare le esigenze critiche dei clienti, salvaguardare la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti e garantire affari continuità. In stretta collaborazione con i nostri fornitori e partner, abbiamo notevolmente aumentato i volumi di produzione di prodotti e soluzioni per la cura acuta per aiutare a diagnosticare, trattare, monitorare e gestire i pazienti COVID-19. I nostri tecnici dell’assistenza sul campo hanno supportato gli operatori sanitari di tutto il mondo durante questi tempi di test. In queste circostanze, sono contento del modo in cui ci siamo esibiti e sono grato e orgoglioso di come tutti i nostri dipendenti hanno intensificato.
Nel trimestre, le vendite di Philips sono diminuite del 6% su base comparabile e abbiamo conseguito un margine EBITA rettificato del 9,5%. L’assunzione di ordini comparabili è cresciuta di un ulteriore 27% grazie alla crescita a due cifre nel trimestre precedente, trainata da sistemi di imaging TC, ventilatori ospedalieri e monitor paziente. Come anticipato, COVID-19 ha causato una forte riduzione della domanda dei consumatori e il rinvio delle installazioni negli ospedali, nonché procedure elettive, con un calo delle vendite comparabile del 19% per le nostre attività di salute personale e un calo del 9% per le nostre attività di diagnosi e trattamento . Ciò è stato parzialmente compensato da una forte crescita delle vendite comparabili del 14% per le nostre attività di Connected Care.
Ci aspettiamo di tornare alla crescita e migliorare la redditività per il Gruppo nella seconda metà dell’anno, supponendo di poter convertire il nostro portafoglio ordini esistente per le attività di Diagnosi & Terapia e Assistenza connessa, le procedure elettive si normalizzano e la domanda dei consumatori migliora gradualmente. Di conseguenza, per l’intero anno 2020 continuiamo a puntare a una modesta crescita comparabile delle vendite e al miglioramento del margine EBITA rettificato.
Guardando al futuro, la nostra missione è più rilevante che mai. La nostra strategia per trasformare la fornitura di assistenza lungo il continuum sanitario, sfruttando le capacità informatiche e di assistenza remota, insieme ai nostri sistemi e servizi innovativi, è stata convalidata durante questa crisi. Sono convinto che Philips sia ben posizionata per soddisfare le esigenze attuali e future di ospedali e sistemi sanitari”.

Le attività di Diagnosi e terapia hanno registrato un calo delle vendite comparabile del 9% a causa del rinvio degli impianti e delle procedure elettive. Sebbene le vendite di Diagnostic Imaging siano state in linea con il secondo trimestre del 2019, gli ultrasuoni hanno mostrato una diminuzione a metà singola cifra e la terapia guidata dall’immagine un calo a doppia cifra. L’assunzione di ordini comparabili ha mostrato una diminuzione a due cifre. Il margine EBITA rettificato è sceso all’8,6%, principalmente a causa del calo delle vendite.

Le vendite comparabili nelle attività di Connected Care sono aumentate del 14%, con una crescita a due cifre in Sleep & Respiratory Care e una crescita a metà singola in Monitoring & Analytics. Assunzione di ordini comparabili più che raddoppiata, guidata dalla forte domanda di monitor paziente e ventilatori ospedalieri. Il margine EBITA rettificato è aumentato al 17,8%, poiché gli investimenti aggiuntivi per incrementare la produzione sono stati più che compensati dalla leva operativa.

Le attività di Personal Health hanno registrato un calo delle vendite comparabile del 19%, con tutte le aziende in calo a causa della significativa riduzione della domanda dei consumatori. Il margine EBITA rettificato è sceso al 5,6%, a causa del calo delle vendite, parzialmente compensato dai risparmi sui costi.

Mettendo in evidenza la sua forza nelle partnership strategiche per migliorare l’assistenza ai pazienti e migliorare la produttività degli operatori sanitari, Philips ha firmato 14 nuovi accordi nel trimestre. Ad esempio, Philips e il Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti hanno siglato un accordo decennale per espandere il loro programma di cure tele-critiche, creando il più grande sistema al mondo per fornire ai veterani l’accesso remoto alle competenze di terapia intensiva, indipendentemente dalla loro posizione. Nei Paesi Bassi, Philips e Flevo Hospital hanno firmato un accordo di partnership strategica di 10 anni per supportare la diagnosi di precisione e ottimizzare i flussi di lavoro e i percorsi dei pazienti, promuovendo al contempo l’efficienza e l’ottimizzazione dei costi.
In collaborazione con i suoi partner e fornitori, Philips ha triplicato la produzione dei suoi ventilatori ospedalieri nel trimestre ed è sulla buona strada per raggiungere il previsto aumento quadruplo a 4.000 unità alla settimana a luglio 2020, supportando il trattamento dei pazienti COVID-19 nel regioni più colpite in tutto il mondo.
Philips ha lanciato diverse nuove soluzioni di monitoraggio per l’Unità di terapia intensiva, il reparto generale e la casa con funzionalità di monitoraggio remoto e analisi avanzate. Questi includono i monitor paziente IntelliVue MX750 / MX850 di Philips per l’ICU, il biosensore BX100 di Philips per il rilevamento precoce del deterioramento del paziente nel reparto generale e in collaborazione con BioIntelliSense, il dispositivo medico BioSticker per aiutare a monitorare i pazienti a rischio dall’ospedale all’ospedale casa.
L’Università del Kentucky HealthCare ha collaborato con Philips per implementare la tecnologia tele-ICU dell’azienda per migliorare l’assistenza ai pazienti e migliorare l’utilizzo e il flusso dei pazienti attraverso 160 letti di terapia intensiva nei due ospedali del centro medico accademico. Sfruttando la piattaforma acuta di telehealth di Philips, eCareManager, UK HealthCare sta implementando il primo modello di assistenza virtuale centralizzata dello stato per aiutare gli infermieri a rilevare il rischio di deterioramento dei pazienti, in modo che possano intervenire prima e contribuire a migliorare i risultati delle cure.
Philips ha ricevuto dalla FDA una prima autorizzazione da 510 (k) sul mercato per commercializzare una vasta gamma delle sue soluzioni ad ultrasuoni per la gestione delle complicanze cardiache e polmonari legate a COVID-19. Le soluzioni ad ultrasuoni portatili, in particolare, sono diventate strumenti preziosi per i medici che trattano pazienti COVID-19, grazie alle loro capacità di imaging, portabilità e facilità di disinfezione.
Supportando la crescente domanda di capacità flessibile di terapia intensiva, Philips ha introdotto le sue nuove ICU mobili in India. Le ICU possono essere fornite con una vasta gamma di apparecchiature mediche, inclusi ventilatori, defibrillatori e monitoraggio del paziente. Nelle Filippine, Philips ha introdotto una cabina di imaging diagnostico modulare con una TC o un sistema di radiografia diagnostica per un rapido dispiegamento.
A complemento dei servizi di telemedicina esistenti di Philips Sonicare per i pazienti, Philips e la società di tecnologia dentale Toothpic hanno annunciato una nuova piattaforma di telemedicina per i professionisti dentali. La piattaforma multi-servizio fornisce uno strumento per creare coinvolgimento diretto, acquisizione e fidelizzazione dei pazienti, migliorando l’efficienza dell’ufficio, i tempi di presidenza e l’assistenza remota.

Share Button