Print Friendly, PDF & Email

Un sistema di ultima generazione per la Mineralometria ossea computerizzata GE Lunar Prodigy è stata installata e collaudata nel presidio ospedaliera catalano ed e’ già pienamente operativa. Si tratta di un test diagnostico per la misurazione dei livelli di calcio e altri minerali nelle ossa dello scheletro umano.

Attraverso la MOC i medici stimano la densità minerale ossea, la misura della quantità di minerali contenuti in un centimetro cubo di osso.

E’ indicata principalmente per la diagnosi di osteopenia e osteoporosi, e per la valutazione e il monitoraggio di tutte quelle condizioni che possono causare osteopenia od osteoporosi secondaria

Il macchinario e’ stato installato all’interno della Radiologia dell’ospedale Marino, articolazione della Sc Diagnostica per immagini del presidio ospedaliero di Alghero, diretta dal dottor Flavio Cadeddu.

“L’acquisto della nuova apparecchiatura si inserisce all’interno della programmazione avviata da Ares Sardegna per rispondere alle esigenze della nostra azienda, attingendo da fondi erogati dal PNRR – Missione 6 salute, relativi all’ammodernamento del parco tecnologico. Per supportare l’intensa attività del reparto, infatti, sin dallo scorso anno si era provveduto a sostituire i vecchi macchinari col  noleggio di un sistema di nuova generazione, che ha consentito di garantire l’operatività della struttura sino all’ultima e definitiva installazione. Si tratta di un sistema ad alte prestazioni, efficiente e affidabile, che incrementa l’accuratezza diagnostica, la velocità di esecuzione degli esami ed espande l’offerta clinica con particolare attenzione ai pazienti pediatrici”, spiega il direttore generale della Asl di Sassari, Flavio Sensi.

Nel biennio 2022-2023  la Sc Diagnostica per immagini dell’ospedale di Alghero ha effettuato 16.757 prestazioni a 8.400 pazienti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l’osteoporosi come una malattia silenziosa caratterizzata da una ridotta massa ossea e un deterioramento della micro-architettura del tessuto osseo. A livello mondiale, l’osteoporosi colpisce circa 200 milioni di donne e provoca quasi nove milioni di fratture ogni anno.

L’osteoporosi prevale nella popolazione femminile over 50 anni: una donna su tre e un uomo su cinque di età superiore ai 50 anni, subiscono una frattura a causa dell’osteoporosi.

La Moc ha lo scopo di misurare la densità ossea a livello di segmenti scheletrici con maggior rischio di frattura indotto dall’osteoporosi.

“Abbiam creduto nella Moc sin da subito perchè eravamo certi che solo le abitudini ai grandi numeri di una radiologia potesse dare valore a questa metodica di studio, e i numeri registrati in questi anni ci hanno dato ragione”, spiega il direttore della Sc Diagnostica per immagini, Flavio Cadeddu.