Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Pfizer ha annunciato che il primo partecipante è stato dosato nello studio di fase 2 MagnetisMM-3 di elranatamab, un antigene di maturazione delle cellule B sperimentale CD3. -anticorpo bispecifico mirato, in pazienti con mieloma multiplo recidivante / refrattario. Lo studio valuta l’efficacia e la sicurezza di elranatamab, somministrato per via sottocutanea, in pazienti con malattia refrattaria ad almeno un agente in ciascuna delle tre principali classi di farmaci approvati per il mieloma multiplo. La data di completamento primaria stimata dello studio è giugno 2022. Elranatamab ha anche ottenuto la designazione Fast Track dalla Food and Drug Administration statunitense. Fast Track è un processo progettato per facilitare lo sviluppo e accelerare la revisione di nuovi farmaci e vaccini destinati a trattare o prevenire condizioni gravi che hanno il potenziale per soddisfare un’esigenza medica non soddisfatta.1 “L’avvio di MagnetisMM-3, la nostra sperimentazione fondamentale, è un passo importante nel nostro programma di sviluppo robusto e accelerato per elranatamab”, ha affermato Chris Boshoff, Chief Development Officer, Oncology, Pfizer Global Product Development. “Gli anticorpi bispecifici sono promettenti come il prossimo potenziale passo avanti nel trattamento del mieloma multiplo. Siamo molto incoraggiati dai primi dati con elranatamab sottocutaneo, che è stato scoperto e sviluppato presso Pfizer e progettato per migliorare la sicurezza e la praticità”. Alla riunione annuale ed esposizione della Virtual American Society of Hematology nel dicembre 2020, Pfizer ha presentato dati incoraggianti da uno studio di Fase 1 in corso su elranatamab che dimostrano sicurezza gestibile e tassi di risposta elevati in pazienti con mieloma multiplo recidivante / refrattario, inclusi tre pazienti la cui malattia è ricaduta o è progredita dopo precedenti terapie mirate al BCMA. Al livello di dose più alto, che ha informato la dose selezionata per lo studio di fase 2, l’83% dei pazienti ha ottenuto una risposta clinica. La sicurezza è stata gestibile attraverso tutti i livelli di dose sottocutanea senza osservare tossicità dose-limitanti. Gli anticorpi bispecifici sono un nuovo tipo di immunoterapia contro il cancro che si lega e coinvolge due diversi bersagli contemporaneamente. Un braccio si lega direttamente a specifici antigeni sulle cellule tumorali e l’altro si attiva e avvicina le cellule T di una persona dal sistema immunitario per uccidere le cellule tumorali. Elranatamab è un anticorpo bispecifico progettato per legarsi al BCMA, che è altamente espresso sulla superficie delle cellule di mieloma multiplo e al recettore CD3 che si trova sulla superficie delle cellule T che combattono il cancro, collegandoli insieme per attivare una risposta immunitaria. L’affinità di legame per BCMA e CD3 è stata ottimizzata, per suscitare potenzialmente un’attività anti-mieloma mediata da cellule T più potente. La somministrazione sottocutanea di elranatamab ha lo scopo di consentire dosi più elevate rispetto alla somministrazione endovenosa senza aumentare gli eventi avversi. Oltre a MagnetisMM-3, sono previsti altri studi di elranatamab nel mieloma multiplo sia in monoterapia che in combinazione con terapie standard o nuove. “La seconda e le successive ricadute sono purtroppo fin troppo comuni nel mieloma multiplo e possono essere devastanti per i pazienti poiché le remissioni tendono ad essere più brevi e la malattia può essere più aggressiva”, ha affermato Alexander M. Lesokhin, ricercatore capo ed oncologo ematologico al Memorial Sloan Kettering Cancer Center. “Targeting BCMA è un’area promettente di innovazione nel mieloma multiplo.” “Vivere con il mieloma multiplo può spesso essere un ottovolante, di speranza e delusione. Può essere così su e giù e snervante come spesso accade che venga iniziato un nuovo trattamento, solo per finire in un’altra ricaduta”, ha affermato Susie Novis Durie, fondatrice e presidente della International Myeloma Foundation. “La continua ricerca per sviluppare nuovi trattamenti con nuovi meccanismi di azione è essenziale per migliorare i risultati per questi pazienti”.

Share Button