Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Pfizer ha riportato i risultati finanziari per il quarto trimestre 2020 e per l’intero anno 2020. I Ricavi per l’intero anno 2020 sono pari a 41,9 miliardi di dollari, che riflettono una crescita operativa del 3%. Escludendo l’impatto di Consumer Healthcare e i 154 milioni di dollari di vendite di BNT162b2, i ricavi per l’intero anno 2020 sono aumentati dell’8% dal punto di vista operativo. La crescita operativa è principalmente guidata dalle forti performance di Vyndaqel / Vyndamax, Eliquis, Oncology Biosimilars, Ibrance, Prevenar 13 Al di fuori degli Stati Uniti, Inlyta, Xeljanz e Xtandi/08/2016.
I Ricavi del quarto trimestre 2020 pari a 11,7 miliardi di dollari, che riflettono la crescita operativa dell’11%. Escludendo le vendite di BNT162b2, i ricavi sono aumentati del 9% dal punto di vista operativo.
Albert Bourla, Presidente e Amministratore delegato di Pfizer, ha dichiarato: “Il 2020 è stato un anno di trasformazione, non solo per Pfizer, ma anche nella vita di ogni paziente in ogni comunità che serviamo. Come azienda, abbiamo assistito al culmine della decennale conversione di Pfizer in un’azienda pura, incentrata sulla scienza e sull’innovazione. Immediatamente, la nostra capacità di muoverci rapidamente e utilizzare la scienza all’avanguardia per aiutare ad affrontare le sfide mediche più importanti del mondo è stata messa alla prova dalla pandemia COVID-19. Il nostro successo da record nello sviluppo di un vaccino contro COVID-19, insieme al nostro partner BioNTech, è solo un esempio di ciò che crediamo che questo nuovo Pfizer sia in grado di ottenere. Mentre il mondo attende con impazienza il 2021 con rinnovata speranza di giorni migliori, guardiamo anche avanti con rinnovata fiducia e determinazione nella nostra capacità di realizzare il nostro scopo, di realizzare scoperte che cambiano la vita dei pazienti”.
Frank D’Amelio, Chief Financial Officer e Executive Vice President, Global Supply, ha aggiunto: “Sono molto soddisfatto di come la nostra azienda si è comportata nel 2020, e in particolare nel quarto trimestre, dove abbiamo ottenuto una crescita dei ricavi operativi a doppia cifra guidata da un’ampia gamma di prodotti e aree geografiche, inclusa la crescita in tutte le nostre aree terapeutiche. Sono stato anche lieto che Pfizer abbia completato la transazione per unire Upjohn e Mylan per formare Viatris nel quarto trimestre, il che credo posiziona sia Pfizer che Viatris per un brillante futuro. Mi sento fiducioso nella nostra capacità di continuare a funzionare bene e mantenere i nostri impegni nel 2021 e oltre, sia per i nostri pazienti che per i nostri azionisti”.

