Print Friendly, PDF & Email

Roche ha annunciato i risultati dettagliati di quattro studi di fase III del suo anticorpo bispecifico sperimentale, faricimab, per il trattamento dell’edema maculare diabetico e della degenerazione maculare neovascolare o “umida” legata all’età. Gli studi hanno costantemente dimostrato che faricimab, somministrato a intervalli fino a quattro mesi, offriva miglioramenti della vista non inferiori rispetto ad aflibercept, somministrato ogni due mesi. Circa la metà delle persone eleggibili per un dosaggio prolungato con faricimab ha potuto essere trattata ogni quattro mesi nel primo anno negli studi YOSEMITE e RHINE in DME e negli studi TENAYA e LUCERNE in nAMD. Faricimab è il primo medicinale oculare iniettabile a raggiungere questo lasso di tempo tra i trattamenti negli studi di fase III per DME e nAMD. Inoltre, circa tre quarti delle persone eleggibili per un dosaggio prolungato con faricimab hanno potuto essere trattati ogni tre mesi o più a lungo nel primo anno. Faricimab è stato generalmente ben tollerato in tutti e quattro gli studi, senza che siano stati identificati segnali di sicurezza nuovi o inattesi. I risultati degli studi saranno presentati sabato 13 febbraio ad Angiogenesis, Exudation, and Degeneration 2021, un simposio medico presentato dal Bascom Palmer Eye Institute dell’Università di Miami Miller School of Medicine. “Questi dati di faricimab offrono la promessa di un nuovo trattamento per due cause comuni di cecità, edema maculare diabetico e degenerazione maculare neovascolare legata all’età”, ha affermato Jeffrey Heier, Direttore della ricerca sulla retina presso Ophthalmic Consultants of Boston a Boston. “Il potenziale di Faricimab di prolungare il tempo tra i trattamenti può giovare a quei pazienti che lottano per tenere il passo con le visite mediche regolari e le iniezioni oculari necessarie per preservare la loro vista”. Sebbene le iniezioni in monoterapia del fattore di crescita endoteliale anti-vascolare abbiano ridotto significativamente la perdita della vista da DME e nAMD, il carico di trattamento associato a frequenti iniezioni oculari e visite mediche può portare a sotto-trattamento e, potenzialmente, a risultati visivi non ottimali. Faricimab è il primo anticorpo bispecifico sperimentale progettato per l’occhio. A differenza dei trattamenti attuali per DME e nAMD che inibiscono la via del VEGF, faricimab prende di mira due percorsi distinti – tramite angiopoietina-2 e VEGF-A – che guidano una serie di condizioni retiniche. Attraverso questo nuovo meccanismo d’azione, faricimab è progettato per stabilizzare i vasi sanguigni e quindi ridurre l’infiammazione e le perdite più che inibire una delle vie da solo. Ciò può migliorare i risultati della vista più a lungo rispetto alla monoterapia anti-VEGF e a sua volta ridurre la frequenza delle iniezioni oculari necessarie. “Questi risultati positivi mostrano il potenziale per faricimab come il primo nuovo tipo di medicinale in 15 anni per le persone con degenerazione maculare neovascolare legata all’età e in quasi un decennio con edema maculare diabetico”, ha detto Levi Garraway, Chief Medical Officer di Roche e Head of Global Product Development. “Questo è un momento entusiasmante per il nostro programma di sviluppo clinico di oftalmologia, con molteplici successi di fase III per due farmaci della nostra pipeline in fase avanzata. Speriamo di portare questi potenziali trattamenti alle persone che vivono con condizioni retiniche che minacciano la vista il prima possibile “.

Share Button