Nessun banner disponibile

Print Friendly, PDF & Email

Roche ha confermato i risultati positivi dello studio di fase III REGN-COV 2069 che valuta la capacità del cocktail di anticorpi sperimentali casirivimab e imdevimab di ridurre il rischio e il carico di infezione da COVID-19 tra i contatti familiari di individui infetti da SARS-CoV-2. Lo studio, condotto congiuntamente con il National Institute of Allergy and Infectious Diseases, parte del National Institutes of Health, ha raggiunto i suoi endpoint primari e secondari chiave. Ha dimostrato che la somministrazione sottocutanea di casirivimab e imdevimab ha ridotto il rischio di infezioni sintomatiche dell’81% in coloro che non erano infetti quando sono entrati nello studio. Inoltre, gli individui trattati con casirivimab e imdevimab che hanno ancora avuto un’infezione sintomatica hanno risolto i loro sintomi in media entro una settimana, rispetto a tre settimane con il placebo. Non sono stati osservati nuovi o gravi segnali di sicurezza.
“I dati odierni confermano il potenziale duplice valore di casirivimab e imdevimab per ridurre le infezioni domestiche da COVID-19 e per diminuire il carico di malattia in coloro che vengono infettati, se somministrati come opzione sottocutanea”, ha affermato Levi Garraway, Chief Medical Officer di Roche e Head of Global Product Development. “Sebbene le vaccinazioni stiano aumentando a livello globale, rimane un bisogno critico insoddisfatto in tutto il mondo per prevenire le infezioni e fornire protezione immediata dal COVID-19 tra contatti stretti. Questo è il motivo per cui siamo entusiasti di portare questi dati alle autorità sanitarie con l’obiettivo di rendere la combinazione disponibile a più persone il prima possibile”. Lo studio di fase III, in doppio cieco, controllato con placebo ha valutato l’effetto di casirivimab e imdevimab su individui senza anticorpi SARS-CoV-2 o sintomi COVID-19, che vivevano nella stessa famiglia di un individuo risultato positivo alla SARS- CoV-2 nei quattro giorni precedenti. Comprendeva 1.505 persone che non erano state infettate da SARS-CoV-2 al basale e avevano ricevuto una dose di casirivimab con imdevimab o placebo, somministrati come iniezioni sottocutanee. Inoltre, lo studio in più parti ha valutato il cocktail di anticorpi in una coorte di 204 pazienti asintomatici infettati di recente, randomizzati a ricevere una dose di casirivimab e imdevimab o placebo. In questa coorte, casirivimab e imdevimab hanno ridotto del 31% il rischio complessivo di progredire a COVID-19 sintomatico. I risultati dettagliati della sperimentazione saranno condivisi il prima possibile con le autorità di regolamentazione. Regeneron condividerà nuovi dati con la Food and Drug Administration degli Stati Uniti e Roche e Regeneron continueranno a collaborare con l’Agenzia europea per i medicinali e altre autorità sanitarie in tutto il mondo. Il cocktail di anticorpi continua a essere valutato negli studi clinici in più contesti per COVID-19: in pazienti non ospedalizzati e in alcuni pazienti ospedalizzati, incluso lo studio in aperto RECOVERY di pazienti ospedalizzati nel Regno Unito. Ad aprile 2021, più di 25.000 persone hanno partecipato a studi clinici che coinvolgono casirivimab e imdevimab.

Share Button