I ricavi del quarto trimestre 2020 sono stati pari a $ 11,7 miliardi, con un aumento di 1,2 miliardi di dollari, o del 12%, rispetto al trimestre dell’anno precedente, riflettendo una crescita operativa di 1,1 miliardi di dollari, o dell’11%, nonché un impatto favorevole del cambio di 100 milioni di dollari, o 1%.
Vyndaqel / Vyndamax a livello globale si è dimostrato in crescita del 96% a livello operativo, guidato dalla continua e forte performance del lancio dell’indicazione di cardiomiopatia amiloide transtiretina negli Stati Uniti e in Giappone nel 2019 e nell’Unione Europea.
Prevnar 13 / Prevenar 13 è risultato in crescita del 10% dal punto di vista operativo, principalmente guidato da: -36% di crescita operativa nell’Europa sviluppata, che riflette la maggiore diffusione da parte degli adulti in alcuni mercati derivante da una maggiore consapevolezza sui vaccini per malattie respiratorie, compresa specificamente la malattia pneumococcica, dovute alla pandemia COVID-19; e –11% di crescita negli Stati Uniti, a causa dell’impatto favorevole della tempistica degli acquisti pubblici per l’indicazione pediatrica, parzialmente compensata da un calo nell’indicazione per adulti che riflette l’impatto della raccomandazione rivista del Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione per l’indicazione per adulti a – 5 – processo decisionale clinico condiviso, nonché l’impatto continuo di una popolazione adulta idonea rimanente inferiore. Eliquis è apparso in crescita del 14% dal punto di vista operativo, guidato dalla crescita nei mercati emergenti, in Europa sviluppata e negli Stati Uniti, guidato principalmente dal continuo aumento dell’adozione nella fibrillazione atriale non valvolare e dall’aumento della quota di mercato degli anticoagulanti orali. Negli Stati Uniti, la forte crescita dei volumi è stata parzialmente compensata da un prezzo netto inferiore a causa di un maggiore impatto del “gap di copertura” di Medicare e del mix di canali sfavorevole.
Ibrance globalmente, in crescita dell’11% operativamente, principalmente guidata da una forte chinasi ciclina-dipendente penetrazione nella classe e continua leadership di Ibrance nel CDK nel carcinoma mammario metastatico.
Xeljanz a livello globale, in aumento del 14% operativamente, principalmente guidato da: –13% di crescita negli Stati Uniti, che riflette principalmente i volumi più elevati nelle indicazioni di artrite reumatoide, artrite psoriasica e colite ulcerosa, guidati dal raggiungimento di ulteriori indicazioni pazienti attraverso miglioramenti nell’accesso al formulario, parzialmente compensati da maggiori sconti sui contratti firmati di recente che sono stati stipulati per sbloccare l’accesso a vite aggiuntive dei pazienti; e –16% di crescita operativa nei mercati internazionali, che riflette principalmente la continua diffusione dell’indicazione RA e, in misura minore, l’indicazione UC in alcuni mercati sviluppati.
Xtandi negli Stati Uniti, in crescita del 16%, principalmente a causa della forte domanda continua nelle indicazioni per il cancro alla prostata metastatico e non metastatico resistente alla castrazione, nonché per l’indicazione del cancro alla prostata metastatico sensibile alla castrazione, che è stata approvata negli Stati Uniti nel dicembre 2019.
Biosimilari, che sono cresciuti dell’86% a livello operativo a 525 milioni di dollari, principalmente guidati dai recenti lanci di biosimilari oncologici di Ruxience, Zirabev e Trazimera negli Stati Uniti e in altri mercati globali, nonché dalla continua crescita di Retacrit, principalmente negli Stati Uniti, parzialmente compensato principalmente da minori ricavi.
Chantix negli Stati Uniti, in calo del 40%, guidato dalla perdita della protezione brevettuale negli Stati Uniti nel novembre 2020, nonché da un impatto negativo della pandemia COVID-19 con conseguente calo dei pazienti visite a medici a fini di prevenzione sanitaria; e sigla Enbrel a livello internazionale, in calo del 18% a livello operativo, principalmente a causa della continua concorrenza dei biosimilari nella maggior parte dei mercati europei sviluppati, nonché in Brasile e Giappone.

I ricavi dell’intero anno 2020 sono stati pari a 41,9 miliardi di dollari, con un aumento di 736 milioni di dollari, o 2%, rispetto all’intero anno 2019, riflettendo una crescita operativa di 1,1 miliardi di dollari, o 3%, e l’impatto sfavorevole del cambio di 331 milioni di dollari, o 1%.
I ricavi per l’intero anno 2020 per le aree terapeutiche biofarmaceutiche di Pfizer hanno totalizzato 41,9 miliardi di dollari, in crescita dell’8% a livello operativo, principalmente guidato dalla forte crescita di: Vyndaqel / Vyndamax ed Eliquis a livello globale; Biosimilari di oncologia, compresi i recenti lanci di Ruxience, Zirabev e Trazimera; Prodotti iniettabili sterili negli Stati Uniti; Prevenar 13 al di fuori degli Stati Uniti; Inlyta e Xeljanz a livello globale; Xtandi negli Stati Uniti, parzialmente compensati principalmente da minori ricavi per Enbrel a livello internazionale; Prevnar 13 negli Stati Uniti; e▪Chantix negli Stati Uniti I ricavi per l’intero anno 2020 per i prodotti sanitari di consumo sono diminuiti di 2,1 miliardi di dollari, o del 100% dal punto di vista operativo, riflettendo il 31 luglio 2019 il completamento della transazione di joint venture Consumer Healthcare con GSK.

Share Button